Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Licenziamento per rifiuto del cambio dell'orario lavorativo


È ricorrente il caso in cui venga chiesto al lavoratore il cambio dell'orario di lavoro. Spesso questa modifica riguarda una situazione di crisi
Licenziamento per rifiuto del cambio dell'orario lavorativo

È ricorrente il caso in cui venga chiesto al lavoratore il cambio del proprio orario di lavoro. Spesso la modifica dell’orario di lavoro riguarda una situazione di crisi aziendale anche se la richiesta di modifica dell’orario del lavoro può avvenire anche per motivi non inerenti agli andazzi tipici del mercato.

Primariamente, va fatto presente che il licenziamento connesso al rifiuto della modifica dell’orario di lavoro, se non osservato da una soggettiva situazione di crisi aziendale, andrebbe qualificato come licenziamento ritorsivo e per conto sarebbe annullabile.

Resta fermo in tale caso la circostanza che l’onere della prova graverà, comunque, sul lavoratore. Nei casi, invece, di licenziamento per “crisi aziendale” va ricordato che l’anzianità ed i figli a carico sono il criterio che deve dettare le scelte di licenziamento.

Certo l’alternativa al licenziamento per crisi potrebbe essere anche l’applicazione del cosiddetto “contratto di solidarietà difensiva”. Alla luce di quanto sopra, va da sé, che qualunque impugnazione di licenziamento, connessa al rifiuto del cambio dell’orario di lavoro, va rapportata alla verifica della reale situazione dell’azienda posto che la normativa risente degli strumenti alternativi di gestione del personale aziendale proprio in situazioni di crisi.

Nell’attuale diffusa situazione di negatività del mercato, infatti, può verificarsi che il datore di lavoro, al fine di ridurre gli oneri connessi al mantenimento dei livelli occupazionali, e per adeguare la presenza in servizio dei propri dipendenti ai propri ridotti volumi di lavoro, diminuisca unilateralmente l’orario dei lavoratori o raggiunga con gli stessi accordi verbali in tal senso.

Spesso, ad esempio, a seguito dei momenti di crisi aziendale si prova ad adottare rimedi connessi ad un riassetto organizzativo dell’azienda. Ciò è volto ad ottenere una più economica gestione societaria atta a fare fronte a varie situazioni favorevoli definite come “non moralmente contingenti” ma che influiscono, in modo decisivo, sulla normale attività produttiva imponendo una effettiva necessità di riduzione dei costi.

In linea generale ciò avviene quando il fatturato dell’azienda subisce un decremento almeno del 50% con la conseguenza che gli incassi non sono sufficienti a coprire le opere di gestione. In tali casi, spesso, l’alternativa al licenziamento per giustificato motivo oggettivo è la riduzione dell’orario di lavoro. Lo stesso originariamente in una prima fase poteva, spesso, essere raggiunto anche con accordi verbali.

La Corte di Cassazione nell’anno 2015, con la pronuncia n° 24476, ha ribadito che il datore di lavoro non può unilateralmente disporre la disposizione dell’orario di lavoro e della retribuzione del lavoratore. Se in una prima fase l’esistenza di un accordo di natura verbale faceva fede, successivamente la Suprema Corte rende e considera radicalmente nulla qualunque pattuizione in tal senso in quanto lesiva dell’art 5 comma 10 della legge n. 863/84.

Tale norma prevedeva, infatti, la necessita della forma scritta per la riduzione commerciale del rapporto di lavoro da tempo pieno a rapporto parziale. L’assenza della forma scritta di conseguenza rendeva inutile invocare l’esistenza di un intesa verbale in materia.

Sebbene la norma in questione sia stata abrogata dalla legge n. 61/00 al suo articolo 5 comma 1, tale articolato normativo mantiene analoga previsione con ogni conseguenza in ordine alla questione. Viceversa, la norma di cui sopra è stata modificata dalla legge n. 183/11 che ha soppresso, con decorrenza dal primo Gennaio 2015, la necessaria e preventiva convalida della effettiva volontà del lavoratore, di trasformare il contratto di lavoro d’intenti, alla direzione territoriale da lavoro competente.

A corroboro di quanto affermato un’ulteriore pronuncia della Corte di Cassazione è ritornata, invece, sul tema del rapporto tra lavoratore part-time e rifiuto di modificare l’orario di lavoro. La massima espressa sosteneva che è illegittimo il licenziamento di un dipendente part-time perché lo stesso rifiuti di modificare l’orario di lavoro. A riguardo si è accertato che il licenziamento era avvenuto non per ragioni inerenti all’attività produttiva.

La corretta utilizzazione, infatti, dello strumento negoziale del contratto di lavoro a tempo parziale impone la rigorosa predeterminazione della collocazione temporale dell’orario di lavoro, in modo da escludere il potere del datore di lavoro di disporre unilateralmente variazioni dei tempi della prestazione.

In precedenza la giurisprudenza di legittimità si era pronunciata al fine di evitare lo snaturare dell’essenza del lavoro part-time obbligando il dipendente ad una disponibilità tale da eliminare i vantaggi derivati dalla riduzione di orario pur nella persistenza della riduzione dei compensi.

La distribuzione dell’orario della prestazione integra il nucleo stesso del contratto di lavoro a tempo parziale e la ragion d’essere della particolare garanzia costituita dalla forma scritta, che assolve alla funzione di evitare che il datore di lavoro avvalendosi di una coerente o generica pattuizione sull’orario possa modificarla a proprio piacimento al fine di indebita pressione sul lavoratore.

Ne consegue che il contratto di lavoro che non rechi l’indicazione scritta della distribuzione oraria è nullo e non da titolo al beneficio contributivo. Nell’affermare il principio, infatti, specie relativo a contratti inferiori all’entrata in vigore del decreto legislativo n. 61/2000, si è esclusa la retroattività di questa disposizione ai sensi della quale l’eventuale mancanza o indeterminatezza nel contratto scritto.

Nelle indicazioni sulla collocazione temporale dell'orario non si comporta la nullità del contratto di lavoro a tempo parziale in quanto nella nuova disciplina del lavoro part-time non c’è alcuna norma che vieti il lavoro su turni come non c’è norma alcuna nella nuova disciplina del part-time che vieti il lavoro su turni.

La ratio della disposizione è che si vieta la modificazione della collocazione della prestazione dell'esperienza del lavoratore che precluda a quest’ultimo di conoscere come si svolgerà il suo lavoro operando una continua variazione dei turni per ciascun lavoratore.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Infortunio sul lavoro Covid-19: nesso di responsabilità datore di lavoro

Nesso tra responsabilità penale e civile del datore di lavoro e redazione del DVR

Continua

Riflessioni sull'azione di rimborso per i medici di medicina generale

Il D.lgs. 368/99, recependo la Direttiva comunitaria n. 93/16/CE, ha riconosciuto a tutti i medici specializzandi lo status di lavoratore in formazione

Continua

I rischi della gestione del rapporto di lavoro domestico tipo h24 tramite agenzia

I rischi connessi alla gestione non controllata del rapporto di lavoro domestico mediante ausilio di agenzia di somministrazione di lavoro

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro:i controlli sul lavoratore

Il potere direttivo e disciplinare ei controlli sui lavoratori sono argomenti estremamente delicati e sempre di attualità

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: presupposti

Nella gestione del contenzioso disciplinare è essenziale conoscere ed applicare correttamente le principali norme di riferimento

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: riflessi gestionali

Nell’analisi del potere direttivo e disciplinare, una serie di considerazioni particolari vanno riservate agli aspetti gestionali ed amministrativi

Continua

Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola

Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente ad un anno di servizio

Continua

Breve cronistoria della vicenda del rinnovo contrattuale CAS Sicilia

Adeguamenti contrattuali economici dei dipendenti del consorzio Autostrade siciliane su base degli aggiornamenti CCNL Autostrade e Trafori

Continua

Come ottimizzare la produttività del lavoro pubblico

Ecco qual è la logica del DDL 2031/2009 collegato alla manovra finanziaria sull’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Continua

IL COSTO DI GESTIONE DEL PERSONALE NELLA GARA D'APPALTO-PARTE PRIMA

Una variabile non trascurabile nella presentazione dell’offerta economica per la partecipazione ad una gara d’appalto riguarda il costo del personale

Continua

Autoferrotranvieri: differenze retributive per attività di conducente e indennità di guida

Ricorso autisti effettuato sulla base dell’art. 414 cpc contro l'Azienda Trasporti Messina ex CCNL Autoferrotranvieri 27.10.2000

Continua

Il costo di gestione del personale nella gara d'appalto (Parte seconda)

La variabile del calcolo del costo del lavoro nell’offerta economica della gara d’appalto muove sempre dai dati contrattuali e legali vigenti nel periodo considerato

Continua

Profili di responsabilità giuridica del dirigente d’azienda pre-virus

Adeguare e sviluppare in maniera programmatica l'evoluzione professionale dei dirigenti e dei quadri superiori, nonché anche la cultura imprenditoriale, risulta urgente

Continua

Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria

Cuneo fiscale ed Holding societaria. Riflessioni sulla protezione patrimoniale dell’imprenditore

Continua

Sicurezza nei luoghi di lavoro condominiali e DVR

Infortunio sul lavoro in ambito condominiale e nesso di resposabilità del datore di lavoro per redazione del DVR

Continua

Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider

La recente sentenza della Cassazione ha riconosciuto nuove tutele per i rider, ma è solo la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 e alla legge 128/2019

Continua

Oltre lo Statuto dei lavoratori…una sentenza tortuosa non è giustizia

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1633/2020 ha segnato il solco ma la strada delle tutele sarà ancora “lunga” nel mondo dei tempi “contratti” del profitto

Continua

I costi della sicurezza sul lavoro

I costi della sicurezza sul lavoro con la stima dei costi relativi all'emergenza Covid-19

Continua

Telelavoro, Smart working, innovation working: riflessioni di sociologia

Lo smartworking non è, come spesso si crede, il telelavoro o il lavoro da remoto. Infatti il telelavoro è il lavoro fatto da casa mentre lo smartworking è cosa diversa

Continua

L’infelice cancellazione delle cartelle fino a 5mila euro

Il recente Decreto Sostegni ha previsto la cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5mile euro, facciamo degli esempi pratici

Continua

IL CONTRATTO DI CESSIONE D’ AZIENDA BREVI CONSIDERAZIONI

CESSIONE ED AFFITTO D'AZIENDA - SIMILARITA' E DIFFERENZE PARTE DUE IL CONTRATTO DI CESSIONE D’ AZIENDA BREVI CONSIDERAZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

Continua

IL CONTRATTO DI AFFITTO D’AZIENDA BREVI RIFLESSIONI

CESSIONE ED AFFITTO D'AZIENDA - SIMILARITA' E DIFFERENZE PARTE UNO IL CONTRATTO DI AFFITTO D’AZIENDA BREVI RIFLESSIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

Continua