Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Mobbing e Straining: differenze


Mobbing e Straining: differenze tracciate dalla Cassazione Civile, sezione lavoro, ordinanza 19/02/2018 n° 3977
Mobbing e Straining: differenze
Nel dibattito attuale sul mobbing si inserisce ora anche la differenziazione con una nuova figura, il c.d. "straining".

La differenza consiste in sostanza e dal punto di vista normativo, nell’interpretazione di una norma chiave: l’articolo 2087 cod.civ. che, come noto, tutela le condizioni di lavoro del lavoratore.

Nel mobbing dunque, si ravvisano non solo una privazione di queste condizioni, ma anche delle vere e proprie lesioni che possono concernere, oltre la salute fisica, anche il patrimonio.

E’ noto infatti che, nei danni da inattività lavorativa, una certa interpretazione riconosce, laddove vengano ad essere lesi gli emolumenti del lavoratore, una forma sia pure più blanda di mobbing.

Così sarebbe nel caso di straining.

In sostanza, nello straining, il lavoratore non viene tanto leso e danneggiato, quanto viene reso oggetto di azioni ostili.

Ne è un esempio proprio il casus decisus della sentenza di Cassazione Cassazione Civile, sezione lavoro, ordinanza 19/02/2018 n° 3977.

Nella fattispecie, un’impiegata del Ministero dell’Istruzione, dichiarata inidonea all'insegnamento, era stata assegnata alla segreteria della scuola ed era entrata in conflitto con la dirigenza scolastica allorquando aveva rappresentato la necessità di ulteriore personale per l'espletamento dei servizi amministrativi: il dirigente scolastico aveva reagito sottraendole gli strumenti di lavoro; attribuendole mansioni didattiche, nonostante l'accertata inidoneità; privandola, infine, di ogni mansione e lasciandola totalmente inattiva (c.f.r.: http://www.altalex.com/documents/news/2018/02/21/straining).

Come evincibile, dunque, non ci sono danni di tipo biologico, ma, in sostanza, solo atti di arbitrio in danno della lavoratrice.

Secondo la Corte di Cassazione, dunque, "al principio di diritto enunciato il Collegio intende dare continuità perchè dell'art. 2087 c.c. questa Corte ha da tempo fornito un'interpretazione estensiva, costituzionalmente orientata al rispetto di beni essenziali e primari quali sono il diritto alla salute, la dignità umana e i diritti inviolabili della persona, tutelati dagli artt. 32, 41 e 2 Cost.; l'ambito di applicazione della norma è stato, quindi, ritenuto non circoscritto al solo campo della prevenzione antinfortunistica in senso stretto, perchè si è evidenziato che l'obbligo posto a carico del datore di lavoro di tutelare l'integrità psicofisica e la personalità morale del prestatore gli impone non solo di astenersi da ogni condotta che sia finalizzata a ledere detti beni, ma anche di impedire che nell'ambiente di lavoro si possano verificare situazioni idonee a mettere in pericolo la salute e la dignità della persona; la responsabilità del datore di lavoro ex art. 2087 c.c. sorge, pertanto, ogniqualvolta l'evento dannoso sia eziologicamente riconducibile ad un comportamento colposo, ossia o all'inadempimento di specifici obblighi legali o contrattuali imposti o al mancato rispetto dei principi generali di correttezza e buona fede, che devono costantemente essere osservati anche nell'esercizio dei diritti;" (C.f.r. sent. Cit., parte motiva, in: http://www.altalex.com/documents/news/2018/02/21/straining).

Dunque, anche laddove non sorgano lesioni, le condizioni di lavoro del lavoratore vanno tutelate perchè, grazie all’interpretazione estensiva delle norme, i Giudici di Legittimità ritengono che non si possano ledere i diritti fondamentali.

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto del lavoro
Vissani Michele
VIA MASSARELLI,60
62027 - San Severino Marche (MC), Marche


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danni da fauna selvatica agli automobilisti

Imputabilità: chi risponde dei danni? Il comportamento colposo della Pubblica Amministrazione e il danno della prova

Continua

Danno da disservizio telefonico

Problematiche di ordine generale e Giurisprudenza di merito. Prova del danno. Sentenze di merito

Continua

Mobilità Scuola

1) Norme costituzionali, Famiglia <br />2) Norme costituzionali, Algoritmo <br />3) Giurisdizione. Giudice ordinario o amministrativo? <br /> 4) Competenza territoriale

Continua

Competenza Territoriale Assegnazione Provvisoria

I) Problematica essenziale per il ricorrente. <br />II) Orientamenti di Legittimità rilevanti. III) Aspetti sostanziali. <br />IV) Orientamenti di merito

Continua

Disciplina delle mansioni e inattività lavorativa

I) Riforma della disciplina delle mansioni. <br />II) Casistica. Danni da inattività lavorativa. Considerazioni. <br />III) Brevi conclusioni

Continua

Danni da fauna selvatica: sentenze e commenti

Responsabilità solidale degli enti. Sentenza del Giudice di Pace di Pinerolo 25 Gennaio 2018

Continua

Foodora e subordinazione

Breve analisi della subordinazione e del caso Foodora anche ai fini dei contratti che vengono sottoposti ai lavoratori

Continua

Un punto sull'algoritmo

Alcune pronunce giurisprudenziali di merito sulla questione dell'algoritmo nella mobilità scolastica e alcune brevi considerazioni

Continua

Comodato: a chi spetta la manutenzione straordinaria

Breve commento e illustrazione delle motivazioni della recente sentenza di Cassazione Sezione Prima Civile 15 marzo 14 giugno 2018 15699

Continua

Comodato familiare e recesso

Un breve commento al recente orientamento della Cassazione sul recesso al contratto di comodato familiare

Continua

Commento alla sentenza Corte Cost. 158/2018 sulla Maternità

Alcune considerazioni sull’importante recente pronuncia del Giudice delle Leggi in tema di maternità

Continua

Pensione di invalidità. A chi spetta

Pensione di invalidità. Spetta solo ai residenti in Italia. Commento a Cass. 21901/2018

Continua

Infortunio in itinere. Anche in Bicicletta

Recente pronuncia di Cassazione: l'infortunio in itinere è risarcibile anche se in bicicletta

Continua

Parificazione servizi scuola. Commento a CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Un breve commento sulla recente pronuncia CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Continua

Mobbing: finalmente è una malattia professionale tabellata

Cass. Sez. Lav. 20774/2018: il mobbing è ora malattia tabellata INAIL

Continua

Criteri di calcolo del licenziamento illegittimo a seguito dell'incostituzionalità del Jobs act

Un commento alla recente sentenza del Tribunale di Taranto sui criteri per il licenziamento

Continua

Riconoscimento dei servizi pre-ruolo

Un breve excursus giurisprudenziale su alcuni orientamenti in merito al servizio pre -ruolo

Continua

Capacità di intendere e di volere e contratto di lavoro

E' sufficiente un turbamento psichico per impedire la volontà cosciente di rassegnare le dimissioni

Continua

Indennità di accompagnamento e Alzheimer

Analisi della normativa relativa all'indennità di accompagnamento, con particolare riferimente al morbo di Alzheimer

Continua

Accertamento tecnico preventivo in materia di invalidità civile

Un breve commento e alcune brevi considerazioni sull'articolo 445 bis cpc a completamento delle questioni sulla tutela per l'invalidità

Continua

Precariato Scolastico. Riflessioni da una sentenza di merito

Qualche considerazione in merito alla sentenza del Tribunale di Napoli Nord con la quale il MIUR è stato condannato al risarcimento nei confronti di un precario ATA

Continua

Licenziamento legittimo per condotte disdicevoli dei lavoratori nella vita privata

Il lavoratore che ha un comportamento disdicevole in orario extra lavorativo mina il rapporto di fiducia con il datore di lavoro e può essere licenziato

Continua

I limiti del diritto di critica nell’ambito del rapporto di lavoro

Il diritto di critica del dipendente nei confronti del datore di lavoro va rapportato ai criteri della pertinenza, della continenza e della riservatezza

Continua

Licenziamento, correttezza e buona fede nel rapporto di lavoro

Il licenziamento è legittimo se viene meno il rapporo di fiducia con il lavoratore anche se quest'ultimo ha generato danni di lieve entità

Continua

Risarcimento possibile per l'infortunio di un alunno in un torneo scolastico di pallamano?

Quali i presupposti del risarcimento danni a carico della scuola e del MIUR nel caso di infortunio di un alunno. Breve commento all’ordinanza di Cassazione 9983/2019

Continua

La nullità del contratto di transazione

In base al principio di conservazione del contratto, laddove il motivo non osti alla declaratoria di invalidità del contratto, lo stesso rimane valido

Continua

Alcune problematiche legate al periodo di comporto e terapie salvavita

Questioni di costituzionalità rimesse al Giudice delle Leggi in merito alla disciplina delle terapie salvavita e la relativa tutela dei lavoratori

Continua

Il licenziamento per calo dei profitti

La giurisprudenza, a partire dal 2016, ha superato il proprio precedente orientamento in merito al licenziamento per calo dei profitti

Continua

Licenziamento ritorsivo: alcune questioni e considerazioni

Alla luce delle riforme sul contratto a tutele crescenti, una delle problematiche di maggior spessore è la questione dell’applicazione del licenziamento ritorsivo

Continua