Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Medici di base esclusi dall'irap


Le ultime sentenze della Cassazione, in linea con la sent. della Cass. SS.UU. , escludono i medici di base dall'irap in presenza di un dipendente.
Medici di base esclusi dall'irap
Medici di base esclusi dall'irap
In materia di Irap, con riferimento ai medici di base, la Cassazione con le ultime sentenze, in linea di continuità con la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite n.7291 del 2016, esclude che un dipendente con funzioni operative (ad es. un addetto alle pulizie, una persona addetta alla segreteria o un'infermiera) possa integrare il presupposto impositivo in quanto tale impiego:
- non apporta, in capo al medico di base, quel quid pluris che normalmente da' vita alla presenza di una autonoma organizzazione;
- non modifica la natura del rapporto convenzionale con l'ASL, che ha valenza costituzionale del diritto alla salute che la professione medica è chiamata ad attuare e tutelare.

Del resto sono le stesse ASL che raccomandano al medico di base di avvalersi di personale e collaboratori di studio (tipicamente per assolvere alle funzioni di segreteria e accoglienza dei pazienti), compartecipando al relativo costo mediante l'erogazione di una specifica indennità a favore del medico di base (art. 40, comma 9, lett. d, dell'accordo collettivo, reso esecutivo col D.P.R. n. 270 del 2000).

Per eventuali approfondimenti: gianluca.gaeta@alice.it

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Motivazione cartella di pagamento

Equitalia: obbligo motivazione cartella di pagamento

Continua

Indagini bancarie: artigiani esclusi

Nei confronti degli artigiani non possono considerarsi ricavi imponibili i prelevamenti non giustificati

Continua

Dilazione ruoli: nuova opportunità dal 01/07/16

Dilazione ruoli: nuova possibilità per ottenere il rateizzo da cui si è decaduti alla data del 1° luglio 2016

Continua

Notifica cartella via pec: inesistente

E' inesistente la notifica via pec delle cartelle di pagamento per incostituzionalità dell’art.26 del D.P.R. 602/73, C.2, per disparità di trattamento

Continua

Società di comodo: nulla la cartella di pagamento

Se la società è di comodo la cartella di pagamento deve essere preceduta dall’accertamento. E' illegittima la cartella emessa ai sensi dell'art.36-bis

Continua

Imposta di registro: cartella nulla senza motivazione

La cartella per imposta di registro sugli atti giudiziari è nulla per carenza di motivazione se viene indicato solo il numero e la data della sentenza

Continua

Prescrizione cartella imposta registro su sentenza

L'imposta di registro iscritta a ruolo a seguito del deposito della sentenza civile si prescrive in cinque anni. Non si applica il termine decennale.

Continua

Nulli gli accertamenti Tarsu del Comune di Napoli

Il Raggruppamento di imprese Equitalia-Ge.Se.T. Italia S.p.A.-Ottogas S.r.l. non è legittimato all'accertamento tari per conto del Comune di Napoli.

Continua

Nullità della notifica via pec delle cartelle

Sono nulle o inesistenti le cartelle di pagamento notificate via PEC: primi casi trattati dalla giurisprudenza di merito

Continua

Illegittimo l'affidamento del servizio riscossione Tarsu al R.T.I

Il R.T.I. maneggiando denaro pubblico è obbligato all'iscrizione all'albo di cui al D.M. 289/2000

Continua