La tutela dei figli dei conviventi


Se le parti non riescono a trovare un accordo, il ricorso al Giudice diventa essenziale per la tutela dei figli
La tutela dei figli dei conviventi
I figli naturali, per legge, sono equiparati in toto a quelli legittimi, con conseguente riconoscimento degli stessi diritti.

Le coppie di fatto, una volta cessata la convivenza, possono presentare ricorso al Tribunale ordinario per disciplinare l’accordo sull’affidamento dei figli.

Anche nel caso di figli nati fuori dal matrimonio, la scelta dovrà essere improntata all’affidamento condiviso, salvo casi eccezionali.

Il giudice sarà chiamato a pronunciarsi sull’affidamento, sul diritto di visita, sul mantenimento dei figli, nonché sulle spese e sull’assegnazione della casa familiare.

Il ricorso per l’affidamento dei figli è facoltativo. Tuttavia, se le parti non riescono a trovare un accordo, il ricorso al Giudice diventa essenziale per la tutela dei figli.

Lo Studio annovera fra le materie trattate il diritto di famiglia ed offre la propria consulenza per la predisposizione di ricorsi in tal senso.

Articolo del:


di Avv. Sara LAURINO

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse