Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La ricevuta per prestazioni occasionali: cos'è e quando serve?


La ricevuta per prestazioni occasionali viene rilasciata dai lavoratori senza partita IVA quando prestano la loro opera in maniera sporadica al di sotto dei 5 mila euro
La ricevuta per prestazioni occasionali: cos'è e quando serve?

In questo articolo faremo luce su uno degli argomenti che maggiormente tratto durante le mie consulenze online: la ricevuta per prestazione occasionale.

A CHI INTERESSA

A tutti coloro che svolgono attività occasionale di lavoro autonomo, in maniera sporadica e non organizzata.

COS’E' LA RICEVUTA PER PRESTAZIONI OCCASIONALI?

E' il documento indispensabile per tutti i soggetti che svolgono un’attività di lavoro autonomo in maniera occasionale e assolve la funzione di quietanza di pagamento nei confronti del committente. Per cui:

  • certifica la prestazione svolta occasionalmente
  • e nel contempo serve a certificare il compenso percepito dal lavoratore.


CHI RILASCIA LA RICEVUTA PER PRESTAZIONI OCCASIONALI E QUANDO SI DEVE EMETTERE

La Ricevuta per Prestazione Occasionale deve essere emessa dal soggetto che svolge l'attività occasionale e viene rilasciata al cliente-committente solamente al momento del pagamento del compenso. La ricevuta, infatti, è a tutti gli effetti una quietanza di pagamento che certifica al cliente di aver pagato una determinata prestazione. Si sconsiglia di emettere e consegnare una ricevuta prima del pagamento perché potrebbe accadere di trovarsi di fronte ad un committente poco corretto che potrebbe non corrisponde il compenso avendo in mano una quietanza di pagamento. Naturalmente è un suggerimento, non una regola!

Possiamo avere due diverse ricevute da rilasciare, a seconda del committente per cui si lavora:

  1. se il committente è un titolare di partita IVA si rilascia una ricevuta per prestazione occasionale con ritenuta d'acconto del 20% (vai nei download e scarica il fac-simile editabile n° 2); 
  2. se il committente è un privato, privo di partita IVA, si rilascerà una ricevuta per prestazione occasionale senza ritenuta d'acconto (vai nei download e scarica il fac-simile editabile n° 3);

Come si vede le due situazioni sono differenti. Nel primo caso occorre applicare la ritenuta d’acconto perché, in base alla legislazione italiana, il titolare di partita IVA deve trattenere la ritenuta d'acconto e versarla  per conto del lavoratore occasionale. Il committente,  in questo caso, copre il ruolo di "sostituto d'imposta". Nel secondo caso non occorre effettuare nessuna trattenuta, ma il compenso coincide con l’importo pattuito.

DATI DI COMPILAZIONE

I dati necessari per una corretta compilazione di una Ricevuta per Prestazione Occasionale sono:

  • la data: deve coincidere con il giorno in cui si riceve il pagamento del compenso richiesto. Le ricevute vanno datate in maniera cronologica.
  • Il numero progressivo: ogni ricevuta deve riportare un numero progressivo annuale (1, 2, 3, etc.), che identifichi il documento. Questa numerazione deve ripartire da  1 ogni anno;
  • dati anagrafici del prestatore-lavoratore e del committente-datore di lavoro: è necessario indicare i dati anagrafici del prestatore, avendo cura di inserire il proprio codice fiscale e l’indirizzo di residenza. Stessa cosa deve essere fatta per il committente, facendo molta attenzione al fatto che questo sia o meno un soggetto titolare di partita IVA, poiché questa deve essere indicata. In questo caso nella ricevuta per prestazioni occasionali è necessario applicare la ritenuta d’acconto del 20%;
  • descrizione dell’attività svolta: nella parte descrittiva della ricevuta deve essere indicata la descrizione dell’attività svolta dal prestatore, i giorni nella quale la prestazione è stata effettuata e, se possibile, anche le ore di lavoro svolte.

Questi ultimi dati non sono strettamente necessari, ma la loro indicazione può essere utile al prestatore e al soggetto committente nel caso in cui l’Amministrazione finanziaria vada, in caso di controlli, a contestare l’esercizio di un’attività abituale e professionale in luogo di quella occasionale;

  • il corrispettivo lordo: ossia l’importo concordato tra committente e prestatore per l’esecuzione della prestazione di lavoro autonomo occasionale.

LA RITENUTA D’ACCONTO

La ritenuta di acconto si determina applicando una percentuale (l’aliquota è del 20%), che andrà dedotta dal corrispettivo lordo, per cui il prestatore riceve la somma pattuita al netto della ritenuta d’acconto. Le somme percepite che sono soggette a ritenuta d’acconto vanno denunciate nella dichiarazione dei redditi. Nel caso in cui il prestatore abbia percepito nell’anno soltanto compensi per prestazione occasionale d’importo non superiore a € 4.800, la ritenuta può essere recuperata in quanto si andrà a credito proprio per la somma della ritenuta stessa subìta. Tale credito può essere chiesto a rimborso o utilizzato in compensazione per il pagamento di altri tributi, tramite F24.

CRITERIO DI CASSA

Per quanto riguarda le regole per la dichiarazione delle somme percepite per lavori prestati occasionalmente, per evitare errori, è valido criterio di “cassa”, secondo il quale il reddito si dichiara nell’anno in cui la prestazione viene materialmente corrisposta (indipendentemente da quando viene rilasciata la ricevuta). Per questo motivo, si suggerisce di emettere la ricevuta solo al momento del pagamento, e non prima.

Per consulenze personalizzate online www.fiscoamicopertutti.it

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Per vendere su Etsy è necessaria la partita Iva?

Ecco quando scatta l’obbligo di operare con partita Iva, distinguendo tra creativo occasionale da un artigiano abituale o un hobbista da un commerciante abituale

Continua

Novità 2021 per gli autonomi: cassa integrazione anche per partite Iva

Novità 2021 per gli autonomi: cassa integrazione anche per le partita Iva iscritte alla Gestione Separata INPS  

Continua

Forfettari: riduzione del 35% dei contributi Inps entro il 1° marzo

Riduzione del 35% dei contributi INPS per i forfettari: scade il 28 febbraio la domanda annuale!

Continua

Home business: come guadagnare aprendo un B&B. Partita Iva sì o no?

Lavorare e guadagnare con la propria casa, anche se è in affitto. Aprire un B&B con o senza partita Iva? Conosciamo gli aspetti fiscali

Continua

Le vendite occasionali tramite i marketplace: aspetti fiscali

Creativi e hobbisti che vendono occasionalmente online, vediamo come essere in regola con la normativa attuale e come dichiarare i redditi occasionali.

Continua

"Comunicazione preventiva" deii lavoratori autonomi occasionali

Novità per i lavoratori autonomi occasionali: serve una "comunicazione preventiva" da parte del datore di lavoro per fruire delle loro prestazioni. Decreto Legge 146/20

Continua