Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La vergogna ha un nome: xenofobia


Ho deciso di scrivere questo articolo perché i livelli di xenofobia in Italia sono cresciuti in modo allarmante, soprattutto contro i cittadini brasiliani
La vergogna ha un nome: xenofobia

I livelli di xenofobia in Italia sono cresciuti in modo allarmante, soprattutto contro i cittadini brasiliani. Io ne sono testimone, perché lo vedo e lo vivo in Italia, quotidianamente. Anche essendo un avvocato internazionale, registrato in 4 paesi (compresa l'Italia), con clienti in 32 paesi, sono stato e sono tuttora vittima della xenofobia, addirittura all'interno della stessa avvocatura italiana. Con immensa tristezza, vedo ancora in questo bel paese, che per me è il più bello del mondo, con un popolo meraviglioso, radice dell’arte e dell’architettura più bella del pianeta, frammenti dell'intolleranza fascista del vergognoso, triste e sfortunato periodo del Duce, amico e alleato di Hitler e del nazismo.

Cosa significa xenofobia?

Il termine xenofobia deriva dal concetto greco composto da xenos (straniero) e phóbos (paura). La xenofobia si riferisce quindi all'odio, alla paura, all'ostilità e al rifiuto verso gli stranieri. La parola è anche spesso usata in senso lato come la fobia verso diversi gruppi etnici o verso persone di cui non si conoscono le caratteristiche sociali, culturali e politiche. La xenofobia è un'ideologia che consiste nel rifiuto delle identità culturali diverse dalla propria.

Si può dire che questo tipo di discriminazione si basa su pregiudizi storici, religiosi, culturali e nazionali, che portano lo xenofobo a giustificare la segregazione tra diverse etnie per non perdere la propria identità. D'altra parte, si aggiunge spesso un pregiudizio economico, che vede gli immigrati come concorrenti per le risorse disponibili all'interno di una nazione.

Una delle forme più comuni di xenofobia

Una delle forme più comuni di xenofobia è quella che si esercita sulla base della razza, cioè il razzismo. La Convenzione internazionale sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale definisce la discriminazione razziale o xenofobia come:

"Qualsiasi distinzione, esclusione, restrizione o preferenza basata sulla razza, il colore, la discendenza o l'origine nazionale o etnica che abbia lo scopo o l'effetto di annullare o compromettere il riconoscimento, il godimento o l'esercizio, su base di uguaglianza, dei diritti umani e delle libertà fondamentali in campo politico, economico, sociale, culturale o in qualsiasi altro campo della vita pubblica." (Articolo 1).

A parte la sua considerazione etica, la xenofobia è anche considerata un reato in molti Stati. Nel settembre 2008 la Comunità europea ha approvato una direttiva contro il razzismo e la xenofobia, e gli stati membri hanno due anni di tempo per recepirla nel diritto nazionale con l'obiettivo principale di proteggere e difendere i diritti umani e sociali degli stranieri.

È importante sottolineare che la xenofobia deve essere studiata come un fenomeno eminentemente sociale, culturale e non giuridico, il che significa vederla come una reazione fobica dei gruppi sociali alla presenza di altre persone che non condividono la loro origine; quindi, le leggi non sono altro che un riflesso di questa fobia culturale e non il contrario. La xenofobia è il rifiuto espresso attraverso il pregiudizio nei confronti di qualsiasi e tutti gli stranieri, tenendo presente che i pregiudizi sono convinzioni infondate, con ignoranza dei fatti, che innescano facilmente la discriminazione. È consensuale riconoscere che la questione della discriminazione non si limita alla questione degli stranieri.

Se c'è una discriminazione per motivi di razza, sesso o età, bisogna notare che gli stranieri non sono solo potenziali vittime di pregiudizi a causa del loro luogo di origine, ma anche per la loro condizione sociale. Secondo gli studi delle Nazioni Unite, 1 persona su 35 nel mondo è un migrante, il che significa che 1 persona su 35 si sviluppa in una nazione che non è la sua, almeno per nascita. E se il numero totale di migranti è passato da 150 milioni di persone nel 2002 a 214 milioni di persone oggi, la percentuale del numero di migranti in relazione alla popolazione mondiale rimane la stessa, poiché è aumentata solo dello 0,2% negli ultimi 10 anni.

Queste statistiche ci forniscono il motto per riconoscere l'importanza di analizzare la questione degli stranieri in relazione ai loro diritti umani e sociali nella nuova nazione che apre le loro porte e come la loro nazionalità influisce sul trattamento che ricevono nel loro nuovo ambiente sociale. Ad oggi, è generalmente accettato dalla comunità internazionale che gli stati hanno il diritto di stabilire le proprie politiche migratorie secondo i loro interessi nazionali, dato il principio di autodeterminazione dei popoli che dà a loro il diritto di governarsi come meglio credono, senza l'intervento di altri stati.

Per questo motivo, grandi nazioni come gli Stati Uniti, che sono uno dei paesi più ricchi di immigrazione del mondo, hanno il libero arbitrio di concedere o negare i visti a chi vogliono, secondo le loro politiche statali. Questa accettazione generale è, ovviamente, intesa sulla base del rispetto dei diritti umani, questo significa, per esempio, che uno stato non può vietare l'ingresso nel suo territorio a persone di un certo colore o proveniente di in determinato paese, solo a causa di quella condizione umana o a persone più vecchie di una certa età solo perché le considera anziane.

Questo atteggiamento, intensificato nei tempi moderni, rompe la solidarietà umana, un dovere imperativo che deriva dalla loro unità o almeno dalla loro capacità di comprendersi e riprodursi. Ma questa posizione primitiva si trovava in quasi tutti i popoli dell'antichità, anche nella cultura greca; perché Sparta applicava rigorosamente la xenelasia o il divieto di ingresso degli stranieri nel suo territorio. Nello stesso senso, anche Licurgo, a Lacedemonia, si opponeva all'ammissione degli stranieri, poiché erano considerati "sospetti". Così, gli antropologi hanno osservato situazioni di xenofobia nei popoli arcaici, il che dimostra che la xenofobia è un fenomeno che è sempre rimasto nei comportamenti umani.

Tuttavia, oggi la xenofobia è comune nelle società moderne, a causa della globalizzazione, poiché questa ha unito, attraverso i processi migratori, membri di razze, religioni e costumi diversi. Psicologicamente, è intesa come una paura arcaica e inconscia di perdere la propria identità, combinata con la paura di offuscare la situazione economica, sociale e politica di una comunità.

Nel XX secolo, anche se l'umanità attraverso le sue guerre e i suoi conflitti ha imparato il concetto di razzismo e le sue conseguenze, la xenofobia è lontana dal scomparire; al contrario, gli atti razzisti, le ingiustizie individuali, la diffidenza verso gli stranieri e le lingue e religioni diverse sono in aumento. La crisi economica e sociale sentita in diversi paesi alla fine del XX secolo è stata il punto di partenza per una manifestazione aggressiva di xenofobia, che si è riflessa nel contenuto di certi manifesti/pamphlet e discorsi, così come in atti di violenza di ogni tipo. I media, a loro volta, contribuiscono allo sviluppo della xenofobia presentando costumi e culture straniere come dimensioni estranee ed estranee dell'identità nazionale.

L'aumento della disoccupazione, la crisi economica e i licenziamenti di massa sono caratterizzati da fattori, cause e bisogni diversi dall'immigrazione. Tuttavia, i discorsi e le azioni che favoriscono la xenofobia diffusa vengono riprodotti, mettendo gli immigrati nell'occhio del ciclone. Questo tipo di comportamento è un pericolo per le nostre società e richiede migliori politiche di protezione sociale per tutti i lavoratori.

Questo è stato spiegato dagli esperti in una serie di interviste condotte dopo lo sciopero dell'aprile 2009 alla raffineria Total nel Lincolnshire, Regno Unito. Al momento dell'espansione della sua sezione di desolforazione, per la quale la società italiana IREM aveva assunto lavoratori portoghesi e italiani, i dipendenti britannici hanno reagito non capendo il perché di una tale importazione di manodopera straniera in una regione dove ci sono sempre più giovani senza lavoro.

Questo atto è stato considerato come un atteggiamento xenofobo contro i portoghesi e gli italiani, anche se i sindacati coinvolti hanno respinto qualsiasi motivazione di questo tipo e hanno fatto tutto il possibile per evitare che certi elementi di estrema destra sfruttassero una situazione potenzialmente molto delicata, come ha spiegato Guy Ryder, segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati.

In un contesto di carenza di manodopera locale, lo sciopero è stato motivato innanzitutto dal timore che il lavoro fosse esternalizzato a imprese che impiegavano manodopera straniera a condizioni inferiori a quelle previste dai contratti collettivi esistenti. I sindacati britannici hanno sostenuto che si trattava di un conflitto a causa dello sfruttamento effettuato dall'azienda contro i lavoratori, indipendentemente dalla loro nazionalità. In un mondo ideale, i sindacati dovrebbero impegnarsi a rappresentare i lavoratori migranti e a difendere i loro interessi.

I lavoratori stranieri sono spesso visti come "intrusi" e non come generatori di ricchezza collettiva, cosa che senza dubbio sono, facilitando la prosperità delle economie dei paesi in cui lavorano e un'uscita più rapida dalla crisi insieme agli altri lavoratori. Nell'attuale contesto di crisi globale, se gli Stati rispondono con il protezionismo e la xenofobia, ciò significa cercare soluzioni miopi, ipocrite e a breve termine, le cui conseguenze non farebbero che aggravare la drammatica situazione dei lavoratori più svantaggiati in tempi di crisi, come ha dichiarato Manuel Bonmatí Portillo, segretario di politica internazionale dell'Unione Generale dei Lavoratori (UGT).

C'è un campo poco esplorato dall'ergonomia e dalle discipline scientifiche associate al suo progetto: come contribuire al rilevamento di situazioni di discriminazione nel campo del lavoro? Come promuovere studi e processi di riflessione che ci permettano di conoscere le tipologie di discriminazione nell'occupazione e identificare le condotte razziste sul posto di lavoro? Come possiamo contribuire alla prevenzione dei rischi professionali a cui sono esposti i lavoratori stranieri, compresi quelli illegali?

Per concludere, citerò un paragrafo di Joaquín Arango: "Anche se (l'immigrazione) non ha mai mancato di nemici, in passato tendeva a prevalere una valutazione positiva di essa. Basta analizzare la mitologia dominante nell'immaginario collettivo delle vecchie società riceventi per confermarlo. La principale preoccupazione in relazione all'immigrazione era quella di assicurare un'abbondante offerta di lavoratori. Sia il loro arrivo che la loro integrazione nella società come coloni permanenti furono attivamente promossi. Ma non solo, l'immigrazione era vista soprattutto come una fonte di opportunità, economiche, culturali e di ogni tipo di vivificazione, persino come una benedizione. Il magnate Andrew Carnegie lo definì come "un fiume d'oro che scorre nel nostro paese ogni anno".

Dott. Luiz Scarpelli, iscritto in BRASILE come advogado presso cinque consigli dell’Ordine Degli Avvocati Brasiliani: São Paulo, Rio de Janeiro, Minas Gerais, Espírito Santo, Goiás; PORTOGALLO nel Consiglio di Coimbra dell’Ordine Degli Avvocati Portoghese; e in ITALIA anche come advogado con il titolo di avvocato stabilito nel Consiglio Dell’Ordine Degli Avvocati di Roma. In EUROPA è iscritto come advogado presso il Council Of Bars and Laws Societies of Europe in Bruxelles, BELGIO. Master Of Laws in Anticorruzione e Sistema Istituzionale nell’Università Sapienza di Roma. Master Of Laws in Criminologia, Psicologia Giuridica e Psichiatria Forense nell’Università Sapienza di Roma. Inscritto presso l’IAMG – Istituto Degli Advogados di Minas Gerais, Brasile. Criminologo iscritto presso l’ANCRIM – Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti, iscritta nell’elenco delle associazioni professionali presso il Ministero dello Sviluppo Economico in Italia. Socio dell'Associazione ORGOGLIO DI TOGA con sede a Roma e fondatore della #catenadelbene su YouTube, che ha aiutato decine di migliaia di cittadine di ceppo italiano nati a l’estero contro le organizzazioni criminose e i coyotes della cittadinanza italiana truffata che operano in Brasile e in Italia, e che hanno distrutto la vita di più di 7mila famiglie.  

#correntedobem, #luizscarpelli, #scarpelli, #advogadoscarpelli, #advocaciascarpelli, #advluizscarpelli, #cidadaniaitaliana, #antenatoitaliano, #passaporteitaliano, #vivernaitalia, #vivernaeuropa, #cidadaniaitalianalegal, #cidadaniaitalianajudicial, #viamaternajudicial, #viapaternajudicial, #açãocontraasfilasdosconsulados, #açãocontraasfilas, #advogadoemroma, #tribunaleordinariodiroma, #ordineavvocatiroma, #ordinedegliavvocatidiroma, #consiglionazionaleforense, #iuresanguinis, #cittadinanzaitaliana, #tribunaleordinariodiroma, #tribunalecivilediroma, #passaportoitaliano, #identitaitaliana, #passaportorosso, #cittadinanzaitaliana, #mafiadacidadaniaitaliana, #viatrentinajudicial, cittadinanzaitalianatruffata, #concettamanfra, #coyotes, #grandenaturalizzazione1889, #xenofobia, #razzismo

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’analisi dei documenti nel processo di Cittadinanza Italiana!

Come funziona il processo di riconoscimento di cittadinanza italiana iure sanguinis e come devono essere trattati i documenti (certificati)!

Continua

Preparazione dei documenti in Brasile per la cittadinanza italiana

La preparazione dei documenti nel Processo di Riconoscimento della Cittadinanza Italiana iure sanguinis, per i cittadini italiani di ceppo italiano nati a l’estero!!!

Continua

La cittadinanza italiana giudiziale e il principio IURE SANGUINIS!

Sono riconosciuti dalla Costituzione italiana come cittadini, i figli di padre e/o di madre cittadini italiani, cioè la base è il principio IURE SANGUINIS!

Continua

I documenti necessari per il riconoscimento della cittadinanza italiana

Per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis è necessario dimostrare il sangue italiano, cioè di essere figlio o figlia di cittadini italiani

Continua

Chi ha diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Tutti i cittadini di ceppo italiano, nati in Italia o all’estero, senza limite generazionale, hanno il diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Continua

Chi è l'Advogado che ha denunciato la cittadinanza truffata in Italia?

L'advogado italo-brasiliano Dott. Luiz Scarpelli, del Foro di Roma, fornisce consulenza legale in materia di cittadinanza italiana e diritto immigratorio nell'UE!

Continua

Il rischio della strada amministrativa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis in un Comune in Italia, nella strada amministrativa, con l'aiuto di un consulente?

Continua

Strade legale per riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Quali sono le strade legale disponibili per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis?

Continua

Cos'è e cosa significa "Spazio Schengen"?

L’area Schengen comprende 26 paesi europei che hanno deciso di rimuovere tutti i controlli alle frontiere interne

Continua

L'immigrazione degli italiani all'estero dagli anni 1780 al 1945

Dagli anni 1780 al 1945, sono andati all’estero, ovvero emigrati, circa 26 milioni di cittadini italiani, per fuggire dalla fame, dalla povertà e dalle guerre

Continua

La criminalità organizzata e la truffa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana in Comune attraverso la via amministrativa con l'aiuto di un "consulente disbrigo pratiche"?

Continua

Il permesso di soggiorno per residenza elettiva in Italia

Per gli stranieri che sono interessati a trasferirsi e vivere in Italia è prevista la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno per residenza elettiva

Continua

Ius soli: cosa rappresenta esattamente questo istituto?

Prima di tutto, dobbiamo concettualizzare l'espressione latina così ben nota a tutti noi, che prende sempre più spazio nelle notizie stampa!

Continua

Cos'è esattamente e come si ottiene la Carta d'Identita italiana?

La carta d’identità è un documento di identità, munito di fotografia, rilasciato dallo Stato (tramite i Comuni), su supporto cartaceo, magnetico o informatico

Continua

Il sistema di Pantouflage per combattere la corruzione nella P.A.

Istituto del Pantouflage: ha lo scopo di evitare che il dipendente pubblico possa sfruttare la conoscenza della struttura organizzativa della P.A. per trarne vantaggio

Continua

L'importanza dell'Istituto Open Government Partnership

Come strumento per prevenire la corruzione, l’Agenzia Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha avviato una strategica e fondamentale operazione di trasparenza...

Continua

Whistleblower nella pubblica amministrazione in Italia!

Il dipendente pubblico non può scegliere se segnalare o no un atto illecito o di corruzione nella pubblica amministrazione. E' un dovere

Continua

Il fenomeno corruttivo, un cancro da contrastare!

Prima di tutto, vorrei dire che la prevenzione alla corruzione ovviamente non è facile. Sì tratta di un fenomeno diffuso, complesso!!!

Continua

La responsabilità amministrativa dei dipendenti pubblici nella p.a.

Prima di tutto è necessario capire bene quali siano le differenze tra la responsabilità amministrativa, la responsabilità civile e la responsabilità contabile

Continua

Il modello europeo della prevenzione alla corruzione

Prima di tutto è importante chiarire che c’è sempre stata una preoccupazione internazionale nel perseguimento della pace nel mantenimento e rafforzamento dello Stato

Continua

Accesso civico nella P.A. semplice e generalizzato: cos'è e quale evoluzione?

Quando parliamo di pubblicità e trasparenza stiamo parlando di principi generali dell’attività amministrativa della P.A. previsti nell’articolo 1 dalla legge 241/1990

Continua

Il Lobbying nella Pubblica Amministrazione: problematiche e soluzioni!

Parliamo di lobbying, nelle sue diverse forme e variazioni, sia a livello ufficiale, sia a livello non ufficiale, però ad ogni modo una attività antipatica...

Continua

L'importanza della consapevolezza nella prevenzione alla corruzione

Per lottare veramente contro il fenomeno corruttivo è necessario assimilare e sanare le debilitazioni gestionali e organizzative dentro la p.a.

Continua

La discrezionalità della p.a. nei contratti e negli appalti pubblici

Il target principale delle organizzazioni criminose in Italia sono i contratti e gli appalti pubblici...qui si trova il problema centrale

Continua

La lotta alla corruzione in materia di sanità (Appalti - COVID-19)

L'incidenza della pianificazione anticorruzione quale strumento di ottimizzazione del procurement in sanità

Continua

L'immigrazione e la grande naturalizzazione degli italiani in Brasile

La c.d. “Grande Naturalizzazione” del 1889-1891 è stata introdotta con il “Decreto n. 58 A” emanato il 15.12.1889 dal Governo provvisorio brasiliano

Continua

La cittadinanza italiana truffata e la falsa residenza!

In questo articolo vengono denunciate le attività criminali dell’organizzazione "cittadinanza italiana truffata", in Italia

Continua

Il fascismo italiano 1925-1943: la storia non può essere dimenticata

L'Italia fascista, chiamata anche regime del Duce, è il periodo disastroso della storia italiana del governo fascista di Benito Mussolini alleato di Adolf Hitler!

Continua

Il traffico di persone tra Brasile e Italia

Per circa cinque anni, l'advogado italo-brasiliano Luiz Scarpelli del Foro di Roma ha denunciato le attività criminali dell’organizzazione criminosa "Coyotes"

Continua

L’immigrazione in America dal XVI al XIX secolo

Parliamo dell'immigrazione in America in un dato periodo vediamo il significato dell'espressione latina nota come ius soli

Continua

“I CORROTTI” - Libro svela dinamiche sociali e strategie di contrasto

Le infiltrazioni delle mafie nello Stato, la sfiducia nelle istituzioni, la cittadinanza attiva, nel saggio dell’advogado italo-brasiliano Luiz Scarpelli!

Continua