Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La politica monetaria attuale, quali risvolti?


Vantaggi e svantaggi dell'aumento dei tassi di interesse in Europa e negli Stati Uniti
La politica monetaria attuale, quali risvolti?

In Economia molte situazioni sono correlate le une alle altre e ogni scelta ha delle conseguenze ad essa legate. 

Questa prima parte di 2022 è stata caratterizzata in particolare dalla guerra tra Russia e Ucraina e dal rialzo particolarmente forte dell'inflazione nei Paesi sviluppati (inflazione che già era in aumento nella fase post pandemia con la ripresa dei consumi ma che poi è esplosa proprio in concomitanza con la suddetta guerra che ha fatto aumentare i prezzi delle materie prime energetiche con effetti successivi sui prezzi di tutti i prodotti): questa combo ha creato forte volatilità sui mercati finanziari, sia azionari che obbligazionari, mandando in fibrillazione i gestori, gli investitori e i risparmiatori di tutto il mondo.

In questo articolo mi voglio soffermare in particolare su come le Banche centrali stanno cercando di intervenire attraverso le loro politiche monetarie per raffreddare la corsa dei prezzi.

Sia la BCE europea che la Fed americana, dopo anni di stimolo all'economia e di supporto ai mercati finanziari, hanno annunciato (e in parte già praticato) una stretta attraverso l'aumento dei tassi di interesse che, nella loro ottica, dovrebbe portare a una riduzione dei consumi e quindi, nell'ambito della logica correlazione tra domanda e offerta, ad un abbassamento dei prezzi di prodotti e servizi.

Ma che effetti diretti avranno questi aumenti dei tassi di interesse? Certamente per le famiglie e le imprese sarà più costoso prendere soldi in prestito tramite mutui e finanziamenti e questo potrebbe ritardare nella loro pianificazione economica l'acquisto della casa o della macchina nuova oppure l'investimento in azienda per aumentare la produzione: tutto ciò dovrebbe rallentare i consumi e quindi contribuire a contenere l'inflazione.

Cosa succede a chi ha già mutui e prestiti in corso? Se si sono scelte soluzioni a tasso fisso non cambia niente, anche se negli ultimi mesi con tale sistema si è già scontato un importante aumento dei tassi di interesse al momento della sottoscrizione... Certamente chi ha mutui e prestiti a tasso variabile (che nel lungo termine, ricordo, è quasi sempre stato storicamente più vantaggioso del tasso fisso) vedrà aumentare la propria rata mensile e questo comporterà probabilmente sottrarre risorse per i consumi e quindi contenere l'aumento dei prezzii. Per questi ultimi, consiglio di cercare di intervenire prima che il suddetto aumento dei tassi di interesse sia effettivo, trasformando il proprio mutuo a tasso variabile in una soluzione più sicura (non tanto il tasso fisso che ormai già sconta il rialzo ma magari un tasso variabile a rata costante oppure un tasso variabile con tetto).

Sul fronte degli investimenti, l'aumento dei tassi di interesse ha portato ad una sensibile riduzione dei prezzi delle obbligazioni e dei titoli di Stato già in circolazione (per il fatto che i nuovi titoli vengono emessi con tassi più alti, svalutando così i vecchi titoli in circolazione che presentano rendimenti più bassi). Cosa fare? Considerando che questa tipologia di investimenti comporta il rimborso del valore nominale a scadenza (salvo default della Società o del Paese emittente), il consiglio ai risparmiatori è di non farsi prendere dal panico, non disinvestire sui cali e aspettare tempi migliori. Se poi si ha liquidità a disposizione, un investimento sui cali sarebbe cosa appropriata e porterebbe nel medio e lungo termine certamente dei grandi vantaggi in termini di rendimento,

Sempre dal punto di vista degli investimenti, andiamo ad analizzare come l'aumento dei tassi di interesse ha influito invece sui mercati azionari. In apparenza questi ultimi sembrerebbero completamente decorrelati rispetto alle scelte di politica monetaria: invece così non è!!! Infatti, ricordiamoci che il mercato azionario rappresenta le quote di capitale delle Società private e quindi, se con il rialzo dei tassi di interesse queste ultime hanno più difficoltà a finanziare la loro attività sul mercato del debito, si viene influenzati da quelle che sono le aspettative future circa l'andamento dell'economia reale. Visto già il vistoso calo dei prezzi nei mercati azionari mondiali, dobbiamo pensare che l'effetto negativo di tali aspettative sia già stato scontato e, quindi, questo può essere il momento opportuno per investire? Ovviamente nessuno sa la risposta ma di certo c'è che nel medio e soprattutto lungo termine i mercati azionari mondiali hanno visto sempre un trend di forte crescita, con però grandi oscillazioni nel breve termine. Quindi la soluzione potrebbe essere quella di investire nei mercati azionari in questo momento in maniera graduale attraverso piani di accumulo del capitale oppure attraverso delle strategie di investimento automatico graduale.

In ogni caso, soltanto nei prossimi mesi potremmo capire se le attuali scelte di politica monetaria restrittiva possano essere considerate come uno degli anticorpi da immettere nel sistema per favorire una ripresa dell'economia reale e dei mercati finanziari, oltre che un raffreddamento dell'aumento dei prezzi di materie prime, beni e servizi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida alla scelta di una Banca sicura ed efficiente

Come riconoscere una Banca solida a cui affidare i propri soldi e quale modello organizzativo bancario scegliere per garantirsi efficienza gestionale

Continua

Piani individuali di risparmio: la grande opportunità

La ripresa economica e la crescita delle piccole e medie imprese italiane voleranno sulle ali delle risorse finanziarie europee e del contributo delle famiglie italiane

Continua

La gestione del credito nell'ambito della Consulenza patrimoniale

Come realizzare i propri progetti di vita attraverso una sana gestione del credito, inserita in un'accurata pianificazione patrimoniale

Continua

Il passaggio generazionale nella pianificazione patrimoniale

Come rimanere proprietari del proprio patrimonio fino all'ultimo e garantirne il passaggio ai propri cari dopo la propria morte in maniera facile e veloce

Continua

La pianificazione patrimoniale

Cos'è la pianificazione patrimoniale e perchè affidarsi ad un professionista esperto

Continua

Come migliorare i tuoi investimenti finanziari: 5 consigli utili

5 Consigli per favorire l'aumento del tuo patrimonio finanziario più 1 Segreto da condividere con i tuoi cari

Continua

Finanza comportamentale: come gestire le emozioni negli investimenti

Come ridurre i danni che scelte economiche e finanziarie, prese con scarsa razionalità, possono provocare nei patrimoni

Continua