Maternità in gestione separata


Maternità per professioniste iscritte alla gestione separata: chi ne ha diritto e quando fare la domanda
Maternità in gestione separata
Le madri lavoratrici, nello specifico professioniste iscritte alla Gestione Separata INPS hanno diritto all’indennità di maternità per il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro (due mesi prima del parto e tre dopo la nascita).

Vediamo nel dettaglio i requisiti per poter accedere alla prestazione, quali sono i benefici e come presentare la domanda.

Requisiti
Per avere diritto all'assegno di maternità occorre che tre mesi di contributi siano stati effettivamente versati nei 12 mesi precedenti l’inizio del congedo obbligatorio ordinario (ovvero nei 12 mesi che precedono i due mesi prima del parto)

Per le professioniste iscritte alla gestione separata INPS si prende in considerazione il reddito annuale dichiarato nell’anno precedente.

L’aliquota contributiva per gli iscritti alla gestione separata per l’anno 2015 è il 27,72%

Beneficio
Si ha diritto all'80% di 1/365 del reddito da attività libero professionale (per i cinque mesi di maternità)

L’astensione dal lavoro non è obbligatoria, tuttavia la mancata astensione provoca la perdita del beneficio.

Come presentare la domanda
Molteplici i canali ma tutti telematici: la domanda va presentata da intermediari abilitati, da caf, oppure direttamente sul portale INPS, da chi è in munito di PIN dispositivo

Articolo del:


di Studio Molinaro

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse