Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Le regole del CTS applicabili da subito


Secondo il Codice del Terzo settore ci sono alcune regole applicabili da subito, in attesa dell'operatività del Rubts
Le regole del CTS applicabili da subito
Redazione del bilancio di esercizio e pubblicazione annuale obbligatoria sul proprio sito internet degli emolumenti ad amministratori e dirigenti non sono in alcun modo condizionate dall'operatività del Registro unico nazionale (Runts). Quanto ai Centri di servizio per il volontariato (Csv) già istituiti sulla base della previgente normativa, sempre secondo la lettera direttoriale prot. 34/0012604 dello scorso 29 dicembre diramata dal Ministero del lavoro, continueranno a svolgere i loro compiti fino al loro accreditamento o all’accreditamento come Csv di altro ente, in attesa della costituzione del nuovo Organo nazionale di controllo (Onc).

Bilancio
Devono considerarsi immediatamente applicabili le norme afferenti ai requisiti sostanziali degli enti del terzo settore (Ets), con particolare riferimento alle disposizioni di cui alle disposizioni dedicate rispettivamente alle organizzazioni di volontariato e alle associazioni di promozione sociale (artt.32 e 35 del Cts), nei confronti delle quali sono da ritenersi già cogenti le prescrizioni attinenti al numero minimo di soggetti (siano essi persone fisiche o soggetti superindividuali) e alla forma giuridica necessari ai fini della costituzione di un'organizzazione di volontariato o di un'associazione di promozione sociale. In questo caso, poiché si tratta di elementi immodificabili, che conformano ab initio un ente, essi devono essere presenti sin dalla costituzione dell'ente, ove questa sia avvenuta dopo l'entrata in vigore del d.lgs. 117/2017.
Indipendentemente dal relativo deposito presso il registro unico nazionale, tutti gli enti del Terzo settore sono tenuti alla redazione del bilancio di esercizio, nelle forme di cui ai commi 1 e 2 dell'art. 13 Cts: l'attuale mancanza della modulistica, da definirsi con decreto del Ministro del lavoro, non esonera gli enti da tale adempimento, traducendosi detta mancanza esclusivamente nell'eterogeneità dei documenti contabili in questione.
Il bilancio di esercizio dovrà essere formato dallo stato patrimoniale, dal rendiconto finanziario, con l’indicazione, dei proventi e degli oneri, dell’ente, e dalla relazione di missione che illustra le poste di bilancio, l’andamento economico e finanziario dell’ente e le modalità di perseguimento delle finalità statutarie.
Gli enti con ricavi, rendite, proventi o entrate comunque denominate inferiori a 220.000,00 euro può essere redatto nella forma del rendiconto finanziario per cassa.
Tuttavia, gli enti del terzo settore che esercitano la propria attività esclusivamente o principalmente in forma di impresa commerciale, oltre a dover tenere le scritture contabili di cui all’art. 2214 c.c., dovranno redigere e depositare presso il Registro delle imprese il bilancio di esercizio redatto, a seconda dei casi, ai sensi degli artt. 2423 e seguenti, 2435-bis o 2435-ter c.c.

Comunicazione emolumenti
L'applicazione della norma di cui all'art. 14,comma 2, Cts riguardante l'obbligo (da parte di enti con ricavi, rendite, proventi o entrate superiori a centomila euro annui) di pubblicazione annuale sul proprio sito internet degli emolumenti, compensi o corrispettivi, a qualsiasi titolo attribuiti dagli enti del terzo settore ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti ed ai propri associati, non è in alcun modo condizionata dall'operatività del registro unico nazionale: essa, peraltro, in considerazione del riferimento temporale annuale previsto, dovrà cominciare a trovare attuazione a partire dal 1ˆ gennaio 2019, con riferimento alle attribuzioni disposte nel 2018, cioè nel primo anno successivo all'entrata in vigore della norma in esame.
In sintesi, devono essere considerate immediatamente applicabili le disposizioni in materia di:
- requisiti sostanziali degli enti del Terzo settore dedicati alle organizzazioni di volontariato e alle associazioni di promozione sociale;
- bilancio di esercizio nelle more dell’operatività del Runts gli enti sono comunque tenuti alla redazione del bilancio di esercizio (art. 13 Cts) anche se attualmente manchi la nuova modulistica (che sarà adottato con decreto ministeriale);
- pubblicazione degli emolumenti e dei compensi, che deve ritenersi slegato dall’operatività del Runts l’obbligo di pubblicazione annuale sul sito internet degli emolumenti, compensi o corrispettivi attribuiti dagli enti del Terzo settore ai componenti degli organi di amministrazione e controllo, ai dirigenti e agli associati (art.14, comma 2).
Diversamente, l'art. 14 del Cts prevede per gli enti del terzo settore di maggiori dimensioni l'obbligo di adottare il bilancio sociale, da redigersi secondo linee guida da definirsi con decreto del Ministro del lavoro. La conformità alle linee guida rappresenta un elemento pregnante, ove si consideri che l'organo di controllo dell'ente del terzo settore dovrà fornirne specifica attestazione. Fino all'emanazione di tali linee guida, pertanto, si deve ritenere che l'adozione del bilancio sociale da parte degli enti del terzo settore assuma carattere facoltativo.


Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La governance delle coop dopo la legge di bilancio

La legge di bilancio 2018 ha vietato l'amministratore unico a tempo indeterminato nelle cooperative

Continua

Il credito d'imposta per investimenti pubblicitari

Il Bonus pubblicità 2017 è riservato solo per gli investimenti incrementali effettuati sulla stampa, anche online

Continua

Super e iper ammortamento nel modello SC 2018

Le proroghe delle agevolazioni che riguardano il super ammortamento e l’iper ammortamento impattano sul modello SC 2018

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

Erogazioni liberali agevolate dopo la Riforma

Non profit: anche gli enti commerciali possono rientrare nel sistema di agevolazioni fiscali previsto dalla riforma del terzo settore

Continua

Il periodo transitorio nell’attuazione del CTS

Doppio binario per il controllo dei requisiti necessari all’iscrizione nei registri degli enti del terzo settore

Continua

Statuto standardizzato delle start-up innovative

Il Mise ha chiarito quando è utilizzabile il modello standard per le modifiche allo statuto delle start-up innovative

Continua

Il tax credit alberghi e le strutture termali

La legge di Bilancio 2018 ha esteso alle strutture termali il credito d’imposta per alberghi e agriturismi

Continua

Il Voucher per l'internazionalizzazione

Le assegnatarie del voucher internazionalizzazione dovranno trasmettere i contratti di servizio con le società fornitrici del Temporary export manager

Continua

La Riforma degli Enti del Terzo Settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto importanti misure per la promozione e il sostegno del complesso mondo "non profit"

Continua

Regime forfetario per gli enti del terzo settore

Per il non profit è previsto un regime contabile e fiscale semplificato per le attività i cui ricavi non superino i 130 mila euro

Continua

Il regime fiscale per enti non commerciali

La Riforma ha introdotto nuovo regime per la determinazione forfetaria del reddito degli enti non commerciali appartenenti al mondo del “non profit”

Continua

Cancellazione dal Runts e devoluzione patrimonio

La cancellazione dal Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) dell’ente non profit comporta l’obbligo di devoluzione del suo patrimonio.

Continua

La Riforma degli enti del terzo settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto misure per favorire la promozione e il sostegno del complesso mondo non profit

Continua

Il nuovo modello per la successione telematica

Dal 15 marzo è utilizzabile da oggi la nuova versione del modello di `Dichiarazione di successione e domanda di volture catastali`

Continua

Le ristrutturazioni edilizie secondo le Entrate.

Bonus ristrutturazioni: prorogata la maggiore detrazione Irpef del 50%, con il limite massimo di spesa di 96 mila euro

Continua

Imprese del Terzo Settore: modifiche in arrivo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare, norme integrative e correttive del Codice del Terzo settore e dell'impresa sociale

Continua

Personalità giuridica per Enti del Terzo Settore

Alle associazioni e fondazioni la personalità giuridica la conferisce il notaio al quale spetta l’onere del controllo dei requisiti

Continua

Le agevolazioni fiscali e contributive per le SSDL

La Legge di Bilancio 2018 ha riservato alla società sportiva dilettantistica lucrativa agevolazioni sul piano fiscale e del lavoro

Continua

Entro il 3 aprile il Mod. EAS per enti associativi

Gli Enti associativi devono comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati di variazione del 2017 per poter fruire dei benefici fiscali

Continua

I finanziamenti per l'economia sociale

I limiti e gli adempimenti che le imprese sociali devono rispettare per ottenere i finanziamenti finalizzati al rafforzamento dell'economia sociale

Continua

Incentivi fiscali per chi si trasferisce in Italia

L'Agenzia delle Entrate ha indicato i benefici di carattere fiscale previsti per favorire l'attrazione di "capitale umano" in Italia

Continua

Correttivi anticrisi per studi di settore 2017

Il decreto tiene conto della riduzione delle tariffe professionali e della redditività in altri ambiti economici (servizi, commercio, manifatture)

Continua