Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Modifiche ad un macchinario e conseguente adeguamento


Quando le modifiche ad una macchina portano ad un diverso approccio al lavoro sulla stessa è necessario che i presidi di sicurezza vengano rivisti ed adeguati
Modifiche ad un macchinario e conseguente adeguamento

 

Molte volte all’interno delle aziende produttrici vengono apportate delle modifiche sostanziali ad alcuni macchinari per renderli idonei a determinate lavorazioni. Quando queste modifiche portano a un diverso approccio alla macchina è necessario che i presidi di sicurezza vengano rivisti ed adeguati.

Il fatto

Nella sentenza in esame oggi vediamo un lavoratore il quale, durante l’uso di una macchina equilibratrice alla quale era stato apposto un trapano, si vedeva trascinata la mano verso la punta del trapano durante l’operazione di rimozione di uno straccio posto a copertura della zona cuscinetto della macchina al fine di impedire che i trucioli di metallo si impigliassero nello stesso.

La lavorazione alla quale era addetto l’operaio - la cosiddetta equilibratura di particolari meccanici - si sviluppa in due fasi: nella prima, tramite la macchina si individuano eventuali irregolarità della distribuzione dei pesi. Nella seconda, tramite l’ausilio di un trapano, si praticano dei fori in corrispondenza dei punti da riequilibrare.

Il dirigente delegato viene quindi accusato di aver violato la normativa antinfortunistica, in particolare per l’assenza delle corrette protezioni sulla macchina in uso al lavoratore infortunato.

L’imputato ha fatto ricorso adducendo i seguenti motivi di ricorso:

  • Secondo il dibattimento non emergono elementi che facciano ritenere l’esistenza di rischi diversi e maggiori per i lavoratori connessi alla nuova configurazione della macchina, così come non viene evidenziata la necessità di dotare il macchinario di accorgimenti idonei ad evitare contatti con le mani da parte degli operatori. Non viene considerato che l’apposizione di un riparo a copertura della punta del trapano come elemento di protezione avrebbe impedito la corretta visibilità per il lavoro. In più, dato che la lavorazione obbligava il lavoratore a tenere la mano destra sul pulsante di accensione/spegnimento del trapano, non risulta necessario dotare la macchina di un dispositivo di emergenza.

  • Per questo si ritiene che la nuova struttura non configurasse un mutamento organizzativo o produttivo, né tantomeno di evoluzione della tecnica tanto da imporre un adeguamento del macchinario

  • Manca inoltre l’analisi riguardo alla presunta condotta abnorme dell’infortunato il quale risultava esperto e specificamente formato.

La sentenza della Corte

Secondo la corte di Cassazione il ricorso deve essere rigettato perché infondato.

Per quanto concerne il primo motivo di ricorso, i giudici di merito hanno entrambi ritenuto che la nuova configurazione della macchina (nuova configurazione effettuata all’interno dell’azienda) attraverso il fissaggio di un trapano portatile, comporti: per l'operatore rischi diversi e maggiori rispetto a quelli originari perché, diversamente da prima, egli non era più costretto ad impugnare il trapano con entrambe le mani per farlo funzionare e, anziché tenere il busto dietro il trapano (e quindi a debita distanza dalla punta), poteva ora posizionarsi di lato, trovandosi altresì nella condizione di avere libera la mano sinistra che avrebbe potuto avvicinare alla punta del trapano mentre era in movimento, con il rischio di entrarvi in contatto come è per l'appunto accaduto nel caso di specie.”

 A questo va ad aggiungersi un ulteriore fattore di rischio rilevato nella consuetudine di porre uno straccio a protezione degli ingranaggi dai residui della lavorazione. Tale pratica era assolutamente prevedibile, secondo i giudici, tanto che, nel caso in cui alcuni trucioli si fossero incastrati nello straccio “l’operatore potesse istintivamente avvicinare alla punta del trapano in azione la mano libera nel tentativo di rimuovere i residui e rimettere al suo posto lo straccio, «operazione questa ben più veloce rispetto a quella di spegnere il trapano, aspettare l'arresto della punta per inerzia e togliere finalmente i residui, a macchina ferma, residui che nel frattempo avrebbero potuto cadere dentro gli ingranaggi e compromettere la  funzionalità del macchinario, con conseguente necessità di fermare l'attività per eseguire la pulizia dei cuscinetti".

Per questo motivo, la posizione di garanzia assunta dall’imputato, lo obbliga ad adottare tutte le misure tecniche ed organizzative per fare in modo che tutti i rischi siano ridotti al minimo, ancor di più in questo caso visto che il macchinario aveva subito una modifica strutturale.

Per quanto riguarda la contestazione del fatto che alcuni accorgimenti di sicurezza avrebbero potuto limitare la visibilità, la Corte è molto efficace enunciando che: “qualora eventuali accorgimenti per la messa in sicurezza del trapano non fossero stati possibili o non fossero bastati a scongiurare il rischio di infortuni del tipo di quello in concreto verificatosi, l'imputato avrebbe dovuto dismettere quell'attrezzatura, peraltro datata, e sostituirla con un macchinario improntato ad una diversa e più innovativa tecnica di foratura, più adeguata alle esigenze di tutela dei lavoratori, come ha poi immediatamente provveduto a fare dopo l'infortunio, in osservanza alle prescrizioni impartite dagli ispettori della ASS.”

Infondato anche il terzo motivo relativo alla condotta abnorme del lavoratore. Secondo la Corte l’obbligo di garanzia del datore di lavoro non viene meno a fronte di comportamenti imprudenti dei lavoratori, in quanto al datore di lavoro, o a suo delegato, spettava in primis l’obbligo di munire la macchina di idonei dispositivi di protezione o segregazione volti anche ad impedire comportamenti imprudenti.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio

Continua

Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua

COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?

E' importante declinare questa distinzione anche all'interno delle aziende, per permettere ai datori di lavoro di gestire al meglio eventuali casi di contatto.

Continua

La formazione e il nesso di causalità in un infortunio sul lavoro

Sentenza che ricorda l'importanza della formazione e informazione relativamente ai nessi di causalità in un caso di infortunio ad un lavoratore

Continua

Risparmiare sulla sicurezza può essere pericoloso in molti sensi

Sentenza che analizza come la mancata messa in sicurezza di una macchina possa essere vista come vantaggio economico per l'azienda nell'ambito del D.Lgs. 231/01

Continua

Sistemi di gestione, proroga migrazione UNI ISO 45001

Confermato il rinvio per la data termine della migrazione da OHSAS 18001 a UNI ISO 45001 al 30/09/2021

Continua

Sentenza: importante adeguare in sicurezza macchine e attrezzature

Fare in modo che le attrezzature presenti all’interno dei siti produttivi siano adeguate a tutti gli standard di sicurezza è uno dei compiti del datore di lavoro

Continua

Covid-19, nuovo protocollo condiviso

È stato sottoscritto il nuovo protocollo condiviso delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 nei luoghi lavoro

Continua

Il protocollo per la vaccinazione nei luoghi di lavoro

Siamo di fronte a una svolta per favorire l’applicazione e l’efficacia delle misure di contrasto e di contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro

Continua

Riammissione dei lavoratori dopo l'assenza causa Covid

Il 12 aprile il Ministero della Salute ha pubblicato una Circolare su “Indicazioni per la riammissione in servizio dei lavoratori dopo assenza per malattia COVID-19"

Continua