Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La prima consultazione con l'analista


L’inizio di un vertiginoso descensus nell’Inconscio
La prima consultazione con l'analista
La prima consultazione con l'analista: l’inizio di un vertiginoso descensus nell’Inconscio

La consultazione psicoanalitica offre la possibilità di praticare la psicoanalisi dal primo incontro. Stekel (1950) attribuisce grande importanza al primo incontro: «il risultato del trattamento psicoanalitico è spesso deciso nella prima sessione». Data la sua importanza e le implicazioni che essa ha per le fasi successive, ne segue immediatamente che ogni analista esperto deve essere padrone di questo strumento applicativo della psicoanalisi. Klauber (1971) ha discusso la prima consultazione nei termini del desiderio di fare una diagnosi specificamente psicoanalitica, che tenga conto di difese, valutazioni complesse e motivazioni, per raggiungere una conoscenza significativa della personalità, che risale molto indietro nella storia del paziente.
L'aspetto più importante è che questa diagnosi tiene in conto l’intensità della coazione a ripetere vecchi schemi di comportamento, sia dentro che fuori dell’ analisi (pp. 150-151). In una consultazione di questo tipo, l'oggetto del nostro interesse scientifico non è limitato ai pazienti con una particolare psicopatologia, ma comprende anche l'analista con le sue reazioni individuali di fronte al paziente e la sua comunicazione verbale e non verbale. Si tratta di un incontro tra due persone con ruoli diversi nella comprensione della scena emergente dell'inconscio.
Thoma (1984) ancora una volta ha attirato l'attenzione sul personale contributo dell'analista alla genesi di un efficace incontro psicoanalitico - un contributo che, insieme ad una permanente autoanalisi, è un prerequisito dell’aspetto effettivamente psicoanalitico di questo incontro, pur non essendone l’obiettivo.
Lo scopo principale è comprendere la scena inconscia, che è il rapporto di transfert / controtransfert. Essa riproduce, come un’immagine vista attraverso una lente d'ingrandimento, i conflitti internalizzati del paziente e i tratti delle sue relazioni oggettuali: le informazioni sulla storia del paziente e l’attualizzazione della sua vita allora completano poi il processo di comprensione, in modo che tutto diventi ovvio. Quindi, diventano visibili le strutture dell’organizzazione pulsionale difensiva e delle sue dinamiche inconsce, insieme con il suo ruolo nel dare forma e disegno nella rappresentazione inconscia.
Eissler (1950) afferma che l'obiettivo della psicoanalisi non è il cambiamento strutturale. Questo si otterrebbe attraverso supporti psicoterapeutici, indipendentemente dalla loro frequenza e dall’ambiente specifico; è ciò che è coinvolto in questo processo che è psicoanalisi. Per Winnicott (1962) la psicoanalisi implica la verbalizzazione del conscio in termini di transfert (p. 170).
Questo è applicabile, mutatis mutandis, alla prima consultazione psicoanalitica; e, da questo primo incontro, la struttura di comunicazione nel rapporto tra i due partecipanti è interpretata in termini di transfert: la struttura del rapporto varia, e ciò costituisce un importante primo passo verso un cambiamento strutturale del paziente, il cui successo richiede un’ulteriore elaborazione durante l'analisi. Per garantire il necessario spazio interno necessario per codesto sviluppo, si richiede un atteggiamento professionale che stabilisca una distanza tra analista e paziente (Winnicott, 1960, p. 161).

BIBLIOGRAFIA

BALINT, M. & E. (1961). Psychotherapeutic Techniques in Medicine. London, Tavistock Publications.
EISSLER, K. R. (7.950). The Chicago Institute of Psychoanalysis and the sixth period of the developmentof psychoanalytic technique. J. Gen. Psychol., 42: 103-157.
KLAUBER, J. (1971). Personal attitudes to psychoanalytic consultation. Difficulties in the Analytic Encounter. New York and London, Jason Aronson, 1981, pp. 141-159.
SANDLER, J. (1976). Countertransference and role responsiveness. Int. Reu. Psychoanal., 3: 43-48.
THÖMA, H (1984). Der Beitrag des Psychoanalytikers zur Uberstragung. Psyche, 38: 29-62
WINNICOTT, D. W. (1960). Countertransference. The Maturarional Processes and the Facilitating Environment. London, Hogarth Press and the Institute of Psycho-Analysis, 1965. (1967). The location of cultural experience: Playing and Reality. London, Tavistock Publications, 1971.

Roberto Pasanisi

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Arteterapia come psicologia clinica e psicoterapia

In questo articolo si intende l'Arteterapia come una ‘teoria ed una prassi psicoterapeutica’ a tutti gli effetti ed autonoma

Continua

La prassi dell’Arteterapia come psicologia clinica

In questo articolo si espone la prassi dell'Arteterapia come una ‘prassi psicoterapeutica’ a tutti gli effetti ed autonoma: la Psicoarteterapia

Continua

Alle origini della psicoterapia moderna

Le basi, seppure epistemologicamente pre-scientifiche, per la nascita della psicoterapia e della psicologia dinamica moderne

Continua

Alle origini della psicoterapia moderna

Le basi, seppure epistemologicamente pre-scientifiche, per la nascita della psicoterapia e della psicologia dinamica moderne

Continua

Psicoarteterapia e Training Autogeno

La Psicoarteterapia si giova di un 'approccio integrato' col Training Autogeno (TA) nella sua formulazione classica

Continua

La prassi clinica della psicoarteterapia

La Psicoarteterapia ritiene che tre siano le ‘istanze fondamentali’ dell’individuo: ‘comprensione’, ‘riconoscimento sociale’ ed ‘espressione’

Continua

Nello studio dello psicoanalista

La prima consultazione con l'analista occupa una posizione del tutto speciale

Continua

Psicoanalisi e psicoterapia: modelli della clinica

La consultazione psicoanalitica offre la possibilità di praticare la psicoanalisi dal primo incontro.

Continua

La Psicoarteterapia: un lavoro sulle emozioni

La Psicologia clinica e la Psicoterapia come ‘lavoro sulle emozioni’: un approccio eclettico e integrato, fra Oriente e Occidente

Continua

L’arte come strumento terapeutico in Clinica

La Psicoarteterapia (P.A.T.): un nuovo modello di psicologia clinica e psicoterapia che usa l'arte come strumento terapeutico

Continua