Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Lo "slalom" tra indennità e finanziamenti a fondo perduto


Sotto la lente le novità del decreto "Rilancio", in attesa degli emendamenti in Parlamento
Lo "slalom" tra indennità e finanziamenti a fondo perduto

 

Per fronteggiare la fase di emergenza e gettare le premesse per la ripartenza è stato varato Il “Decreto Rilancio” che ha introdotto nuove misure di sostegno alle imprese e, contemporaneamente, prorogato le erogazioni quali indennità o sussidi agli operatori economici con partita IVA, già interessati dai due decreti precedenti “Cura Italia” e “Liquidità”.

Per quanto riguarda la proroga delle indennità già percepite relative al mese di marzo dai lavoratori autonomi titolari di partita IV A, iscritti alla gestione ago e alla gestione separata Inps, attiva alla data di entrata in vigore dei decreti suddetti e i lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che nel periodo compreso tra il 1 ° gennaio 2019 e il 23 febbraio 2020 erano stati titolari di contratti autonomi occasionali riconducibili alle disposizioni di cui all'articolo 2222 del codice civile e che non avessero un contratto posto in in essere alla data del 23 febbraio 2020 ed iscritti alla Gestione separata, inoltre, coloni e mezzadri, sempreché non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, le € 600,00 saranno ripetutamente erogate anche per il mese di aprile.

Per il mese di maggio, invece, per gli operatori titolari di partita iva che abbiano subito una comprovata riduzione di almeno il 33 per cento del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del secondo bimestre 2019, secondo il principio di cassa, vale a dire come differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese effettivamente sostenute (comprese le quote di ammortamento) nel periodo interessato, sarà riconosciuta una indennità per il mese di maggio 2020 pari a € 1000.

La richiesta per le indennità dovrà essere presentata all’Inps che comunicherà all'Agenzia delle entrate i dati identificativi dei soggetti che hanno presentato l’autocertificazione per la verifica dei requisiti, attraverso un controllo incrociato.

L'art. 25 del decreto Rilancio, di converso, detta le direttive sulla erogazione dei contributi a fondo perduto rivolti a quei beneficiari, colpiti dall'emergenza epidemiologica, di cui ai requisiti di seguito specificati:

Il contributo è previsto a favore dei titolari di partita Iva esercenti attività d'impresa e di lavoro autonomo, di reddito agrario di cui all'articolo 32 del testo unico delle Imposte sul Reddito, la cui attività non risulti cessata alla data di presentazione dell'istanza e i cui ricavi o compensi non siano superiori a 5 milioni di euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente DL.

Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019, facendo riferimento alla data di effettuazione dell'operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi. Il predetto contributo spetta anche ai soggetti che hanno iniziato l'attività a partire dal 1 ° gennaio 2019 nonché ai soggetti che, a far data dall'insorgenza dell'evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di comuni colpiti dai predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto, alla data di dichiarazione dello stato di emergenza Covid-19.

L'ammontare del contributo a fondo perduto, è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l'ammontare del fatturato e dei corri spetti vi del mese di aprile 2019.

La percentuale è commisurata al:

• 20 per cento per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a quattrocentomila euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto;

• 15 per cento per i soggetti con ricavi o compensi superiori a quattrocentomila euro e fino a un milione di euro nel periodo d'imposta precedente;

• 10 per cento per i soggetti con ricavi o compensi superiori a un milione di euro e fino a cinque milioni di euro nel periodo d'imposta precedente.

L'ammontare del contributo a fondo perduto, risulterebbe inoltre, comunque erogato ai soggetti di cui alle caratteristiche sopra menzionate e alla condizionalità della diminuzione di fatturato, per un importo che non potrà essere inferiore a € 1000,00 per le persone fisiche e € 2,000,00 per i soggetti diversi dalle persone fisiche, quale minimo erogabile sempre garantito.

Inoltre, sembrerebbe cumulabile per artigiani e commercianti con regolare iscrizione previdenziale Inps, la percezione dell'indennità previste per i mesi di marzo, aprile e maggio, con il contributo a fondo perduto, sempreché ricorra la condizione necessaria della flessione di fatturato tra aprile 2019 e aprile 2020.

A tal fine, i soggetti interessati dovranno presentare, esclusivamente in via telematica, per conto proprio o da un soggetto intermediario, istanza all'Agenzia delle entrate con l'indicazione della sussistenza dei requisiti previsti, entro sessanta giorni dalla data di avvio delle istanze, che dovranno essere ancora definite, con ulteriore decreto attuativo.

L'istanza è un'autocertificazione vera e propria, nella quale i soggetti richiedenti oltre ad indicare i requisiti economici, dovranno dichiarare di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dall'art.67 D.lgs. 159/2011 relativamente alle disposizioni antimafia, ricordando che le dichiarazioni mendaci, sono punite con la reclusione da due anni a sei anni e, se nel caso in specie, il contributo fosse già stato erogato, opererebbe la confisca dei beni e la sanzione relativa alle indebite compensazioni, vale a dire dal 100% al 200% della misura delle somme erogate.

Il contributo a fondo perduto è corrisposto dall'Agenzia delle Entrate mediante accreditamento diretto in conto corrente bancario o postale intestato al soggetto beneficiario, come già è avvenuto da parte dell’INPS relativamente ai bonus precedenti e non è inopportuno ricordare a margine del presente articolo che, tutte le somme erogate dai provvedimenti in questione fino ad oggi, non concorreranno alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi del 2020 e non rileveranno, altresì, ai fini Irap.

E' appena il caso di ricordare, che il decreto legge dovrà seguire la conversione in Parlamento a legge dello Stato e, quindi, molto probabilmente sarà emendato dal dibattito parlamentare.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Corrispettivi elettronici: anno nuovo, scontrino...elettronico nuovo!

Ecco un breve vademecum sullo scontrino elettronico al quale quasi tutti gli esercenti al minuto dovranno confrontarsi da quest'anno

Continua

Sale il "bonus Renzi" in busta paga

A partire daI 1° luglio 2020 i lavoratori si troveranno un "bonus Renzi" maggiorato in busta paga

Continua

La rivalutazione dei terreni, riaperti i termini fino al 30 giugno 2020

Anche quest'anno la legge di bilancio ripropone la possibilità di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e agricoli

Continua

Nuovi limiti al contante: chiarimenti su Pos, prelevamenti e buste paga

Ecco cosa cambia nel 2020 in merito a Pos obbligatorio, prelevamenti bancomat e retribuzione dei dipendenti

Continua

Pensioni con la Legge di Bilancio 2020, cosa cambia

Ecco quali sono le poche novità rispetto al 2019 e un quadro riassuntivo sulle vie d'uscita

Continua

Assenze da Coronavirus, quale gestione da parte del datore di lavoro

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, fattispecie legate alle assenze dal posto del lavoro per il pericolo di contagio

Continua

Slitta la scadenza per CU, 730 e precompilati

Ecco cosa prevede il Decreto Coronavirus in merito alle scadenze relative agli adempimenti dichiarativi

Continua

Come si deducono i contributi nel regime forfettario

Ecco qual è il metodo per dedurre i contributi nel regime forfettario

Continua

In tempi di “contagio” le ferie possono essere imposte

Come giustificare le assenze in queste settimane di assenza dal lavoro

Continua

Il Covid-19 entra nel Documento di Valutazione dei Rischi

I datori di lavoro hanno l'obbligo di aggiornare il documento valutazione rischi

Continua

Credito d'imposta su locazioni commerciali interessati dalla chiusura

Nel decreto anti COVID-19 un nuovo credito di imposta per aiutare gli imprenditori in crisi

Continua

A Marzo ricavi e compensi senza ritenute

Fino al 31 marzo i ricavi non scomputano le ritenute. Introdotta l’esenzione delle ritenute d'acconto a beneficio di taluni soggetti

Continua

Nuovo rinvio delle scadenze di Aprile e Maggio, ma non per tutti

Le nuove moratorie su imposte e contributi previste dal nuovo "Decreto liquidità"

Continua

Decreto liquidità: i mini prestiti e le altre disposizioni fiscali

I prestiti bancari garantiti alle piccole e medie imprese e le ulteriori proroghe sugli adempimenti

Continua

Arriva il super bonus di 100 euro in busta paga di aprile

100 euro in busta paga a tutti coloro che hanno lavorato in sede nel mese di marzo e hanno dichiarato nel 2019 un reddito da lavoro dipendente sotto i 40 mila euro

Continua

La cassa integrazione durante maternità, permessi, ferie e congedi

Le compatibilità delle misure sulla gestione degli ammortizzatori sociali adottate dal Governo in presenza di più eventi tipici del rapporto di lavoro

Continua

730/2020: novità anche per gli eredi

Da quest'anno c'è la possibilità di presentare il modello 730 anche per il contribuente deceduto

Continua

Il decreto "Rilancio" riscrive la mappa delle scadenze

Varato il DL "Rilancio" ci apprestiamo a ridisegnare il calendario delle scadenze, tra vecchi e nuovi rinvii

Continua

Come compilare l'istanza per gli aiuti a fondo perduto

Vademecum alla compilazione delle istanze per gli aiuti a fondo perduto che potranno essere inviate a partire dal 15 giugno e non oltre il 13 agosto

Continua

Dal 1° luglio nuova stretta alle auto aziendali

Aumenta la tassazione alle auto aziendali in base al tasso si inquinamento del veicolo

Continua

Dal 1° Gennaio 2020 le detrazioni dipenderanno anche dal forfettario

Forte diminuzione dell'effetto detrazioni in dichiarazione, con l'incidenza del reddito da imposta sostitutiva

Continua

Il contratto a termine alla luce del decreto "Agosto"

Nei contratti a termine è stata sospesa la causalità e i vecchi limiti previsti dai decreti “Poletti” e “Jobs Act”

Continua