MIFID2 Tutela del Risparmio 3 cose che DEVI sapere


Le 3 cose che DEVI assolutamente conoscere delle MIFID2 le nuove normative europee a tutela del risparmio.
MIFID2 Tutela del Risparmio 3 cose che DEVI sapere
L'entrata in vigore delle MIFID2 ha aggiunto importanti novità in merito alla tutela del risparmiatore.
MIFID2, Il nuovo Pacchetto di normative varato dalla comunità europea ed entrato in vigore dal 3 gennaio 2018, che va ad integrare e migliorare le normative a tutela del risparmio già in vigore. Questa questa volta però, con un occhio di riguardo proprio per i risparmiatori ed una considerevole stretta normativa sulle banche e società di gestione, vediamo insieme perché riguarda tutti noi risparmiatori (anche io lo sono) e quali a mio avviso, sono le novità più importanti che devi assolutamente conoscere.
1) Maggiore trasparenza sui costi
Il passo forse più importante e che ci riguarda più da vicino, sarà dato dall'obbligo per tutte le banche e le reti bancarie di consulenza finanziaria, di specificare in maniera chiara quanto stai spendendo per farti gestire i risparmi, non più quindi con una percentuale, bensì in numeri assoluti. Vero che tali informazioni in realtà ci sono sempre state, ma le trovavamo solitamente sepolte sotto quintali di normative scritte in aramaico antico, all'interno dei documenti di sintesi che di sintetico avevano ben poco, e pochi erano coloro che effettivamente leggevano (e leggono tuttora) tutta questa documentazione, ma la cosa grave è che sono ancora meno quelli che riescono a decifrarla!
Quindi a partire dagli estratti conto e dalle documentazioni del mese di Marzo 2019 tutte le spese che sosteniamo per farci gestire i nostri risparmi, dovranno invece essere messe ben in evidenza voce per voce, inoltre i prospetti, dovranno essere redatti con un linguaggio che sia più facilmente comprensibile, niente aramaico antico quindi.
2) Categorizzazione dei clienti
Vero è che con la MIFID1 i questionari di adeguatezza erano in vigore fin dal 2007, ma di fatto non hanno impedito collocamenti poco chiari (per usare un eufemismo) di strumenti finanziari decisamente non idonei a risparmiatori che non erano in grado di gestire tali strumenti, con tutti i casi di risparmio tradito e tragedie personali di cui la cronaca si è purtroppo occupata in questi ultimi anni.
I nuovi questionari proposti dalla MIFID2, saranno molto più mirati ad ottenere una profilazione del cliente che consenta anzitutto, la separazione netta fra cliente al dettaglio e cliente professionale.
Questo perché è determinante comprendere, oltre alle conoscenze ed alle esperienze in materia finanziaria, anche la personale propensione al rischio ed anche quale sarà la soglia di tolleranza del risparmiatore di fronte ad eventuali perdite.
Ti ricordo che secondo la MIFID2 tale questionario dovrà essere aggiornato almeno 1 volta all'anno.
Questo è un aspetto determinante, perché grazie ai risultati di detto questionario, ci saranno dei limiti alla tipologia di strumenti che ti potranno essere proposti.
3) Governance, controllo e qualifiche professionali
Cambierà il concetto stesso di produzione degli strumenti finanziari, le case di produzione dovranno infatti comunicare verso quale tipo di investitore lo strumento è progettato, ed anche a quale tipologia di risparmiatore tale strumento non dovrà mai essere proposto.
Alle autorità preposte al controllo sono infatti allargati gli orizzonti dei poteri che consentiranno loro di intervenire direttamente sia in fase di progettazione di uno strumento finanziario che in fase di collocamento potendo bloccare oppure limitare la vendita dello strumento preso in esame.
Ultimo, ma non ultimo, i distributori (cioè le banche) dovranno essere in grado di dimostrare agli organi di Vigilanza, che i propri addetti alla proposta di strumenti finanziari, siano in possesso di competenze e conoscenze adeguate per poter svolgere "consulenza".
Da questo punto di vista, l’iscrizione all'Albo Unico dei Consulenti Finanziari è garanzia del possesso dei requisiti richiesti da Mifid 2.
In realtà c'è ancora molto altro da dire...
Se desideri approfondire questo tema, magari con degli esempi pratici, il 23 Aprile p.v. sarò a Mantova e terrò per l’occasione un convegno dedicato proprio alla tutela del risparmiatore.
Per iscrizioni ed info scrivere a: mauro.valentino@allianbankfa.it
A presto
Mauro

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Successione quello che (FORSE) non sai

Il ricambio generazionale in azienda richiede sempre un'attenta pianificazione a tavolino per evitare conseguenze negative

Continua

Consulenti nel welfare, collaborare per crescere!

Consulente del lavoro e consulente finanziario, due figure chiave nel welfare aziendale. Come poter crescere collaborando

Continua

Più competitivo? Usa il WELFARE AZIENDALE!

Come il welfare aziendale porterà benefici importanti alla tua azienda

Continua

Progettare il welfare aziendale le basi

Come si progetta un piano di welfare aziendale? Primo di una serie di articoli dedicati, oggi partiamo dai fondamentali

Continua

Welfare aziendale fra cliente e lavoratore

Il welfare aziendale non si esaurisce solo all'interno dell'azienda ma coinvolge fornitori e clienti attuali, ma soprattutto quelli futuri.

Continua

Progettare un Welfare Aziendale il questionario

Un piano di welfare aziendale passa dall'analisi dei reali bisogni dei lavoratori, dell'ambiente di lavoro dalla percezione stessa del lavoro.

Continua

Progettare il welfare aziendale: IL CLIMA

Il primo passo nella creazione di un piano di welfare aziendale è senza dubbio quello di creare un clima interno all'azienda che sia adeguato

Continua

Welfare in azienda? Fra emozioni e comunicazione!

Il welfare aziendale non può prescindere dalle emozioni, la formazione unita ad una comunicazione interna ed esterna ne garantiranno il successo

Continua

Welfare aziendale un fatto di comunicazione

Il welfare aziendale in italia muove i primi passi ma i gap da colmare sono ancora molti qui troverai qualche soluzione

Continua

Dal Benefit al Welfare Aziendale

Come cambia la gestione delle risorse nelle PMI, passando da una logica di benefit ad una di Welfare

Continua

MIFID2, la vera difesa del risparmiatore

MIFID2: le nuove normative a difesa del risparmiatore, quali sono i tuoi diritti nei confronti delle banche

Continua

Investire con successo? Certo ma con metodo!

Investire con successo è certamente possibile, a patto però, che lo si faccia con metodo e rispettando determinate condizioni.

Continua

Previdenza tutti ciò che (DOVRESTI) Sapere

Se ti stai chiedendo in che modo, una polizza di previdenza integrativa possa esserti utile, qui troverai la risposta.

Continua

TFR al Fondo pensione? Vantaggi per l'azienda

Generalmente il trattamento di fine rapporto viene utilizzato dalle aziende come “forma di autofinanziamento”, come “liquidità di cassa”

Continua

I Titoli di Stato sono sicuri?

Con l'introduzione delle CACs (Clausole Azione Collettiva) viene de facto ridimensionata la figura dello Stato come garante assoluto

Continua

Prima d'investire, valuta l'Orizzonte Temporale!

Quando ci si approccia ad un investimento bisogna avere ben chiaro in mente per quanto tempo potrai ragionevolmente tenere investiti i tuoi soldi

Continua

Assicurazioni viaggio, proteggiti PRIMA di partire

Prima che la vacanza dei tuoi sogni diventi incubo, prendi precauzioni...è facile!

Continua

Liquidità sul conto corrente ma Conviene davvero?

Detenere i propri risparmi sul conto corrente o strumenti di liquidità pensi davvero che sia la scelta più conveniente?

Continua

Welfare aziendale si può ma con la rete d'impresa!

Il welfare aziendale coniuga la necessità di protezione del potere di acquisto da parte dei lavoratori con l’esigenza di rendimento aziendale

Continua

Sesa SpA, il Welfare si fa Territoriale!

Il welfare oggi da aziendale si fa territoriale, vediamo come in un esempio concreto

Continua

Welfare Aziendale? Ascolta i tuoi Dipendenti!

Comprendere i bisogni reali dei dipendenti, primo passo verso il successo del piano di Welfare

Continua

Millenials, un Welfare da (Ri)pensare?

Il welfare preconfezionato ai millenials va stretto e l'aumento salariale non è una priorità

Continua