Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Mercati e Risparmio la regola d'oro che TI RIGUARDA!


Esiste una regola d'oro in finanza che se disattesa comporta danni seri ai tuoi risparmi
Mercati e Risparmio la regola d'oro che TI RIGUARDA!

Nei mercati finanziari esiste una regola d’oro, sconosciuta alla maggior parte dei risparmiatori, non seguirla porta a conseguenze negative.

Non è sicuramente un momento facile per l’Italia e per i risparmiatori. Rating giù, a un pelo dalla “spazzatura”, dispute tra Governo e Commissione UE, crescita dei tassi d’interesse e dello spread, il Primo Ministro Conte che chiede a Trump e a Putin di impegnarsi a comprare i nostri titoli di Stato e tanto tanto altro ancora.

Risultato? Molta paura e soprattutto, a mio parere, manca una capacità critica di lettura della situazione attuale che possa aiutare il risparmiatore ad orientarsi meglio, cerchiamo allora di fare chiarezza.

Partiamo da un Assioma: un assioma (fonte WIKIPEDIA) "è una proposizione o un principio che è assunto come vero, perché ritenuto evidente o perché fornisce il punto di partenza di un quadro teorico di riferimento".

Eccoti quindi la Regolina d’oro:

 

- Perché parto da qui?

Perché questa regola fa parte a pieno titolo del “bignamino” dell’ABC della Finanza e trovo strano che Primi Ministri e Governanti l’abbiano sottovalutata o addirittura dimenticata. Se invece non la conoscono, sarebbe il caso che qualcuno gliela spieghi ed in fretta! Il momento che stiamo attraversando infatti, ruota tutto intorno a questa regolina semplice semplice.

Gli investitori, oggi, scappano dal rischio Italia. Scappare, in termini finanziari, significa Vendere!

Perché si vende come se non ci fosse un domani e cosa accade sul mercato quando si vendono in massa i nostri Titoli di Stato, i nostri tanto amati BTP & Co?

Rispondo alla prima parte della domanda con un’altra domanda, presteresti dei soldi a qualcuno sapendo che molto probabilmente non te li restituirà? La risposta è palese…

Quindi, gli investitori vendono perché aumenta il rischio che i soldi prestati all'Italia, non vengano restituiti, da qui inizia una catena di eventi, un circolo vizioso molto pericoloso che funziona in questo modo:

  1. Salgono i rendimenti – La vendita massiccia di titoli che fa seguito ad una repentina diminuzione della domanda (nessuno li vuole), quindi, come accade per qualsiasi bene sul mercato (pensiamo al nostro amato mattone, per rendere appetibile la mia casa che nessuno vuole, devo abbassare il prezzo e renderla un’opportunità profittevole!) i prezzi scendono ed i rendimenti salgono, per rendere i titoli più appetibili e sperare che qualcuno li compri.

Per alcuni sarà un’ovvietà, per molti non lo è:

Il rendimento e il prezzo delle obbligazioni sono legati da una relazione inversa.

2. Sale lo spread – Se i rendimenti dei BTP salgono, s’allarga anche lo spread con i titoli tedeschi, che in questi casi di norma scendono perché gli investitori corrono ad acquistare obbligazioni di teutonica solidità.

Esempio: Vicino alla mia casa hanno da poco costruito un inceneritore, mentre nei pressi di quella del mio amico Gianni, hanno costruito un parco, con un laghetto ed una pista ciclabile. La differenza fra il valore della mia casa e quella di Gianni aumenterà perché ci sarà più domanda per la casa di Gianni rispetto alla mia!

3. Calo del valore di mercato dell’investimento – Se si hanno titoli come i BTP in portafoglio, la salita dei rendimenti comporta un calo del valore di mercato, dunque una minusvalenza potenziale, che si realizza se si vende (la mia casa, ahimè, varrà sempre meno sul mercato rispetto al prezzo a cui l’avevo comprata!).

4. Credit-crunch – Poiché i bilanci delle banche italiane sono farciti di titoli di Stato, se il loro prezzo cala si deteriorano i bilanci. E se il deterioramento è significativo, le banche sono costrette dalla normativa (che richiede un intuibile equilibrio tra voci dell’attivo, come gli investimenti in BTP, e voci del passivo, come i crediti erogati) a ridurre mutui e finanziamenti. Si chiama credit-crunch: è l’incepparsi del credito, motore dell’economia in cui viviamo. Per la legge della domanda e dell’offerta, riducendosi l’offerta di credito, tende ad aumentarne il prezzo: cioè il tasso d’interesse pagato da chi s’indebita.

5. Peggiora il nostro Rating – Folle di esperti dell’ultima ora sottolineano quanto poco obiettive siano le agenzie di rating, e quante cantonate abbiano preso in passato, in parte è vero, peccato che sia del tutto irrilevante.

Infatti, la cosa certa è che l’eventuale futuro declassamento da titoli Investment Grade a “titoli spazzatura” (o junk, o High Yield, che suona meglio però non cambia la sostanza e l’odore) implicherebbe la vendita secca di titoli di Stato italiani a prescindere da questioni di merito sul giudizio delle agenzie di rating.

E si ricomincia da capo: gli investitori non si fidano e continueranno a vendere.

Tornando a dove eravamo partiti, e cioè dalla regola d’oro, ecco spiegato come determinate politiche che non ne tengano conto (la costruzione dell’inceneritore vicino alla mia casa) rischiano di dare il via al circolo vizioso che potrebbe portare in ultima istanza verso scenari che spero, non si auguri nessuno (default /uscita dall’eurozona).

Ma vediamo un altro dato significativo, l’attuale CDS (Credit Default Swap) dell’Italia.

Esempio: immagina di possedere una Fiat 500 ed essere residente a Mantova dove paghi un'assicurazione di 300 euro/anno. La stessa Fiat 500 pagherebbe lo stesso premio assicurativo se tu fossi residente a Napoli piuttosto che a Palermo? Assolutamente no: le Assicurazioni non ragionano per “campanilismi”, ma in base a statistiche: purtroppo gli incidenti d’auto sono molto più frequenti a Napoli e a Palermo piuttosto che a Mantova e di conseguenza, il premio per proteggerti dal rischio incidente che pagherai se fossi residente a Napoli o a Palermo sarebbe sicuramente più alto; ecco spiegato cos'è il CDS: un premio assicurativo, per proteggermi da cosa? Dal rischio default, che più aumenta, più aumenta il premio da pagare per assicurarsi.

Ecco l’andamento del CDS a 5 anni dell’Italia dalla nascita dell’attuale Governo (maggio 2018).

Ed ecco i premi contro il rischio default che oggi si paga per la Grecia , per la Spagna ed infine per la Germania.

 

Il premio che attualmente si paga per proteggersi dal default dell’Italia è molto più vicino al premio che si paga per proteggersi dal Default della Grecia, per la Spagna si paga addirittura 1/3 del nostro premio, non parliamo ovviamente della Germania, pertanto chi urla al complotto dei mercati, non ha capito un concetto molto semplice, cioè che:

Non esistono complotti!

Immagina per un attimo il gestore di un enorme fondo pensione Giapponese, sai quanto gli interessa di Salvini e Di Maio che stanno a migliaia di chilometri di distanza fisica e culturale? Semplicemente nulla! Se le prospettive del debito italiano peggiorano, le agenzie di rating emettono giudizi negativi, le ricerche consigliano di vendere titoli Italia, il gestore del fondo pensione giapponese schiaccia un bottone e vende, quello di non rischiare le masse di denaro che gli sono state consegnate in gestione è il suo lavoro punto. Il leggendario “mercato” funziona così.

In ogni caso, mantieni calma ed il sangue freddo, i rischi più grossi a cui possono andare incontro i nostri risparmi vanno da una patrimoniale (quando si inizia a dire che la “grande ricchezza degli italiani è il loro risparmio privato”, io inizio a preoccuparmi!) all'uscita dall'euro e quindi al ritorno alla lira (che significherebbe una svalutazione di almeno il 40%!) quindi che cosa fare? I metodi per mettersi al riparo esistono e sono alla portata di tutti.

L’unica protezione dal rischio specifico (rischio Italia) e dal rischio valutario (uscita dall'euro) è aver pianificato a monte, una corretta diversificazione di portafoglio, utilizzando, magari, strumenti non di diritto italiano come a titolo d’esempio, SICAV (la maggior parte sono di diritto irlandese o lussemburghese) o polizze vita possibilmente di diritto irlandese.

Per approfondire leggi anche il mio articolo: "La chiave per proteggere i tuoi risparmi"

Hai letto fino a qui ottimo! Adesso però dimmi cosa pensi, secondo te, stiamo andando verso uno scontro frontale con l’Europa? Pensi che un'uscita dall'Euro sia un’eventualità concreta?

Lasciami le tue risposte nei commenti, sarò lieto di conversare con te sul tema.

Se invece desideri espormi le tue domande in forma più riservata, contattami pure personalmente ti lascio qui di seguito i miei riferimenti, fare due parole non costa nulla ma può fare per te la differenza.

Tel: 0376 220190

Mail: mauro.valentino@allianzbankfa.it

www.maurovalentino.com/contatti

A presto

Dott. Mauro Valentino

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Successione quello che (FORSE) non sai

Il ricambio generazionale in azienda richiede sempre un'attenta pianificazione a tavolino per evitare conseguenze negative

Continua

Consulenti nel welfare, collaborare per crescere!

Consulente del lavoro e consulente finanziario, due figure chiave nel welfare aziendale. Come poter crescere collaborando

Continua

Più competitivo? Usa il WELFARE AZIENDALE!

Come il welfare aziendale porterà benefici importanti alla tua azienda

Continua

Progettare il welfare aziendale le basi

Come si progetta un piano di welfare aziendale? Primo di una serie di articoli dedicati, oggi partiamo dai fondamentali

Continua

Welfare aziendale fra cliente e lavoratore

Il welfare aziendale non si esaurisce solo all'interno dell'azienda ma coinvolge fornitori e clienti attuali, ma soprattutto quelli futuri.

Continua

Progettare un Welfare Aziendale il questionario

Un piano di welfare aziendale passa dall'analisi dei reali bisogni dei lavoratori, dell'ambiente di lavoro dalla percezione stessa del lavoro.

Continua

Progettare il welfare aziendale: IL CLIMA

Il primo passo nella creazione di un piano di welfare aziendale è senza dubbio quello di creare un clima interno all'azienda che sia adeguato

Continua

Welfare in azienda? Fra emozioni e comunicazione!

Il welfare aziendale non può prescindere dalle emozioni, la formazione unita ad una comunicazione interna ed esterna ne garantiranno il successo

Continua

Welfare aziendale un fatto di comunicazione

Il welfare aziendale in italia muove i primi passi ma i gap da colmare sono ancora molti qui troverai qualche soluzione

Continua

Dal Benefit al Welfare Aziendale

Come cambia la gestione delle risorse nelle PMI, passando da una logica di benefit ad una di Welfare

Continua

MIFID2, la vera difesa del risparmiatore

MIFID2: le nuove normative a difesa del risparmiatore, quali sono i tuoi diritti nei confronti delle banche

Continua

Investire con successo? Certo ma con metodo!

Investire con successo è certamente possibile, a patto però, che lo si faccia con metodo e rispettando determinate condizioni.

Continua

MIFID2 Tutela del Risparmio 3 cose che DEVI sapere

Le 3 cose che DEVI assolutamente conoscere delle MIFID2 le nuove normative europee a tutela del risparmio.

Continua

Previdenza tutti ciò che (DOVRESTI) Sapere

Se ti stai chiedendo in che modo, una polizza di previdenza integrativa possa esserti utile, qui troverai la risposta.

Continua

TFR al Fondo pensione? Vantaggi per l'azienda

Generalmente il trattamento di fine rapporto viene utilizzato dalle aziende come “forma di autofinanziamento”, come “liquidità di cassa”

Continua

I Titoli di Stato sono sicuri?

Con l'introduzione delle CACs (Clausole Azione Collettiva) viene de facto ridimensionata la figura dello Stato come garante assoluto

Continua

Prima d'investire, valuta l'Orizzonte Temporale!

Quando ci si approccia ad un investimento bisogna avere ben chiaro in mente per quanto tempo potrai ragionevolmente tenere investiti i tuoi soldi

Continua

Assicurazioni viaggio, proteggiti PRIMA di partire

Prima che la vacanza dei tuoi sogni diventi incubo, prendi precauzioni...è facile!

Continua

Liquidità sul conto corrente ma Conviene davvero?

Detenere i propri risparmi sul conto corrente o strumenti di liquidità pensi davvero che sia la scelta più conveniente?

Continua

Welfare aziendale si può ma con la rete d'impresa!

Il welfare aziendale coniuga la necessità di protezione del potere di acquisto da parte dei lavoratori con l’esigenza di rendimento aziendale

Continua

Sesa SpA, il Welfare si fa Territoriale!

Il welfare oggi da aziendale si fa territoriale, vediamo come in un esempio concreto

Continua

Welfare Aziendale? Ascolta i tuoi Dipendenti!

Comprendere i bisogni reali dei dipendenti, primo passo verso il successo del piano di Welfare

Continua

Millenials, un Welfare da (Ri)pensare?

Il welfare preconfezionato ai millenials va stretto e l'aumento salariale non è una priorità

Continua

La chiave per Proteggere i TUOI risparmi!

Che fine potrebbero fare i tuoi risparmi? Oggi ti offro la soluzione

Continua

Proteggere i risparmi? Usa una Unit Linked!

Una sola domanda, come proteggo i miei risparmi? Io ti offro una possibile soluzione!

Continua

Proteggi (davvero) i risparmi, usa il Fondo Comune!

Come proteggere i propri risparmi usando i Fondi Comuni d'investimento

Continua

Proteggi (davvero) i tuoi risparmi, usa un Fondo Comune!

Come proteggere i propri risparmi usando un fondo comune d'investimento.

Continua

Fondi Comuni, come (dovresti) usarli

Come e quando usare un Fondo Comune? Quali sono i rischi? Qui troverai le risposte

Continua

Strumenti Finanziari, quali sono e quando usarli!

Ogni strumento finanziario ha uno scopo che dovrebbe coincidere con i tuoi obiettivi di rendimento

Continua

Le 4 Fasi del ricambio generazionale in azienda

Quando si diventa consapevoli della necessità di pianificare il ricambio generazionale in azienda?

Continua

I 5 requisiti per un ricambio generazionale di successo!

La quasi totalità delle PMI Italiane hanno in comune il fatto di essere a conduzione famigliare

Continua