Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Legge Elettorale Brasiliana n. 35 del 1892 | Grande Naturalizzazione


La grande naturalizzazione degli italiani immigrati in Brasile | Cosa dice la Legge Elettorale Brasiliana n. 35 del 26 gennaio 1892
Legge Elettorale Brasiliana n. 35 del 1892 | Grande Naturalizzazione

Secondo la legge elettorale brasiliana n. 35 del 26 gennaio 1892, che regolava il processo delle elezioni federali in Brasile a quel tempo, tutti i cittadini stranieri residenti nel paese, di età superiore ai 21 (ventuno) anni, che non avessero dichiarato entro 6 (sei) mesi la loro intenzione di mantenere la propria nazionalità di origine, sarebbero stati automaticamente registrati come elettori. Perciò, il Certificato Negativo Elettorale rilasciato dalla Giustizia Elettorale Brasiliana , ancora sconosciuto alla maggior parte dei Magistrati di Roma, con il quale si attesta che la giustizia elettorale brasiliana ha rilasciato un certificato elettorale negativo che dimostra senza ombra di dubbio che l’antenato italiano immigrato in Brasile non solo non ha mai votato in Brasile, ma anche non è mai stato registrato come elettore in quel paese.

E questa importantissima e rilevantissima prova rende indiscutibile che l’avo italiano dei cittadini di ceppo italiano nati in Brasile non sono mai stati naturalizzati come cittadini brasiliani, ribaltando completamente e definitivamente la tesi dell'ipotetica Grande Naturalizzazione del 1889 degli italiani immigrati in Brasile, erroneamente sostenuta dall'Avvocatura dello Stato in Italia.

Quindi, se il cittadino italiano immigrato in Brasile, primo o dopo l'anno 1889 - come l'Avvocatura Generale dello Stato tenta forzatamente e senza prove di sostenere in tutti i giudizi analoghi al presente - fosse stato naturalizzato come cittadino brasiliano o non avesse espressamente comunicato la sua volontà di mantenere la cittadinanza italiana, rifiutando chiaramente la naturalizzazione come cittadino brasiliano, in forza del combinato disposto dell'articolo 1 e del comma 4 della suddetta legge egli sarebbe stato automaticamente registrato come elettore in Brasile, fatto che non si è mai verificato, secondo gli stessi tribunali elettorali brasiliani.

Inoltre, nel campo della soggettività, è noto che il voto si caratterizza come l'esercizio del suffragio, vero strumento di legittimazione dell'esercizio della cittadinanza. Si può anche concludere che il suffragio è un diritto pubblico soggettivo, cioè un diritto inerente alla condizione di cittadino, che include sia il potere di scegliere i rappresentanti che la possibilità di candidarsi a funzioni pubbliche elettive. Non votare o essere impediti nell'esercizio di questo diritto è una prova inconfutabile che la cittadinanza non è stata pienamente esercitata. Che è esattamente il caso degli italiani che sono immigrati in Brasile.

Nel caso in questione, la restrizione di questo diritto è ancora più evidente, poiché in Brasile solo i cittadini brasiliani, nati o naturalizzati, sono registrati e hanno il diritto di voto, cioè gli stranieri non possono nemmeno essere registrati come elettori e non votano. Questa realtà, portata alla luce, è la prova credibile che l’antenato italiano di tutti i cittadini immigrati in Brasile non sono mai diventati cittadini brasiliani naturalizzati, ma non hanno nemmeno mai esercitato l'eventuale cittadinanza, come cerca di sostenere erroneamente l’Avvocatura dello Stato con la tesi fasulla della grande naturalizzazione. La triste verità è che gli uomini e le donne italiani immigrati in Brasile tra il 1850 e il 1890 furono ingannati e sfruttati, in modo vile, dai grandi proprietari di grosse fattorie e da industriali locali, poiché gli italiani sostituirono gran parte della manodopera nera schiavista recentemente liberata dall'abolizione della schiavitù in Brasile nel 1888, senza avere alcun diritto a una vita con un minimo di dignità, poiché i grandi proprietari di fattorie brasiliane non accettavano di pagare "stipendi" agli ex schiavi neri.

Così, il rilascio del Certificato Elettorale Negativo da parte del Tribunale Elettorale Brasiliano debitamente firmato e autenticato dal notaio, apostillato e tradotto da un traduttore giurato, conferma che il cittadino italiano immigrato in Brasile ha trasmesso la cittadinanza italiana iure sanguinis in linea diretta ai suoi discendenti nati a l'estero (Brasile). Questa è la prova piena, definitiva e assoluta che l’avo italiano dei ricorrenti non è mai stato naturalizzato come cittadino brasiliano, poiché non è mai stato registrato come elettore in Brasile e perché tutti i cittadini brasiliani nati o naturalizzati, come è già stato detto e spiegato, erano automaticamente registrati nelle liste elettorali per forza di legge.

Secondo la legislazione elettorale brasiliana del 1892 e la Magna Carta di quel paese, l'iscrizione al voto e il voto sono obbligatori per tutti i cittadini, nativi e/o naturalizzati. Inoltre, le conseguenze di non votare erano e sono drastiche per i cittadini, causando a loro una serie di restrizioni alla vita sociale: impossibilità di studiare in un'istituzione educativa pubblica, impossibilità di esercitare un ufficio pubblico, una funzione o un impiego, impossibilità di ottenere carta d'identità e passaporto, impossibilità di avere prestiti dagli istituti bancari, restrizioni ad aprire una società davanti alle agenzie pubbliche e persino difficoltà di affittare o comprare un’azienda, un'automobile o un immobile.

La spiacevole verità, ignota a chi non conosce la triste realtà degli italiani immigrati in Brasile, è che la maggior parte dei connazionali italiani ha vissuto in quel paese fino alla morte come immigrati clandestini, senza aver mai esercitato alcun semplice diritto di cittadinanza in Brasile in tutta la sua vita. con Perciò nonostante il rimpianto per l'Italia, la maggior parte di essi non sono mai riusciti a tornare perché non avevano le risorse per pagare il viaggio di ritorno.

Dott. Luiz Scarpelli, iscritto in BRASILE come advogado presso il Consiglio dell’Ordine Degli Avvocati di Minas Gerais, nella capitale Belo Horizonte; iscritto a PORTOGALLO come advogado nel Consiglio dell’Ordine Degli Avvocati di Coimbra; Iscritto in ITALIA come advogado con il titolo di avvocato stabilito presso il Consiglio Dell’Ordine Degli Avvocati di Roma; iscritto come advogado presso il Council Of Bars and Laws Societies of Europe in Bruxelles, BELGIO. Fondatore dello Studio Legale Adv. Luiz Scarpelli con sede in Brasile, Portogallo e Italia. Master Of Laws in Anticorruzione e Sistema Istituzionale nell’Università Sapienza di Roma. Master Of Laws in Criminologia, Psicologia Giuridica e Psichiatria Forense nell’Università Sapienza di Roma. Master Of Laws in Informatica Giuridica, Nuove Tecnologie, Diritto dell’Informatica nell’Università Sapienza di Roma (in corso conclusione il febbraio 2023), Inscritto presso l’IAMG – Istituto Degli Advogados di Minas Gerais, Brasile. Criminologo iscritto presso l’ANCRIM – Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti, iscritta nell’elenco delle associazioni professionali presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Socio dell'Associazione ORGOGLIO DI TOGA con sede a Roma. Autore del libro I CORROTTI, che tratta delle strategie di contrasto alla corruzione in Italia, il rapporto tra i politici corrotti e la mafia, la consapevolezza e la democrazia; fondatore della #CATENADELBENE su YouTube con più di 12mila sostenitori, che ha aiutato decine di migliaia di cittadine di ceppo italiano nati a l’estero contro le organizzazioni criminose e i coyotes della cittadinanza italiana truffata che operano in Brasile e in Italia, e che hanno distrutto la vita di più di 7mila famiglie.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’analisi dei documenti nel processo di Cittadinanza Italiana!

Come funziona il processo di riconoscimento di cittadinanza italiana iure sanguinis e come devono essere trattati i documenti (certificati)!

Continua

Preparazione dei documenti in Brasile per la cittadinanza italiana

La preparazione dei documenti nel Processo di Riconoscimento della Cittadinanza Italiana iure sanguinis, per i cittadini italiani di ceppo italiano nati a l’estero!!!

Continua

La cittadinanza italiana giudiziale e il principio IURE SANGUINIS!

Sono riconosciuti dalla Costituzione italiana come cittadini, i figli di padre e/o di madre cittadini italiani, cioè la base è il principio IURE SANGUINIS!

Continua

I documenti necessari per il riconoscimento della cittadinanza italiana

Per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis è necessario dimostrare il sangue italiano, cioè di essere figlio o figlia di cittadini italiani

Continua

Chi ha diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Tutti i cittadini di ceppo italiano, nati in Italia o all’estero, senza limite generazionale, hanno il diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Continua

Chi è l'Advogado che ha denunciato la cittadinanza truffata in Italia?

L'advogado italo-brasiliano Dott. Luiz Scarpelli, del Foro di Roma, fornisce consulenza legale in materia di cittadinanza italiana e diritto immigratorio nell'UE!

Continua

Il rischio della strada amministrativa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis in un Comune in Italia, nella strada amministrativa, con l'aiuto di un consulente?

Continua

Strade legale per riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Quali sono le strade legale disponibili per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis?

Continua

Cos'è e cosa significa "Spazio Schengen"?

L’area Schengen comprende 26 paesi europei che hanno deciso di rimuovere tutti i controlli alle frontiere interne

Continua

L'immigrazione degli italiani all'estero dagli anni 1780 al 1945

Dagli anni 1780 al 1945, sono andati all’estero, ovvero emigrati, circa 26 milioni di cittadini italiani, per fuggire dalla fame, dalla povertà e dalle guerre

Continua

La criminalità organizzata e la truffa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana in Comune attraverso la via amministrativa con l'aiuto di un "consulente disbrigo pratiche"?

Continua

Il permesso di soggiorno per residenza elettiva in Italia

Per gli stranieri che sono interessati a trasferirsi e vivere in Italia è prevista la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno per residenza elettiva

Continua

Ius soli: cosa rappresenta esattamente questo istituto?

Prima di tutto, dobbiamo concettualizzare l'espressione latina così ben nota a tutti noi, che prende sempre più spazio nelle notizie stampa!

Continua

Cos'è esattamente e come si ottiene la Carta d'Identita italiana?

La carta d’identità è un documento di identità, munito di fotografia, rilasciato dallo Stato (tramite i Comuni), su supporto cartaceo, magnetico o informatico

Continua

Il sistema di Pantouflage per combattere la corruzione nella P.A.

Istituto del Pantouflage: ha lo scopo di evitare che il dipendente pubblico possa sfruttare la conoscenza della struttura organizzativa della P.A. per trarne vantaggio

Continua

L'importanza dell'Istituto Open Government Partnership

Come strumento per prevenire la corruzione, l’Agenzia Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha avviato una strategica e fondamentale operazione di trasparenza...

Continua

Whistleblower nella pubblica amministrazione in Italia!

Il dipendente pubblico non può scegliere se segnalare o no un atto illecito o di corruzione nella pubblica amministrazione. E' un dovere

Continua

Il fenomeno corruttivo, un cancro da contrastare!

Prima di tutto, vorrei dire che la prevenzione alla corruzione ovviamente non è facile. Sì tratta di un fenomeno diffuso, complesso!!!

Continua

La responsabilità amministrativa dei dipendenti pubblici nella p.a.

Prima di tutto è necessario capire bene quali siano le differenze tra la responsabilità amministrativa, la responsabilità civile e la responsabilità contabile

Continua

Il modello europeo della prevenzione alla corruzione

Prima di tutto è importante chiarire che c’è sempre stata una preoccupazione internazionale nel perseguimento della pace nel mantenimento e rafforzamento dello Stato

Continua

Accesso civico nella P.A. semplice e generalizzato: cos'è e quale evoluzione?

Quando parliamo di pubblicità e trasparenza stiamo parlando di principi generali dell’attività amministrativa della P.A. previsti nell’articolo 1 dalla legge 241/1990

Continua

Il Lobbying nella Pubblica Amministrazione: problematiche e soluzioni!

Parliamo di lobbying, nelle sue diverse forme e variazioni, sia a livello ufficiale, sia a livello non ufficiale, però ad ogni modo una attività antipatica...

Continua

L'importanza della consapevolezza nella prevenzione alla corruzione

Per lottare veramente contro il fenomeno corruttivo è necessario assimilare e sanare le debilitazioni gestionali e organizzative dentro la p.a.

Continua

La discrezionalità della p.a. nei contratti e negli appalti pubblici

Il target principale delle organizzazioni criminose in Italia sono i contratti e gli appalti pubblici...qui si trova il problema centrale

Continua

La lotta alla corruzione in materia di sanità (Appalti - COVID-19)

L'incidenza della pianificazione anticorruzione quale strumento di ottimizzazione del procurement in sanità

Continua

L'immigrazione e la grande naturalizzazione degli italiani in Brasile

La c.d. “Grande Naturalizzazione” del 1889-1891 è stata introdotta con il “Decreto n. 58 A” emanato il 15.12.1889 dal Governo provvisorio brasiliano

Continua

La cittadinanza italiana truffata e la falsa residenza!

In questo articolo vengono denunciate le attività criminali dell’organizzazione "cittadinanza italiana truffata", in Italia

Continua

Il fascismo italiano 1925-1943: la storia non può essere dimenticata

L'Italia fascista, chiamata anche regime del Duce, è il periodo disastroso della storia italiana del governo fascista di Benito Mussolini alleato di Adolf Hitler!

Continua

Il traffico di persone tra Brasile e Italia

Per circa cinque anni, l'advogado italo-brasiliano Luiz Scarpelli del Foro di Roma ha denunciato le attività criminali dell’organizzazione criminosa "Coyotes"

Continua

La vergogna ha un nome: xenofobia

Ho deciso di scrivere questo articolo perché i livelli di xenofobia in Italia sono cresciuti in modo allarmante, soprattutto contro i cittadini brasiliani

Continua

L’immigrazione in America dal XVI al XIX secolo

Parliamo dell'immigrazione in America in un dato periodo vediamo il significato dell'espressione latina nota come ius soli

Continua