Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Le nuove linee di programmazione del Mise a favore delle PMI


Ecco in sintesi le nuove linee di programmazione proposte dal MISE inerenti i principali interventi agevolati a favore delle Micro, Piccole e Medie Imprese
Le nuove linee di programmazione del Mise a favore delle PMI

 

Si riportano i principali interventi agevolati della nuova programmazione del Ministero dello sviluppo economico (MISE) a favore delle Imprese.

Piano Impresa 4.0: il Ministero intende dare continuità alla politica di supporto pubblico all’indispensabile processo di innovazione e consolidamento della competitività delle imprese italiane. Le novità saranno: un ampliamento della base di imprese, soprattutto di piccole dimensioni, coinvolte nel processo di innovazione e trasformazione digitale, razionalizzazione delle misure fiscali, per renderle più facilmente fruibili e stabili nel tempo.

Start up e PMI innovative: saranno consolidate le politiche necessarie per il potenziamento delle start up e delle PMI innovative, rafforzando la dimensione dei finanziamenti alternativi (ad esempio, crowdfunding) e dei finanziamenti seed, così come lo sviluppo ed il rafforzamento di nuovi modelli di business e di gestione di impresa trasparente, responsabile e sostenibile in linea con le nuove opportunità e gli orientamenti europei e internazionali.

Blockchain e Fondo nazionale innovazione: attraverso l’utilizzo della Blockchain il Ministero sta sviluppando uno specifico progetto per promuovere il Made in Italy. Lo scopo è quello di ottenere il ruolo di leadership nell’ambito dei progetti europei sulla Blockchain. Si tratta di un'opportunità unica per promuovere ulteriormente la conoscenza e l'utilizzo di questa tecnologia a beneficio di cittadini e imprese, rafforzando la cooperazione in ambito UE. Con la Legge di Bilancio 2019 è stato introdotto il “Fondo Nazionale Innovazione”.

Automotive: incentivare tale settore ormai in evidente crisi, per portare avanti le sfide che creano sinergia anche nei diversi settori:
- target di riduzione delle emissioni;
- transizione industriale che deve tenere conto della trasformazione della domanda di mobilità, sempre più orientata verso modelli as a service (MaaS);
- fenomeni trasversali e pervasivi quali la digitalizzazione e l’ICT che portano a un modello di mobilità sostenibile, sicura e connessa.

Space Economy: nell’ambito delle politiche per l’innovazione e la competitività, assume importanza la Space Economy, in particolare a sostegno di un settore che, partendo dalla ricerca, sviluppo e realizzazione delle infrastrutture spaziali abilitanti, arriva fino alla generazione di prodotti e servizi innovativi “abilitati” (servizi di telecomunicazioni, di navigazione e posizionamento, di monitoraggio ambientale previsione meteo, ecc.). E’ stato definito un Piano strategico che punta a mobilitare un investimento pari a circa 4,7 miliardi di euro, per metà da coprire con risorse pubbliche nazionali e regionali e per l’altra metà a carico delle imprese innovative, dei servizi geospaziali basati sull’osservazione satellitare della terra, dei servizi di navigazione, dell’applicazione delle tecnologie legate all’esplorazione spaziale.

Trai gli incentivi classici ormai conosciuti il Ministero intende confermare quelle agevolazioni in grado di rafforzare la competitività delle imprese offrendo maggiori possibilità di investimento nella ricerca, nello sviluppo e nell’innovazione come la “Nuova Sabatini", i contratti di sviluppo per il sostegno all’innovazione dell’organizzazione, dei processi e della tutela ambientale, il Fondo di garanzia e gli accordi per l’innovazione.

Tutela proprietà intellettuale: sono di prossima apertura i bandi dedicati ai Marchi, Brevetti e Disegni. Saranno quindi rifinanziate le misure per un totale di 55 milioni di euro allo scopo di offrire, soprattutto alle imprese di piccola taglia, strumenti in tema di innovazione, progettazione e design, al fine di sfruttare al meglio le loro capacità sul mercato nazionale ed estero.

Energia: diversi gli interventi nel settore dell’energia considerato uno dei settori strategici. Tra questi: la proroga delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici (Ecobonus); le iniziative necessarie a promuovere la mobilità eco-sostenibile.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Innovation manager, contributi a fondo perduto

Scade il 26 novembre prossimo il bando di contributo a fondo perduto per l'acquisizione di consulenze da parte di un Innovation Manager

Continua

Bando Artes 4.0 Regione Toscana, contributi a fondo perduto

Contributo a fondo perduto a favore della Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale

Continua

Consulenza aziendale, come prevenire la crisi d'impresa

Con il codice della crisi d'impresa l’imprenditore deve rilevare tempestivamente lo stato di crisi e adottare senza indugio le misure necessarie a farvi fronte

Continua

Finanziamento a tasso agevolato per e-commerce destinato a Paesi extra UE

Finanziamenti fino a 300 mila euro per le società di capitali con sede in Italia che avviano e-commerce per distribuire beni in paesi Extra UE

Continua

Finanziamento a tasso agevolato per Temporary Export Manager

Finanziamenti fino a 150 mila euro per le società di capitali italiane che acquisiscono consulenze specializzate per realizzare processi di internazionalizzazione

Continua

La centrale rischi, cos’è e a cosa serve

La Centrale Rischi della Banca d'Italia è il documento di maggior interesse per monitorare la propria situazione finanziaria a breve, medio e lungo termine

Continua

Fondo nazionale efficientamento energetico per le PMI

Finanziamenti a tasso zero a favore delle Micro, Piccole e Medie imprese per investimenti dedicati all'efficientamento energetico

Continua

Innovation manager, proroga invio domande

Prorogata al 12 dicembre la scadenza per la compilazione della domanda a favore dell'Innovation manager

Continua

Brevetti, marchi e disegni industriali, contributi a fondo perduto

Stanziati circa 50 milioni di euro in 5 bandi finalizzati alla valorizzazion di marchi, brevetti e disegni industriali

Continua

Valorizzazione della proprietà industriale e trasferimento tecnologico

Contributi a fondo perduto a favore di progetti per la valorizzazione della proprietà intellettuale e del trasferimento tecnologico

Continua