Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La PNL: che cos’è e che cosa vuole ottenere?


PNL e coaching assieme per raggiungere il cambiamento desiderato
La PNL: che cos’è e che cosa vuole ottenere?
Si intende con Programmazione-Neuro Linguistica o PNL una serie di tecniche individuate nel 1975 da John Grinder (linguista) e Richard Bandler (matematico). La PNL studia gli schemi della "programmazione" del nostro comportamento creati dall’interazione tra il cervello ("Neuro"), il linguaggio ("Linguistica") ed il corpo, in modo da comprendere meglio i processi in cui si manifesta l’eccellenza umana. Ovvero, attraverso il linguaggio (L) si comunicano i concetti (N) in una forma codificata come corretta (P) e quindi condivisibile. Ad esempio, non si può dire: "La mangia mela", bensì "Mangia la mela". Lo stesso per le azioni, le decisioni, le pianificazioni, etc. Una volta compresa la struttura di un comportamento di successo, attraverso l’analisi P-N-L se c'è anche una sola persona al mondo che sa fare una certa cosa si può imparare la strategia e insegnarla.
Più approfonditamente e in una fase successiva, le abilità e tecniche furono fatte derivare dall’osservazione degli schemi di eccellenza in esperti di diversi campi di comunicazione professionale, tra cui psicoterapia, economia, salute e formazione scolastica.
Dunque, l’obiettivo della PNL è di condurre al cambiamento attraverso un preciso processo: l’identificazione dello stato della persona (dov’è) e delle risorse necessarie (ispirate dal concetto di eccellenza) per il raggiungimento dello stato desiderato (dove vuole arrivare). Si prenda l’esempio di una maggiore delega: analisi dello stato del momento (Quanto delega? Quali persone? Che cosa manca? etc.), analisi dello stato desiderato (quanto vorrebbe/dovrebbe delegare, in che modo, etc.) e delle risorse necessarie per raggiungere lo stato desiderato (ad esempio: maggior autonomia, indipendenza, autocritica, stima, coraggio o altre risorse. Le risorse, o doti, sono identificate o da precedenti esperienze proprie oppure da un modello di riferimento significativo, quale un maestro, un capo, un personaggio pubblico di grande spessore, etc.).
Negli anni si sono formate diverse scuole di PNL, che condividono dei "presupposti", cioè delle convinzioni sul cambiamento delle persone.
I presupposti della PNL:
- Abbiamo già le risorse che servono per il cambiamento o il raggiungimento di un obiettivo. Prendiamo a prestito abilità nostre in un campo e trasferiamole in un altro campo. Ad esempio: ci si può ispirare ad una nostra dote sociale per migliorarci come venditori.
- Non c’è fallimento, solo feedback. Fissarsi sul pensiero che abbiamo fatto tutto male non aiuta. Qual è la lezione che possiamo imparare per andare avanti invece?
- Tutti i comportamenti hanno un’intenzione positiva. Ad esempio, la paura di volare ha l’intenzione positiva di non far correre un pericolo. Riuscire a smascherare l’intenzione positiva dietro ad un comportamento negativo aiuta decisamente il cambiamento.
- La mappa non è il territorio. Abbiamo delle rappresentazioni della realtà diverse l’uno dall’altro. E’ opportuno tener conto delle diverse interpretazioni sia per verificare che la nostra sia corretta sia per entrare in sintonia con quelle degli altri.
- La dote maggiore di un individuo o di un'organizzazione è la flessibilità, cioè la capacita di variare il proprio comportamento per ottenere il risultato voluto.
- La mente ed il corpo sono un solo sistema. L'esperienza interna ricordata o immaginata produce gli stessi effetti dell'esperienza reale.
- Non si può non comunicare. Anche il silenzio è comunicazione, anche uno sguardo negato.
- Non esiste comunicazione corretta o sbagliata. La comunicazione è definita dal risultato che ottiene. E' necessario quindi imparare a leggere il risultato, e di conseguenza variare il proprio comportamento.
- L’energia segue le intenzioni. Vi è mai capitato di riuscire in qualcosa che a detta di altri era senza dubbio impossibile?
- Se quello che fai non funziona, fai qualcos’altro. Sembrerebbe ovvio, ma talvolta questo principio non viene seguito.
Se questi processi vengono messi in pratica con l'aiuto di un coach, sarà possibile raggiungere il cambiamento desiderato.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Dimmi come comunichi e ti dirò chi è l'altro

La comunicazione è lo specchio della relazione che abbiamo con l'altro e comunicare non vuol dire semplicemente trasmettere ciò che si ha in mente

Continua

Intendiamo quello che diciamo?

L'Analisi Transazionale smaschera la comunicazione di facciata e fa riflettere sul vero significato di ciò che viene detto e come viene detto

Continua

I dialoghi tra le nostre "parti" interne

Noi ci mettiamo in gioco con le diverse nostre parti: il nostro senso di responsabilità, la nostra morale e il divertimento si intrecciano

Continua

Com'è che ci innamoriamo?

Breve excursus nel pianeta dell'amore da una prospettiva biologica: quello che facciamo e non sappiamo di fare, o che facciamo ma non sappiamo perché

Continua

La differenza tra terapia, counselling e coaching

In base a quali elementi scegliere una figura professionale piuttosto che un’altra per lavorare su noi stessi e quali sono le differenze e gli aspetti

Continua

Quando si è in difficoltà, a cosa serve un coach?

Quali sono i motivi che spingono a cercare aiuto e come un coach può aiutare?

Continua

Dentro una sessione di coaching

Che cosa succede durante un percorso di coaching? Qui uno spaccato della prima sessione

Continua

Coaching per la gestione dei conflitti

Si riporta qui un caso-studio per rendere maggiormente evidente come funziona un percorso di coaching. il caso proposto è sulla gestione dei conflitti

Continua