Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La riforma Bonafede tra incostituzionalità e giustizialismo forcaiolo


La prescrizione è un istituto di civiltà giuridica, non è un escamotage per i furbetti
La riforma Bonafede tra incostituzionalità e giustizialismo forcaiolo

La prescrizione, quale estinzione del reato, è prevista dagli artt. 157 e seguenti del Codice Penale.

Con tale istituto, previsto da tutti gli ordinamenti giuridici europei, si determina che il reato si estingue decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge e, comunque, in un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto o di quattro anni se si tratta di contravvenzione.

In altri termini, in uno Stato di diritto come dovrebbe essere quello italiano, la prescrizione è un istituto concepito come salvaguardia dei rapporti tra cittadini e Stato, nel senso che, se la sentenza definitiva di condanna nei tre gradi di giudizio (I grado, Appello e Cassazione) non matura nel termine stabilito dalla legge, lo Stato rinuncia alla sua funzione punitiva del reato.

La prescrizione ha, quindi, funzione garantistica per il cittadino-accusato, nel senso che l'eventuale sentenza di condanna, sia il risultato di un giusto processo (art.111 Cost.), nel senso che la persona accusata deve essere giudicata nel più breve tempo possibile.

Ciò anche in relazione al dettato costituzionale (art. 27 Cost.) che prevede la presunzione di innocenza finchè la sentenza non è irrevocabile.

In altri termini, se lo Stato con i suoi organismi giurisdizionali non riesce ad esercitare l'azione penale nei termini di legge, è giusto che la punibilità non possa più essere esercitata nei confronti dell'accusato.

Tale principio garantista è sempre stato un cardine della giustizia penale, a tutela dei diritti di libertà del cittadino e per cadenzare i tempi ragionevoli del processo fungendo altresì da stimolo per la definizione del processo stesso.

Tale principio, oggi, viene messo in pericolo, anzi viene annullato dalla così detta Riforma Bonafede, e meraviglia che tale riforma sia stata proposta da un soggetto che nella vita esercita la professione di Avvocato!

Cosa prevede, quindi, questa famigerata riforma?

Per tutti i fatti-reato commessi dal 1.01.2020, la prescrizione non opera più dalla sentenza di primo grado.

In altre parole la prescrizione opera fino al I grado, dopodichè il termine temporale prescrizionale non opera più, e il procedimento resta sospeso nel limbo in tempi non definiti, né definibili lasciato al buon cuore degli uffici giudiziari.

Tale riforma presenta gravissimi aspetti di incostituzionalità come ora esamineremo dopo aver portato all'attenzione di chi legge un esempio gravissimo di cosa possa succedere applicando la legge Bonafede.

Supponiamo che un ragazzo, a 18 anni, venga condannato in primo grado per guida in stato di ebbrezza, cessando il termine prescrizionale se non vengono fissati i gradi di impugnazione successivi in tempi brevi, si trova da adulto, magari laureato o impiegato, con un pendente penale sulla testa, in dispregio di ogni più elementare diritto alla certezza del diritto e della pena.

Ma tralasciamo questo caso limite, ed evidenziamo i gravi aspetti di incostituzionalità della legge Bonafede.

Con tale legge, i tempi dei processi inevitabilmente saranno dilatati, per la sospensione della prescrizione dopo il primo grado, potendo il cittadino restare processato “a vita”.

Ciò contrasta con l'art. 111 Cost che ha introdotto il giusto processo, il cui cardine è sicuramente una giustizia in tempi rapidi, nel contraddittorio paritetico delle parti.

Ma la “nuova prescrizione” contrasta anche con l'art. 27 Cost che prevede la presunzione di innocenza, infatti dilungandosi all'infinito i gradi di giudizio, dopo la sospensione della prescrizione, al I grado, si rende il cittadino unicamente un imputato per lunghissimo tempo in spregio alla presunzione di non colpevolezza.

La riforma forcaiola-giustizialista voluta dal Ministro Bonafede, e dal Governo che lo sostiene, presuppone che con essa si sia voluto colpire le attività dilatorie delle difese.
Su tale posizione è anche parte della Magistratura in quota minoritaria.
Tutto ciò è, però un falso clamoroso, e chi sostiene tale posizione non può certo ritenersi in buona fede, ma mente sapendo di mentire.
Infatti le statistiche giudiziarie dimostrano che l'85% delle prescrizioni matura nelle indagini preliminari, e quindi significa che ciò si verifica non già per attività dilatorie dei difensori, ma per disfunzioni degli uffici giudiziari e per inerzia dell'autorità inquirente.
Le statistiche, inoltre, dimostrano che solo in 1 caso su 20, la prescrizione matura in dibattimento per attività dilatoria difensiva.

La riforma Bonafede, pertanto, è un'accozzaglia di incostituzionalità, giustizialismo, incertezza del diritto e della pena, e riteniamo, quindi, che tale legge debba essere abrogata, in quanto la sua sussistenza produrrebbe gravissimi danni al già claudicante processo penale.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Continua

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Cittadinanza dei Robot e A.I. profili giuridici

L'umanizzazione della macchina che conseguenze potrebbe avere? I robot potrebbero esercitare diritti e doveri in uno Stato?

Continua

Associazione in partecipazione per fare impresa

Cos'è? Come funziona? A chi può convenire?

Continua

Come si può provare l'esistenza di un prestito?

E' sufficiente la copia dell'assegno come prova? È valido l'accordo orale? Come si può ottenere la restituzione della somma?

Continua

Il Trust e la protezione dei patrimoni

Funzionamento e disciplina del Trust riconosciuto in Italia

Continua

Stalking, remissione della querela

La querela per il reato di atti persecutori è sempre rimettibile?

Continua

Legittima difesa, cosa cambia?

È sempre riconosciuta? Vediamo a quali condizioni

Continua

Si può estinguere il reato mediante il risarcimento?

Le condotte riparatorie dell'art. 162 ter c.p. come istituto deflattivo del processo penale

Continua

I lavori di pubblica utilità

Sanzione sostitutiva o strumento deflattivo?

Continua

Peculato, truffa aggravata e abuso d'ufficio. Distinzioni tra i tre reati?

Quando si parla di pubblica amministrazione, pubblici ufficiali o incaricati di pubblici servizi?

Continua

Occultamento delle scritture contabili o evasione fiscale

L’art. 10 del D.Lgs. 74/2000 quando si perfeziona? Come si determina il termine della prescrizione?

Continua

Quando è reato la mancata esecuzione dolosa del provvedimento del giudice?

Il semplice inadempimento della sentenza non può essere condotta sufficiente se non sono stati commessi atti fraudolenti

Continua

Cannabis light: un caos giudiziario

Vendita legittima trasformata in reato che forse i singoli tribunali potranno ritenere tenue?

Continua

Distruzione e occultamento di contabilità, quando è insussistente?

Assoluzione per assenza degli elementi costitutivi del reato dell'art. 10 D.Lgs. 74/00: condotta e impossibilità di ricostruire il volume d'affari

Continua

Assolto in I° grado è possibile essere condannato in II° grado?

No, se la Corte d'Appello non rispetta i principi della Corte Europea e supera il ragionevole dubbio

Continua

Legge Pinto ovvero l'equa riparazione alla luce della CEDU

Risarcimento per la lentezza dei processi. L'inammissibilità di cui all'art.2 c.1 L.89/01 alla luce della sentenza della Corte Costituzionale 34/19.

Continua