Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La nuova sfida del Consulente finanziario


L'investimento sostenibile è la nuova sfida del consulente finanziario, ove bilanciare obiettivi di redditività con il senso etico e sociale.
La nuova sfida del Consulente finanziario
Una recente indagine Doxa "Il risparmiatore responsabile" rivolta ai risparmiatori privati italiani, con la collaborazione di Banca Generali e Natixis, ha evidenziato come la sicurezza sia diventata l’elemento cruciale nelle scelte dell’investimento, superiore addirittura alla redditività. Gli investitori sono così prudenti che diffidano delle Istituzioni e degli Organi di Vigilanza, utili riferimenti per effettuare scelte d’investimento in autonomia, e privilegiano il consiglio esperto del consulente finanziario.

Questo clima favorevole a chi svolge un lavoro di consulenza negli investimenti non deve, però, considerarsi un traguardo. Risulta ancora modesta la conoscenza nei risparmiatori dei prodotti finanziari acquistati: solo il 4% dichiara di avere una conoscenza adeguata dei prodotti in portafoglio. Questo trend è contrapposto all’interesse crescente nelle tematiche ambientali, sociali e di governance proprie della finanza sostenibile. Il comportamento del consulente che non propone soluzioni d’investimento sostenibile o, peggio, non informa adeguatamente il risparmiatore, potrebbe rappresentare nel lungo periodo uno svantaggio competitivo o semplicemente una mancata opportunità.

La finanza sostenibile, invece, sembra essere proprio il cavallo di battaglia per rafforzare il rapporto di fiducia consulente-risparmiatore, se proposta assicurando un buon bilanciamento tra le aspettative di redditività e quelle di sostenibilità. Si tratta di riposizionare completamente la proposition d’investimento verso una logica di "engagement" non senza difficoltà. L’offerta di prodotti d’investimento sostenibile è ampia ma molto diversificata, senza sistemi di valutazione chiari che permettano comparazioni significative. Questo contesto non crea difficoltà se si tratta di proporre un investimento sostenibile a dei risparmiatori con portafogli diversificati, quale prodotto innovativo a supporto della strategia di assets management. Difficile è proporre un investimento sostenibile (SRI) ai piccoli risparmiatori, ove prevale l’interesse privato, l’inerzia al cambiamento e la diffidenza verso investimenti poco conosciuti.

Eppure i numeri della finanzia sostenibile sono interessanti. In Europa gli investimenti responsabili sono cresciuti a cavallo tra il 2014 e il 2016 a un tasso del +12%, raggiungendo i 12,04 trilioni di dollari. Rientrano tra questi investimenti le strategie "per esclusione", ovvero gli investimenti che non riguardano imprese che producono armi, tabacco, pellicce, pornografia, nucleare o che operano nelle fonti fossili di energia; quelle che mirano alla "responsabilità sociale" privilegiando le aziende sensibili al trattamento economico dei dipendenti, al coinvolgimento degli stakeholder e del management alle politiche di investimento etiche; quelle, ancora, che realizzano un prodotto etico allineato agli standard OCSE o ONU.

Le premesse ci sono tutte per sfatare la percezione dei risparmiatori più scettici che l’investimento sostenibile non sia redditizio. E qui comincia la nuova sfida del consulente finanziario ....


Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La nuova sfida del Consulente finanziario

L'investimento sostenibile rappresenta la nuova sfida del consulente finanziario, ove bilanciare obiettivi di rendimento con senso etico e sociale.

Continua

A proposito di criptovalute

Bolla o non bolla, la moneta digitale ha raggiunto livelli e performance da interessare i maggiori operatori finanziari. E' il futuro che bussa!

Continua

Il ritorno del protezionismo

La minaccia dei dazi come atto di forza per ottenere vantaggi negoziali: una mossa perdente per il commercio internazionale

Continua

Finanza etica per i "nuovi poveri"

Parliamo delle persone che hanno casa, lavoro e famiglia, ma che non arrivano a fine mese. Una fascia sociale che consente alla finanza di riscattarsi

Continua