Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Mantenimento dei figli maggiorenni


Con una recente sentenza (n. 19696/2019) la Cassazione torna sulla questione del mantenimento dei figli maggiorenni
Mantenimento dei figli maggiorenni

 

Con una recente sentenza (n. 19696/2019), la Cassazione torna sulla questione del mantenimento dei figli maggiorenni, statuendo su due rilevanti profili:

•    la ripartizione dell’onere probatorio sulla capacità lavorativa del figlio maggiorenne;

•    l’esclusione di una “reviviscenza” dell’obbligo del genitore al mantenimento.

La sentenza della Corte di Appello (CdA Napoli 542/2017), cassata dagli Ermellini, aveva riconosciuto il diritto al mantenimento in favore di due ragazzi ultratrentenni con la motivazione che il genitore obbligato non aveva fornito la prova dell’effettiva e stabile autosufficienza e/o della responsabilità dei figli per la mancata acquisizione di un’occupazione che li rendesse indipendenti.

Premette la Corte di Cassazione che “l’obbligo del mantenimento dei genitori consiste nel dovere di assicurare ai figli, anche oltre il raggiungimento della maggiore età e in proporzione alle risorse economiche del soggetto obbligato, la possibilità di completare il percorso formativo prescelto e di acquisire la capacità lavorativa necessaria a rendersi autosufficiente”.

Proseguono i giudici di palazzaccio ritenendo, tuttavia, non condivisibile la linea interpretativa della CdA di Napoli e fornendo importanti precisazioni in tema di ripartizione dell’onere probatorio.

Stabilisce, infatti, la Corte che:

La prova del raggiungimento di un sufficiente grado di capacità lavorativa è ricavabile anche in via presuntiva dalla formazione acquisita e dalla esistenza di un mercato del lavoro in cui essa sia spendibile.
La prova contraria non può che gravare sul figlio maggiorenne che, pur avendo completato il proprio percorso formativo, non riesca ad ottenere, per fattori estranei alla sua responsabilità, una sufficiente remunerazione della propria capacità lavorativa”
.

Non solo, anche nel caso in cui il figlio riuscisse a fornire tale prova, andranno comunque valutati altri fattori: “la distanza temporale dal completamento della formazione, l’età raggiunta ovvero gli altri fattori e circostanze che incidano comunque sul tenore di vita del figlio maggiorenne e che di fatto lo rendano non più dipendente dal contributo proveniente dai genitori”.

Il secondo profilo rilevante affrontato nella sentenza riguarda l’esclusione della reviviscenza dell’obbligo del genitore al mantenimento.

Nel caso di specie, infatti, uno dei due figli, dopo avere lavorato per due anni, aveva poi percepito solo redditi eccessivamente modesti o inesistenti.

La Corte ha statuito sul punto precisando che “la percezione di una retribuzione sia pure modesta, ma che prelude a una successiva spendita dalla capacità lavorativa a rendimenti crescenti segnala fine dell’obbligo di contribuzione da parte del genitore e la successiva eventuale perdita dell’occupazione o il negativo andamento della stessa non comporta la reviviscenza dell’obbligo del genitore al mantenimento.

Nel caso in esame, la Corte territoriale neppure ha adeguatamente valutato una serie di ulteriori e rilevanti circostanze quali “l’effettività o meno della convivenza dei figli con la madre, l’età ormai ampiamente superiore ai trent’anni di entrambi i figli, il tenore di vita di cui dispongono”.

Su tali circostanze si sarebbe, invece, dovuto attivare l’onere probatorio gravante sui soggetti richiedenti il contributo al mantenimento.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il “nuovo” assegno divorzile: addio al tenore di vita

I nuovi criteri per l'attribuzione e a determinazione alla luce della sentenza S.U. Cassazione 18287/2018

Continua

Codice rosso: legge contro la violenza domestica e di genere

Il Parlamento ha approvato il Codice rosso, la legge contro la violenza sulle donne. Tempi più rapidi per il processo, pene più dure e introduzione di nuovi reati

Continua

L’assegnazione della casa coniugale

La casa coniugale rappresenta uno dei principali motivi di conflitto nelle controversie di separazione e divorzio

Continua

Bonus famiglia nel DDL di Bilancio 2020

Ecco quali sono i bonus destinati alle famiglie inseriti nel disegno di legge di Bilancio 2020

Continua

DIVIETO DI PROCREAZIONE PER LE COPPIE OMOSESSUALI

NON È ILLEGITTIMO IL DIVIETO DI PROCREAZIONE PER LE COPPIE OMOSESSUALI

Continua

L’affido condiviso dei figli con frequentazione paritaria dei genitori

Il Mediatore Familiare possiede gli strumenti per aiutare i genitori a convergere volontariamente sull’interesse dei figli ad una reale bigenitorialità

Continua

DDL Bullismo, assegno unico per i figli e permessi paternità

Ecco cosa prevedono i DDL Bullismo e assegno unico per i figli in approvazione. Chiarimenti sui permessi paternità

Continua