Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Mercato italiano e Pir


Analisi del primo quadrimestre della Borsa italiana e dei fondi Pir
Mercato italiano e Pir
Il mese di aprile giunge a conclusione e con esso uno dei quadrimestri più volatili che io ricordi in venti anni di attività professionale.
Dopo un gennaio scintillante, la Borsa Italiana è stata coinvolta dalla maxi correzione partita dagli Usa a febbraio e conclusasi a marzo, con una perdita complessiva che aveva portato i listini italiani a scendere sotto la parità, dopo essere arrivati a fine gennaio ad un importante +8%. Avevamo già pensato che il mercato italiano quest’anno sarebbe stato uno dei più interessanti e lo ha dimostrato con una reazione veemente in aprile, che ha riportato i rendimenti da inizio anno a superare il 6%, recuperando in un mese quanto perso per strada.
Anche in questa occasione i PIR hanno fatto la parte del leone e diversi fondi hanno sovraperformato gli ottimi rendimenti del mercato di riferimento. La crescita della raccolta è sostenuta, oltre che dalle importanti agevolazioni fiscali, anche dall’economia reale, che mostra segni tangibili di crescita del Pil, ormai giunto al +1,5% come previsto in questi giorni anche dal Def appena pubblicato dal Governo italiano uscente.
Un dato importante è rappresentanto anche dal numero sempre crescente di aziende in attesa di quotazione sui due mercati di riferimento dei fondi PIR. Sul segmento STAR e sul segmento AIM sono in lista di attesa oltre 50 aziende che stanno completando l’iter di quotazione, tanto da indurre la società di gestione della Borsa Italiana a dimezzare le commissioni per l’accesso ai listini.
Il numero di aziende che chiede la quotazione è estremamente importante per la sostenibilità dei rendimenti nel lungo periodo. Più aziende si quotano e più possibilità avranno i gestori di diversificare gli investimenti, scongiurando il pericolo di "bolla speculativa" paventato da alcuni osservatori, nonostante il mercato italiano resti ancora uno dei più sottovalutati nel mondo e l’exploit delle quotazioni dello scorso anno.
Posso affermare con sicurezza, che dalla loro nascita ad oggi, questo strumento ha instaurato finalmente nell’economia italiana un circolo virtuoso: nuovi e importanti investimenti da parte dei risparmiatori che inducono una crescita economica nel tessuto produttivo italiano, permettendo alle aziende di ottenere nuovi finanziamenti senza passare dal circuito bancario. Più aziende quotate consentono la stabilità dei rendimenti e attraggono ulteriori risparmi per la bontà dell’investimento e così via. L’auspicio è, quindi, di vedere sui listini italiani un 2018 che ricalchi i rendimenti del 2017 a tutto beneficio dei risparmiatori italiani.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Piani Individuali di Risparmio - PIR

Piani individuali di Risparmio. Cosa sono? Quali sono i vantaggi?

Continua

Macrotrend

Andamento dei mercati e consigli su come orientarsi in momenti di nervosismo come quello che stiamo vivendo in questo inizio 2018

Continua

Asset Allocation: strategie di allocazione

Asset Allocation significa diversificare per limitare i rischi; come e perchè?

Continua

ESG - Enviromental, social and governance

ESG - Enviromental, social and governance: l’acronimo che è diventato uno standard per definire l’approccio sostenibile agli investimenti

Continua

Salone del Risparmio 2018

Idee e strategie per il 2018

Continua

Sell in may and go away?

Mercati in ripresa e previsioni più ottimistiche per l'estate finanziaria

Continua

Le incognite politiche e la volatilità della borsa

Caos politico e borse nervose: Italia e Spagna sull'otto volante

Continua

Long Term Care: assicurazione cure a lungo termine

Per chi ha la necessità di una assistenza h 24 per tutto quello che concerne le funzioni di base come mangiare, muoversi o lavarsi

Continua

1° Semestre in borsa: ritorna la volatilità

Il primo semestre 2018 si caratterizza per la volatilità dei mercati

Continua

Ultimo quarter dell'anno: la ripresa ci sarà?

Un'estate altalenante sui mercati: la politica degli "annunci" non paga!

Continua

Disruption, la rivoluzione digitale

Nel mondo della Finanza si sta assistendo ad una vera e propria rivoluzione digitale

Continua

Fine anno: prove di rimbalzo

Le elezioni di Mid Term in America potrebbero aiutare il rimbalzo delle borse

Continua

Finanza, il 2019 registra un buon inizio!

Il 2019 inizia bene con fondamentali in ordine, ma sempre sotto la spada di Damocle delle decisioni

Continua

Borse: il miglior gennaio dal 1987!

Per gli amanti delle statistiche è un ottimo auspicio poiché 9 volte su 10 quando gennaio si chiude bene poi l’annata intera sarà positiva

Continua

Tra tweets e dazi: marzo mese decisivo per le borse

Gli accordi commerciali USA/Cina tengono le borse sul filo

Continua

Ambiente e Finanza: i fondi tematici e lo sviluppo sostenibile

I 17 Sustainable Development Goals che compongono l’Agenda 2030 si riferiscono a diversi ambiti dello sviluppo sociale, economico e ambientale

Continua

Expert Investors in Europe: un meeting illuminante!

Come agire, analizzare e gestire il risparmio in un'ottica di customer satisfaction

Continua

Tassi d'interesse ed espansione: gli ultimi mesi di Draghi alla BCE

I mercati temono sostanzialmente due cose: la recessione e la diminuzione della liquidità nei mercati finanziari

Continua

Investire in PIR: situazione attuale e prospettive

Dopo la chiusura pessima del 2018 con il mercato italiano in forte discesa stiamo assistendo a un 2019 euforico dove il PIR si conferma un vantaggioso investimento

Continua

Estate 2019 in chiaroscuro ma l'autunno tende al roseo

Andamento borsa, dopo un'estate deludente i segnali per un autunno positivo ci sono tutti!

Continua

Fine anno: rally o frenata?

In attesa del black friday americano, novembre mostra già segnali positivi dopo un ottobre grigio

Continua

Black Friday: la cartina tornasole dell'economia americana

Il black friday rappresenta da sempre il termometro dello stato di salute dell'economia americana

Continua