Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Telefonate mute: come tutelarsi?


Ecco quali sono le tutele previste dal Garante della Privacy
Telefonate mute: come tutelarsi?

Quante volte sarà capitato a ciascuno di noi di alzare la “cornetta” del telefono di casa o quella del mobile, dire “pronto” e non avere alcun riscontro da parte dell’interlocutore. Ebbene siamo stati alle prese con le tanto fastidiose “telefonate mute

Cosa sono

Le "telefonate mute" sono chiamate eseguite da call center a fini commerciali, nelle quali appunto il soggetto contattato, dopo aver alzato la “cornetta”, non viene messo in ricezione  con alcun interlocutore. Questo “fenomeno” accade perché i call center, al fine di ottimizzare i tempi, usano sistemi automatizzati che creano maggiori chiamate in relazione al numero degli addetti disponibili. Questi pertanto non possono parlare con l´utente (questa la ragione per cui la telefonata resta "muta") prima di terminare la chiamata precedente che a sua volta il sistema ha iniziato automaticamente.

Per i call center, i vantaggi di questa modalità aggressiva sono quelli legati alla possibilità di stabilire una programmazione del “sistema” in maniera tale che questi trasmetta telefonate di numero superiore rispetto la propria “ricettività” con il vantaggio così di garantire che gli operatori, ogni volta che terminano una chiamata, ne abbiano sempre un’altra “già instradata”, evitando così tempi morti senza alcuna attività.

Il pregiudizio creato all’utente telefonico

Dalle segnalazioni giunte al Garante della Privacy emerge che le chiamate "mute" possono creare nelle “vittime” vale a dire le persone contattate, stress, ansia e allarmismo. Gli utenti associano questo fenomeno delle chiamate mute a comportamenti come “controlli” illeciti, molestie, stalking, verifiche di malintenzionati volte alla commissione di eventuali reati, quali furti o aggressioni. A tali sentimenti va anche assommata la “frustrazione” collegata con l’impotenza e alla mancata possibilità di reazione. 

Il Garante proprio per questo ha vietato l’attesa silenziosa prescrivendo che la medesima chiamata debba produrre del “rumore ambientale” che viene definito "comfort noise". Questo espediente permette di rassicurare la persona chiamata, dando la sensazione, per il “ricevente”, che la chiamata parta da un ambiente lavorativo  come un call center evitando il pensiero circa ogni ipotesi maligna sui propositi del chiamante.

La tutela

Con proprio provvedimento del 20 febbraio 2014, il Garante ha tentato di rendere residuali le cosiddette “telefonate mute”, prescrivendo che:

• “non possono effettuarsi più di 3 telefonate "mute" ogni 100 andate "a buon fine";

• la chiamata "muta" deve interrompersi trascorsi 3 secondi dalla risposta dell´utente;

• a seguito di una chiamata "muta" deve essere preclusa la possibilità di richiamare quella stessa utenza per almeno cinque giorni;

• l´eventuale successivo riuso di quel numero deve avvenire in modo da assicurare la presenza di un operatore.”

Il Garante ha previsto che “call center debbano “conservare” i report statistici delle percentuali di telefonate "mute" effettuate per ciascuna campagna per un periodo non inferiore a due anni, in modo tale da consentire eventuali controlli e verifiche ispettive sull´effettivo rispetto delle regole stabilite dallo stesso Garante e di non esporsi quindi a sanzioni amministrative.”

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Green Pass e privacy: un matrimonio discusso ma felice

Il Green Pass è un pericolo per la protezione dei dati personali in ambito sanitario?

Continua

Privacy e storie di password

Password: come formularle? Cosa si rischia per il loro uso improprio? In questo articolo proponiamo suggerimenti ed esempi tratti dalla Giurisprudenza

Continua

Privacy e videosorveglianza nei condomini

Come armonizzare l’esigenza di riservatezza e privacy con l’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza all’interno dei condomini

Continua

Green Pass e privacy sul lavoro

Consegna di copia della certificazione verde per i lavoratori del settore pubblico e privato: quali sono le perplessità relative alla privacy

Continua

Privacy e cyberbullismo: scenari e ambiti di applicazione

Come la regolamentazione privacy si integra nella tutela del minore vittima di cyberbullismo

Continua

Privacy e diritto di difesa

Il datore di lavoro, per esercitare il proprio diritto alla difesa, estrae documenti contenenti dati personali dal PC aziendale del dipendente. Può farlo?

Continua

Privacy e Green Pass: ennesima puntata

Quando è necessario il “Green Pass Rafforzato”?

Continua

“Diritto all'oblio”, privacy on web

Quali sono le responsabilità dei web provider? Riportiamo una sentenza esemplare

Continua

Telemarketing selvaggio e privacy

Quali sono i nuovi strumenti di difesa? Le ultime novità proposte dal Garante

Continua

Fidelity card e privacy

Come possiamo tutelare e proteggere i nostri dati personali?

Continua

Ahi ahi la privacy! Cosa si rischia in caso di violazioni

Breve guida sui rischi sanzionatori a carico di chi fa un uso scorretto dei dati personali

Continua

“Phishing”, la “Pesca” dei nostri dati personali

In cosa consiste e come evitare spiacevoli furti della nostra privacy!

Continua

Anagrafe nazionale degli assistiti: step privacy in ambito sanitario

Anagrafe nazionale degli assistiti: cos'è e come funziona e il potenziamento del Fascicolo sanitario elettronico

Continua

Cosa sono i “Cookie” e quale è il loro impatto sulla privacy?

Cosa sono i famigerati “Cookie” e quale è la loro importanza circa un corretto utilizzo in materia di privacy?

Continua

Privacy, minori e new tecnology

I rischi di un uso “inconsapevole” degli strumenti della nuova tecnologia da parte dei minori e possibilità di tutela

Continua

Diritto di cronaca ed esercizio della privacy

Quali sono i limiti per l'esercizio del diritto di cronaca? Qual è il rapporto con la privacy e quali i criteri per bilanciare le rispettive esigenze?

Continua

Qualcuno ha violato la tua privacy?

Contatta il Garante…Presenta un Reclamo…fai così!

Continua

Privacy Vs. trasparenza amministrativa 1-0

Cosa accade quando le “esigenze” di privacy in materia sanitaria si scontrano con quelle legate alla trasparenza amministrativa

Continua

Il caso Tik Tok: la base giuridica del consenso al trattamento del dato

Come di riconosce il presupposto giuridico che rende il trattamento lecito

Continua

Servizio di geolocalizzazione e privacy

La valutazione di impatto nel trattamento dei dati nella giurisprudenza amministrativa

Continua

Privacy e video sorveglianza, un caso sempre aperto

Tutela alla sicurezza per il proprietario di un immobile o privacy del vicino di casa? Questo è il problema...

Continua

Privacy in ambito sanitario

Mancato aggiornamento dei dati personali delle piattaforme per l'invio di informazioni ai pazienti e sanzione del garante

Continua

Condominio e possibili violazioni di privacy

L’affissione dell’ordine del giorno dell'assemblea nell’androne condominiale e possibile violazione dei dati personali

Continua

Videosorveglianza e Smart Cities: il Garante della Privacy dice Stop

Ancora una volta l’attenzione del Garante si è indirizzata verso i sistemi di videosorveglianza intelligente

Continua

Video Sorveglianza e privacy, telecamere in un bar

Telecamere in un bar: tutela del lavoratore, obbligo di informativa e accordo sindacale

Continua

Privacy, Algoritmo e Intelligenza Artificiale

Spunti di discussione dalla Corte di Cassazione

Continua