Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Motori di ricerca: sono veramente la soluzione a tutto?


La visibilità di un’azienda si forma, si modifica, migliora o peggiora a seconda di una serie di variabili che spesso non vengono tenute in considerazione
Motori di ricerca: sono veramente la soluzione a tutto?

Questa porta verso il successo a cui tutti guardiamo come la soluzione di tutti i nostri mali aziendali.

Google, soprattutto, che ormai è rimasto l’ultimo utilizzato dai più, sembra essere il fine di ogni nostra operazione professionale.

Quanto siamo disposti a pagare perché la nostra attività compaia nella prima pagina di ricerca, al massimo nella seconda?

Ma è veramente la soluzione a tutto?

Come per ogni attività che intendete fare, non esiste l’attività che porta profitto e altre che non è necessario fare, a priori.

La visibilità di un’azienda si forma, si modifica, migliora o peggiora a seconda di una serie di variabili che spesso non vengono tenute in considerazione.

Prendiamo il nostro motore di ricerca.

Voi fate una bellissima e organizzatissima attività di visibilità, il vostro sito ha i testi costruiti in ottica SEO, la gente arriva, ma il sito è sbagliato, ha contenuti inutili o banali, non si riesce a percepire la differenza tra la vostra azienda e la concorrenza e, di conseguenza, i clienti non comprano.

Oppure al contrario avete un sito perfetto nella costruzione, ma la vostra presenza sui motori di ricerca è lasciata al caso.

Il grandissimo Henry Ford una volta disse: “Sono sicuro che il 50% di quanto spendo in comunicazione è buttato via, ma non trovo nessuno che mi dica quale è questo 50%”.

Un nuovo cliente arriva al vostro stand durante una manifestazione fieristica e vi fa i complimenti per il vostro stand: quale deve essere il vostro approccio alla comunicazione?

Eliminare le altre attività e fare quante più fiere possibili? Questo approccio sarebbe corretto solo se foste veramente certi che il vostro potenziale cliente abbia visto esclusivamente il vostro stand e sia stato attirato per questo motivo.

Voi però non sapete mai cosa accade prima di questo momento di incontro: probabilmente il nuovo cliente ha incontrato il vostro sito in una ricerca di nuovi fornitori, ha quindi visto il vostro marchio, magari ha scaricato e consultato il vostro catalogo o ha visto i vostri prodotti in un punto vendita.

Quando arriva alla fiera vi dice che avete un bellissimo stand, ma è più una frase introduttiva per iniziare un colloquio piuttosto che una segnalazione di cosa avete fatto bene.

Tutti gli elementi di comunicazione segnalati prima, poi, in percentuali diverse contribuiscono alla vostra visibilità e non potete pensare di utilizzarne alcuni eliminando gli altri: la vostra visibilità verrebbe compromessa.

Quello che dovete fare è valutare con attenzione quali sono gli elementi che effettivamente contribuiscono alla vostra visibilità e quali sono inutili o eccessivamente costosi per i risultati che volete ottenere.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come distinguersi dalla concorrenza? Così lo faccio per voi

Utilizzo il marketing laterale per i miei clienti, per creare un strategia che sia solo loro e che li distingua dai loro concorrenti. Leggi cosa faccio

Continua

Bene o male l’importante è che se ne parli?

Diversi anni fa Oliviero Toscani con le campagne per Benetton ha diviso il pubblico e questa divisione è diventata essa stessa comunicazione. Oggi sarebbe ancora utile?

Continua

Quante volte avete sentito parlare di green washing?

È un termine utilizzato per le aziende che vogliono “darsi una rinfrescata” dando un'immagine ambientalistica senza poi in realtà fare qualcosa di concreto

Continua

Comunicazione aziendale: impariamo dai cartoni animati

I cartoni animati piacciono perché sono personaggi in grado di far divertire e perché ci identifichiamo. Impariamo da loro per una comunicazione vera

Continua

La LEGO come esempio di strategia vincente

Se mi chiedete quale marchio rappresenta meglio il mio concetto di comunicazione, il primo che mi viene in mente è la Lego

Continua

Effetto boomerang

Una delle cose di cui spesso non si tiene conto nella comunicazione è l’effetto boomerang, sia che questo sia favorevole all’azienda sia che sia contrario.

Continua

House organ

Un mezzo di comunicazione che viene utilizzato da tempo dalle aziende che volevano trovare un modo diverso e di forte impatto per raggiungere i clienti.

Continua

Packaging, come contribuisce alla comunicazione aziendale

È uno degli elementi più studiati della comunicazione aziendale. Nella sua accezione più ampia il packaging si può dividere in tre gruppi

Continua

Lo slogan, la sua importanza nella comunicazione aziendale

Ogni operazione che viene fatta in comunicazione deve essere pensata e deve avere un legame con l’azienda stessa

Continua

Il viral marketing, come può aiutare la tua azienda

Scoprite la vostra personalità aziendale e muovetevi di conseguenza

Continua

Analisi dei dati: come farla correttamente

Ci sono figure professionali preposte a questo, da parte mia cercherò di dare delle indicazioni generali, di massima, per farvi entrare una pulce nell’orecchio

Continua

Consulenza aziendale: come creare una community

Qual è la migliore comunicazione che possiate fare e che vi comporta un investimento minore? Quando sono gli altri a parlare di voi

Continua

Le partnership, un'altra visione di business

Non saprete mai quale contatto vi possa portare clienti, può essere una nuova persona conosciuta per caso...

Continua