Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Mobbing: come dimostrare le vessazioni e vincere


Mobbing: la persecuzione esercitata sul posto di lavoro da colleghi o superiori nei confronti di un individuo, che gravemente lede chi la subisce
Mobbing: come dimostrare le vessazioni e vincere
Mobbing, è il termine inglese che identifica la sistematica persecuzione esercitata sul posto di lavoro da colleghi o superiori nei confronti di un individuo, consistente per lo più in piccoli atti quotidiani di emarginazione sociale, violenza psicologica o sabotaggio professionale, ma che può spingersi fino all'aggressione fisica.
Attraverso tali comportamenti il lavoratore viene emarginato, umiliato sistematicamente e la carriera risulta bloccata fino al punto che questi è e si sente escluso dal contesto aziendale tanto che spesso sfocia in dimissioni da parte del lavoratore vittima di mobbing.
Tali comportamenti non sempre hanno come vittime i dipendenti più deboli, anzi spesso hanno quale fine ultimo quello di isolare lavoratori con spiccata personalità, ovvero coloro che sono reputati troppo bravi, o troppo costosi dal punto di vista della retribuzione, magari semmplicemente per anzianità di servizio.
L’effetto del mobbing è un’atmosfera di tensione insostenibile che viene a crearsi intorno al lavoratore vittima di tali vessazioni.
In giurisprudenza sono stati individuati numerosi ed eterogenei comportamenti intergranti il mobbing, quali ripetuti ed ingiuriosi quanto ingiustificati rimproveri, umiliazioni, dequalificazioni e demansionamenti professionali, isolamento, pressioni psicolociche affinchè la vittima dia le dimissioni, spostamenti ingiustificati in una sede lontana e molti altri.
Prima di avviare una causa per mobbing, risulta necessario avere le prove di ciò che si è subito. Infatti, nel nostro processo la parte più difficile per colui che chiede un risarcimento è la prova del danno subito. Essa potrà essere essenzialmente testimoniale (clienti, colleghi, collaboratori aziendali/liberi professionisti), ma anche attraverso registrazioni di conversazioni, fotografie del posto ove si è stati spostati, e tutti i benefit aziendali di cui si godeva e che sono stati ingiustificatamente tolti.
Inoltre, è importante dimostrare il danno, soprattutto non patrimoniale, subìto, attraverso certificati medici che attestino lo stato di salute, o meglio di malessere conseguente al mobbing, le prescrizioni terapiche, le relazioni dello Spisal (Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro) o del medico del lavoro.
Trattandosi di causa di lavoro, si dovrà seguire il relativo rito. Pertanto la causa sarà introdotta con ricorso depositato avanti il Tribunale competente, il quale assegnerà la causa ad uno dei propri giudici del lavoro e fisserà la data delle prima udienza. Copia del ricorso, con l'assegnazione del Giudice e la data dell'udienza dovrà essere notificata a controparte a cura del legale del ricorrente, a mezzo Ufficiale Giudiziario, in proprio, se autorizzato, ovvero a mezzo PEC.
Alla prima udienza è importante che le parti siano presenti personalmente, in quanto il giudice, dopo aver chiesto eventuali chiarimenti, tenterà obbligatoriamente la conciliazione. Trattandosi, come sopra accennato, di causa di lavoro, le udienze di mero rinvio sono vietate ed i tempi per la decisione sono, in genere, di molto inferiori al rito ordinario. Inoltre, se il reddito familiare non è superiore a tre volte l'importo per l'ammissione al Patrocinio a Spese dello Stato (ex Gratuito Patrocinio pari ad oggi a € 11.528,41x3 da rivalutarsi annualmente secondo gli indici istat) la causa è esente dal pagamento del contributo unificato (previa dichiarazione in merito e produzione documentale dei redditi).

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Differenza tra prima casa e abitazione principale

Prima casa ed Abitazione principale: cerchiamo di fare chiarezza su due concetti spesso confusi nel linguaggio corrente

Continua

Chi ha diritto alla pensione di reversibilità

Pensione di reversibilità: cosa è e chi ne ha diritto? E... se il pensionato muore lasciando una ex moglie e una moglie superstite, cosa succede?

Continua

Cosa fare se il debitore non paga?

La deduzione dei crediti di difficilissimo se non impossibile recupero, e la detrazione Iva

Continua

Consumatori: diritti per prodotti non conformi

La garanzia legale e convenzionale a tutela del Consumatore nel caso in cui il prodotto acquistato non sia conforme o sia difettoso

Continua

Multe all’estero: improbabile non pagarle

E' divenuto rischioso non pagare le contravvenzioni al Codice della Strada commesse all'Estero. Le multe con ogni probabilità arriveranno a casa

Continua

Diritti dei titolari di contrassegno per disabili

Quali prerogative sono concesse ai titolari di "Pass Invalidi" e come impugnare le contravvenzioni stradali elevate ingiustamente

Continua

Patrocinio a spese dello Stato: requisiti e novità

Il c.d. Gratuito Patrocinio è un importante istituto che attua il precetto Costituzionale di cui all'art. 24 (Diritto alla tutela giurisdizionale)

Continua

Rito abbreviato, sconto di pena retroattivo

La Suprema Corte chiarisce che la recente riforma Orlando, Legge n. 103/2017, sul maggior sconto di pena per l'abbreviato sia retroattivo

Continua

La Professione dell'Avvocato

La figura professionale dell'Avvocato secondo il Maestro Piero Calamandrei

Continua