Mantenimento diretto: quando è possibile ottenerlo


Quando è possibile chiedere l'applicazione del mantenimento diretto per i figli al posto del versamento di un assegno mensile di mantenimento
Mantenimento diretto: quando è possibile ottenerlo
Il Tribunale di Firenze con la sentenza 1355/17 ha affrontato il tema del mantenimento diretto genitori-figli, ovvero quella forma di assistenza economica che il genitore separato dà ai propri figli non versando un assegno periodico, ma provvedendo direttamente a soddisfare le loro esigenze.
Gli artt. 147 e 148 c.c. pongono l’obbligo di mantenimento dei figli minori, siano essi legittimi o naturali, a carico di entrambi i genitori che devono adempiere a tale obbligazione in proporzione alle rispettive sostanze e secondo le loro capacità di lavoro.
L’art. 337 ter c.c., precisa poi al IV comma che "salvo accordi liberamente sottoscritti, ciascuno dei genitori provvede al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito; il giudice stabilisce, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico al fine di realizzare il principio di proporzionalità, da determinare considerando:
1) le attuali esigenze del figlio;
2) il tenore di vita goduto dal figlio in costanza di convivenza con entrambi i genitori;
3) i tempi di permanenza presso ciascun genitore;
4) le risorse economiche di entrambi i genitori;
5) la valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da ciascun genitore".
A tal proposito, il Tribunale di Firenze ricorda che "l’applicazione del principio di proporzionalità impone la determinazione di un assegno perequativo per i figli solo ‘ove necessario’ mentre non dispone affatto che tale assegno sia sempre e comunque dovuto al genitore prevalente domiciliatario in quanto, appunto, va valutato se le rispettive condizioni economiche e il peso degli oneri alimentari derivanti dai tempi di permanenza della prole presso ciascun genitore realizzino una sproporzione da correggere."
Infatti, il graduale aumento dei tempi di permanenza del minore presso un genitore, con inserimento anche dei pernottamenti, applicando il criterio della proporzionalità, non lascia alcuno spazio ad un trasferimento economico da parte di un genitore all'altro nell’interesse del figlio .
Il Tribunale di Firenze conclude statuendo che "valutata comparativamente la predetta capacità economica dei coniugi appare equo stabilire il mantenimento diretto dei figli da parte di ciascun coniuge durante la permanenza presso di loro, mentre la statuizione di un contributo da parte della madre creerebbe una ulteriore eccessiva sperequazione tra disponibilità materne e disponibilità paterne di provvedere a sé e alla prole e renderebbe il tenore di vita del nucleo padre-figlio ingiustamente deteriore rispetto a quello del nucleo madre-figlio".

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danno da vacanza rovinata

Ecco cosa prevede il Codice del Turismo in caso di inadempimento dell`organizzatore

Continua

Bollette energia e gas in caso di cliente moroso

Bollette energia elettrica e gas. Cosa possono (e non possono) fare i gestori quando il cliente è moroso

Continua

Equitalia. Nullità dei provvedimenti esecutivi

Equitalia. Cassazione: nullità dei provvedimenti esecutivi e fermi amministrativi senza avviso al contribuente

Continua

Viaggiatore del Terzo Millennio. Pericoli e tutele

Cosa fare nel caso si abbia prenotato un viaggio in un Paese che diviene a rischio

Continua

Mancato rispetto del giudizio di idoneità del lavoratore

Cosa succede nel caso il datore di lavoro non rispetti il giudizio di idoneità espresso dal medico competente?

Continua

L'anticipazione del rifiuto a svolgere le mansioni

L'anticipazione di un rifiuto a svolgere le mansioni non può essere considerata un attuale diniego

Continua

Acquisto di immobile all'asta

Acquisto di immobile all'asta: cosa fare in caso di vizi?

Continua

Riparazioni dal meccanico: quando non pagare?

Nel caso in cui, anche a seguito di riparazioni, la vettura continui a presentare problemi, niente sarà dovuto al meccanico per l'opera svolta.

Continua

Nuovo codice del consumo. Facciamo il punto

Contratti al telefono. Conferma scritta o no? <br />Locali commerciali o no? <br />Beni personalizzati e diritto di recesso

Continua

I diritti della lavoratrice madre

I principali diritti della lavoratrice madre riguardo il licenziamento, le dimissioni ed il congedo di maternità

Continua

La retribuzione del socio accomandante

Lavoro subordinato e socio accomandante

Continua

Contratto di mediazione immobiliare

Il foro competente e le ipotesi in cui il mediatore ha diritto alla provvigione

Continua

Assegno divorzile: la conferma della Cassazione

Per l'assegno divorzile non si guarderà più al tenore di vita ma si dovrà adottare un criterio composito

Continua