Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La riforma Bonafede di cui nessuno vuol sentire parlare


Prescrizione, ragionevole durata del processo ed altri mostri mitologici...
La riforma Bonafede di cui nessuno vuol sentire parlare

A gennaio è entrata in vigore la riforma della prescrizione denominata riforma Bonafede dal nome del ministro della Giustizia, votata da Lega e Cinque stelle.

Tale riforma è stata oggetto di critiche feroci da parte degli avvocati penalisti e da buona parte della magistratura e, a distanza di oltre due mesi e mezzo dalla sua entrata in vigore, continua ad essere un grande motivo di attrito tra gli esperti del settore.

L'attuale normativa prevede sostanzialmente che il corso della prescrizione si interrompa con la sentenza di I grado e rimanga sospesa fino alla fine del processo.

Di fatto l'istituto giuridico della prescrizione viene meno con la sentenza di I grado e il processo può durare tutto il tempo necessario per gli altri 2 gradi di giudizio, anche per molti anni.

Si è detto che tale scelta è stata fatta perché il procedimento penale italiano soffre di endemica lentezza che consente agli avvocati di sfruttare cavilli per far ottenere l'impunità ai propri clienti.

Tale ricostruzione è fuorviante per vari motivi.

Primo, la gran parte delle prescrizioni avviene durante le indagini preliminari e durante il primo grado di giudizio pertanto la riforma rispetto a questi processi è ininfluente.

Secondo, per i reati medio/gravi la prescrizione scattava già dopo 10 o 15 anni (non è un tempo sufficiente per arrivare a termine di un procedimento?).

Terzo perché, per come è strutturato il procedimento penale, l'avvocato non ha grandi possibilità di incidere sul tempo del procedimento.
Infatti, durante le indagini preliminari l'imputato e il suo avvocato non sanno nemmeno che c'è un indagine in corso e, pertanto, è la Procura che determina la velocità del procedimento.
Successivamente una volta iniziato il processo vero e proprio gli eventuali rinvii richiesti dall'imputato, anche qualora vengano accolti, sospendono il corso della prescrizione e di fatto non incidono e non concorrono al maturare della stessa.

La prescrizione in realtà è un istituto di civiltà giuridica secondo cui col passare del tempo lo Stato deve rinunciare alla potestà punitiva.

Questo è necessario perché col passare del tempo la difesa diviene impossibile, ed inoltre, già nel Settecento Beccaria sosteneva che è molto più rieducativa una pena mite immediata che una pena severa in un tempo futuro incerto.

In realtà, ormai, si assiste ad una tendenza che va in senso contrario a quanto sostenuto dai grandi giuristi e, mi si passi il termine, si assiste ad una deriva giustizialista.

Sull'onda del sentimento popolare, sfruttato da tutte le forze politiche, sono state introdotte delle figure delittuose nuove di dubbia costituzionalità e si è inasprito alcune di quelle già esistenti oltre i limiti imposti dalla logica.

Sulla base di un principio di efficientismo a tutti i costi è stata abolita la decorrenza della prescrizione dalla sentenza di I grado in poi con un aggravio di processi per le Corti d'appello che si traduce in una minor efficienza del sistema e il prolungarsi della spada di Damocle sui malcapitati imputati e parti offese.

Adesso si parla a gran voce di riformare il processo penale per renderlo più veloce, c'è chi sostiene di mettere a carico dell'avvocato le eventuali spese processuali in caso di conferma della sentenza di condanna in appello o in Cassazione, ma quello che nessuno dirà è che una riforma del genere si tradurrà in una riduzione delle garanzie processuali.

È ovvio che ciò comporterebbe una sostanziale assenza del diritto di appello del cittadino salvo che abbia una capacità economica tale da poter lasciare all'avvocato oltre agli onorari anche un deposito dell'importo di questa multa paventata.

Nessun avvocato rischierebbe di dover pagare una multa maggiore o uguale ai propri onorari per l'appello da redigere.

L'unica “riforma” davvero necessaria e utile per velocizzare il processo penale, di cui non si parla mai per una questione economica, è una sola: raddoppiare l'organico di magistrati, cancellieri e personale di polizia giudiziaria.

Per farlo ovviamente sono necessari troppi fondi e, quindi, è meglio abolire la prescrizione, rendendo il processo tendenzialmente infinito, oppure ridurre l'effettivo diritto al secondo grado di giudizio prevedendo multe per gli avvocati.

Attenzione alle riforme che potrebbero trasformarsi in riduzione delle garanzie costituzionali.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Continua

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Cittadinanza dei Robot e A.I. profili giuridici

L'umanizzazione della macchina che conseguenze potrebbe avere? I robot potrebbero esercitare diritti e doveri in uno Stato?

Continua

Associazione in partecipazione per fare impresa

Cos'è? Come funziona? A chi può convenire?

Continua

Come si può provare l'esistenza di un prestito?

E' sufficiente la copia dell'assegno come prova? È valido l'accordo orale? Come si può ottenere la restituzione della somma?

Continua

Il Trust e la protezione dei patrimoni

Funzionamento e disciplina del Trust riconosciuto in Italia

Continua

Stalking, remissione della querela

La querela per il reato di atti persecutori è sempre rimettibile?

Continua

Legittima difesa, cosa cambia?

È sempre riconosciuta? Vediamo a quali condizioni

Continua

Si può estinguere il reato mediante il risarcimento?

Le condotte riparatorie dell'art. 162 ter c.p. come istituto deflattivo del processo penale

Continua

I lavori di pubblica utilità

Sanzione sostitutiva o strumento deflattivo?

Continua

Peculato, truffa aggravata e abuso d'ufficio. Distinzioni tra i tre reati?

Quando si parla di pubblica amministrazione, pubblici ufficiali o incaricati di pubblici servizi?

Continua

Occultamento delle scritture contabili o evasione fiscale

L’art. 10 del D.Lgs. 74/2000 quando si perfeziona? Come si determina il termine della prescrizione?

Continua

Quando è reato la mancata esecuzione dolosa del provvedimento del giudice?

Il semplice inadempimento della sentenza non può essere condotta sufficiente se non sono stati commessi atti fraudolenti

Continua

Cannabis light: un caos giudiziario

Vendita legittima trasformata in reato che forse i singoli tribunali potranno ritenere tenue?

Continua

Distruzione e occultamento di contabilità, quando è insussistente?

Assoluzione per assenza degli elementi costitutivi del reato dell'art. 10 D.Lgs. 74/00: condotta e impossibilità di ricostruire il volume d'affari

Continua

Assolto in I° grado è possibile essere condannato in II° grado?

No, se la Corte d'Appello non rispetta i principi della Corte Europea e supera il ragionevole dubbio

Continua

Legge Pinto ovvero l'equa riparazione alla luce della CEDU

Risarcimento per la lentezza dei processi. L'inammissibilità di cui all'art.2 c.1 L.89/01 alla luce della sentenza della Corte Costituzionale 34/19.

Continua

La riforma Bonafede tra incostituzionalità e giustizialismo forcaiolo

La prescrizione è un istituto di civiltà giuridica, non è un escamotage per i furbetti

Continua

A.I., Robocop, Terminator…non siamo pronti e ne siamo sicuri?

I sistemi giuridici sono pronti a questa rivoluzione? Quali profili giuridici si determineranno a breve? I robot potrebbero esercitare i diritti e i doveri di un uomo?

Continua

Coronavirus e decreto "Io resto a casa", eventuali sanzioni penali

Cosa impone il decreto "Io resto a casa" e quali sono le sanzioni in caso di violazioni?

Continua

Diritto penale al tempo del Coronavirus: cosa prevede il nuovo decreto

Brevi osservazioni sulla rilevanza Penale dei decreti del presidente del consiglio relativo all'emergenza Covid 19

Continua

Il futuro è quel che è: non c'è più scampo per me!

Riflessione semiseria su ciò che sta diventando la culla del diritto

Continua

Legittimità delle sanzioni Covid-19

Possono essere derogate o limitate le libertà personali mediante DPCM? E le sanzioni, di conseguenza, sono nulle?

Continua