Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Perchè le valvole termostatiche fanno risparmiare


Valvole termostatiche: efficace sistema per ridurre gli sprechi. Come ottimizzare il loro funzionamento
Perchè le valvole termostatiche fanno risparmiare

Le valvole termostatiche: perché fanno risparmiare e come utilizzarle al meglio

• Costituiscono un efficacissimo sistema per ridurre gli sprechi (e questo per qualunque tipo di utilizzo si faccia dell’appartamento e, quindi, per qualunque utente);

 • Come ottimizzare il loro funzionamento (e comprenderlo dal punto di vista pratico).


A) Perché fanno risparmiare

La testa termostatica è il componente che rileva la temperatura del locale e, tenendo conto del valore di temperatura impostato dall’utilizzatore, regola l’apertura della valvola controllando così il flusso di acqua calda al termosifone su cui è installata. In tal modo:

1) è possibile differenziare la temperatura da un locale ad un altro; che senso ha avere la stessa temperatura (per esempio) nel corridoio e nel bagno?

Anche se non si volesse conseguire alcun risparmio, la sola possibilità di utilizzare il calore sottratto dal corridoio per rendere più confortevole il bagno, renderebbe di per sé le valvole termostatiche uno strumento intelligente e prezioso! 

Ma un’analisi attenta dell’utilizzo che si fa di ogni stanza dell’appartamento consente invece anche di abbinare ad un maggiore comfort dove richiesto (come ad esempio nel bagno), un sensibile risparmio senza che esso comporti alcun disagio; basti pensare che impostare la temperatura di un grado in meno, rispetto al valore imposto dalla normativa (20 °C), consente un risparmio almeno del 6% (di 2 °C, il 12 % e di 3 °C il 18% e così via).

Da notare inoltre che la tecnologia oggi offre, ormai con un sovraprezzo ragionevole, anche le cosiddette valvole cronotermostatiche. Queste, invece di avere una testa meccanica, ne  hanno  una elettronica programmabile con la quale è possibile impostare i tempi di accensione e spegnimento,  le  temperature  desiderate  per  fascia oraria, singolarmente  per  ogni radiatore. Ciò introduce un livello di regolazione ancora più raffinato e flessibile e quindi maggior comfort e riduzione di sprechi.

2) si sfruttano molto efficacemente (una regolazione con valvole termostatiche su ciascun termosifone è in assoluto il sistema migliore per farlo) i cosiddetti apporti gratuiti: il sole ne è il principale.

Una stanza (in particolare se dotata di ampie vetrate), esattamente come avviene nelle serre per mantenere al caldo le piante, può raggiungere temperature confortevoli persino senza alcun contributo dei termosifoni.

Senza valvole termostatiche invece, il calore donato dal sole innalzerebbe inutilmente la temperatura del locale o verrebbe “buttato” all’esterno aprendo le finestre.
Con le valvole, il flusso dell’acqua invece, si riduce fino ad annullarsi, con il sensibile risparmio che ne deriva.

Altri esempi di apporti gratuiti sono tutte le apparecchiature elettriche.  In quale ambiente non ce ne è anche più di una?  Ogni fonte di illuminazione, tutte le apparecchiature elettroniche (di cui sono invase le case; televisore e computer, per es.), l’aspirapolvere, gli apparecchi di lavaggio, ma persino il frigorifero, per non parlare degli apparecchi per cucinare o dell’asciugacapelli e il ferro da stiro.

Questi ultimi scaldano un ambiente come farebbe una stufetta (si parla di kW di potenza termica ceduta!) e il cui calore prodotto, grazie alle valvole termostatiche (che in tal caso riducono drasticamente la temperatura dei termosifoni), può essere utilizzato non solo per lo scopo per cui l’elettrodomestico q realizzato, ma anche  per  riscaldare  l’ambiente  in  cui  vengono utilizzati. E non dimentichiamo l’apporto fornito da ciascuna persona che occupa un locale; ognuno di noi fornisce in media 50 W…perché sprecarli?!

Le valvole termostatiche consentono quindi, sempre e automaticamente, di sfruttare questi   contributi che normalmente, invece, vengono totalmente e (spesso) inconsapevolmente sprecati.

3) ottenere la regolazione della temperatura, al variare della temperatura esterna, più precisa e rapida possibile. Senza scendere in “tecnicismi” eccessivi, cerchiamo di capire però esattamente che cosa si intenda con tale affermazione. In un impianto centralizzato non dotato di valvole termostatiche la regolazione della temperatura dell’intero condominio viene normalmente ottenuta rilevando: o la temperatura esterna (ciò  si  fa  non  tendendo  conto  dell’irraggiamento, altrimenti chi non è esposto al sole si congelerebbe; ma da ciò derivano gli sprechi, a causa dei surriscaldamenti, nelle zone che sono invece irraggiate…) o  le temperature dell’acqua che va e torna, dalla caldaia ai termosifoni.

Punto e basta; per tutto il condominio. Non si tiene conto quindi delle diverse
esposizioni, al sole come detto, ma anche al vento e a quanto un vano possa essere
circondato totalmente da altri vani riscaldati o presentare invece, all’opposto, la maggior
parte delle superfici che lo delimitano, esposte all’aria esterna (si pensi, ad es. ad una
stanza posta su di un attico e all’angolo dell’edificio).

Tutto ciò comporta l’impossibilità di avere temperature omogenee in ciascun appartamento e, ancor più, in ciascun vano.
Con due sgradevoli conseguenze ben note nei condomìni: o si soffre il freddo o si spreca calore. Le valvole termostatiche invece, finalmente, ovviano a tali disomogeneità e risolvono completamente tale problematica.

E’ facile comprendere che le ragioni esposte ai punti 2 e 3 sono quelle che consentono un risparmio senza alcun impegno dell’utilizzatore; esso orientativamente è del 10-15%. Un risparmio fino al 20-30% q invece possibile tramite l’utilizzo del buon senso e con un po’ di impegno, come esposto nel punto 1.

E’ importante sottolineare come tali risparmi siano conseguibili tramite delle “attenzioni”
e non tramite una riduzione del comfort. Anzi, si ricorda che la normativa consente, nel
caso di adozione di valvole termostatiche e contabilizzazione, di tenere acceso il
generatore fino a 24 ore al giorno. Comunemente ci si accorda in sede assembleare per un tempo di accensione inferiore a quello massimo, ma quasi sempre superiore a quello cui ci si atteneva prima della istallazione della contabilizzazione.

E’ importante tenerne conto quando si valuta l’entità del risparmio ottenuto: non è raro ascoltare in assemblee condòmini (forse perché poco propensi al cambiamento e alle innovazioni) che riportano di altri condomìni dove il risparmio è stato “solo” del 5 o 10%.  Ad un successivo approfondimento si scopre, però, che il tempo di accensione dell’impianto è aumentato di 4 o 5 ore, ovvero del 30-40 % rispetto al tempo precedente; ci si è dimenticato del sensibile aumento di comfort conseguito…


B) Come utilizzarle al meglio

Si cercherà di fornire anche suggerimenti e chiarimenti che non sono sempre presenti nei manuali di istruzioni dei kit di contabilizzazione.

 

Consigli utili i primi giorni…

• A seguito dell’istallazione delle valvole termostatiche l’impianto verrà collaudato e andrà eseguita una prova di tenuta; al fine di evitare sgradevoli sorprese quando l’impianto sarà acceso (e quindi conseguenti disagi agli occupanti dell’appartamento), è assolutamente indispensabile che ciascun condomino collabori con il personale della ditta installatrice e consenta l’accesso alla propria abitazione;

• Durante i primi giorni di accensione dell’impianto si raccomanda di lasciare tutte le teste termostatiche alla massima apertura; in tal modo verrà favorita la fuoriuscita di aria presente nell’impianto (l’idea di lasciare le valvole completamente aperte può preoccupare qualche utente parsimonioso che teme che a ciò corrispondano consumi eccessivi ma basti riflettere che l’ultima volta che si è utilizzato il riscaldamento, si è fatto non solo con valvole completamente aperte, ma anche con un generatore che, probabilmente, era vetusto e quindi molto meno efficiente!);

Non ci si deve sorprendere se, durante l’orario di accensione, i termosifoni sono tiepidi o persino freddi, soprattutto nella parte inferiore. Ciò significa che la temperatura desiderata nel locale (ovvero quella impostata sulla testa termostatica) è stata raggiunta e quindi la valvola sta attuando la riduzione del flusso d’acqua al termosifone. E’ proprio ciò che ci consente di risparmiare.

 

Consigli utili sempre…

• Le valvole termostatiche non devono essere coperte da mobili, copritermosifoni, tende od altri oggetti; la testa termosensibile, infatti, avvertendo una temperatura maggiore in quel punto per effetto dell'accumulo di calore, interromperà il flusso di acqua calda al radiatore anche se, in realtà, nell'ambiente da riscaldare non è stata raggiunta la temperatura impostata ma è anche sensibilmente più bassa;

Posare qualsiasi cosa sui radiatori comporta uno spreco economico. Attenzione, è ben diverso dal caso precedente. Un esempio può essere utile per capire e ricordarsi di non farlo: un soprabito poggiato sul radiatore, con il fine ad esempio di asciugarlo (senza che venga coperta la testa della valvola, quindi senza ricadere nel caso 1), riduce la sua capacità di emissione di calore verso il locale.  Ma il conteggio delle calorie assorbite dall’impianto (e quindi addebitate all’utilizzatore del radiatore) si basa invece sulla differenza di temperatura tra l’ambiente e il radiatore. Ovvio che il fatto che il soprabito riduca la capacità di trasmettere calore non può essere tenuto in considerazione e quindi viene conteggiata una quantità di calore maggiore di quella reale, con conseguente spreco di denaro;

• Se il radiatore è posto su una parete che dà verso l’esterno, ad esempio nel vano sottofinestra (caso molto frequente), al fine di limitare la dispersione di calore verso l’esterno, è consigliabile inserire tra questo ed il muro un pannello di materiale isolante con la faccia riflettente rivolta verso l’interno. Tale accorgimento implica un investimento esiguo (dal momento che non è necessario smontare il radiatore, si trovano kit fai da te sia nei negozi che online) e, soprattutto nel caso di edifici datati (in quelli recenti l’isolamento è migliore, in generale, e vien curato in particolare in corrispondenza dei radiatori), comporta un riduzione delle dispersioni verso l’esterno che migliora l’efficienza tra il 5% e il 10 %; un investimento con un tempo di recupero velocissimo e pertanto estremamente consigliato;

• Quando per qualche motivo, come ad esempio al fine di cambiare aria, vengono tenute aperte le finestre per un po’ di tempo, è consigliabile chiudere le valvole dei radiatori presenti nel locale, altrimenti l’aria fredda ne provoca la completa apertura ed il calore si disperde attraverso le finestre aperte;

In caso di non utilizzo di alcuni locali dell’appartamento (permanente o temporaneo) è consigliabile chiudere le valvole (posizione “0”), avendo l’accortezza di tenere ben chiuse le porte dei locali interessati.

• Durante il periodo di non funzionamento dell’impianto (periodo estivo) si raccomanda di lasciare le valvole termostatiche alla massima apertura (ovvero su 5) per evitare il bloccaggio delle valvole.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Cadute dall'alto nei cantieri edili: cause e prevenzione

Ecco quali sono le cause delle cadute dall'alto nei cantieri edili e come prevenirle

Continua

Ruolo del CTU nel processo civile e/o penale

La responsabilità del consulente nel rispondere del proprio operato e in maniera specifica quella civile

Continua

Amministratore condominiale: sicurezza e prevenzione (D.lgs 81/08)

Fornire all'amministratore chiarezza sulle responsabilità specifiche sulla sicurezza dei lavoratori e sui lavori da eseguirsi

Continua