No all'assegno divorzile se l'ex coniuge convive


Se l’ex coniuge che percepisce un assegno di divorzio instaura una nuova convivenza stabile, perde il diritto a tale assegno
No all'assegno divorzile se l'ex coniuge convive
Se l'ex coniuge che percepisce un assegno di divorzio instaura stabilmente una nuova convivenza, il diritto a tale assegno viene meno, a prescindere dalle capacità economiche del nuovo partner.

Questo ha ribadito la Cassazione con l'ordinanza n. 12879/2017, con cui ha negato il diritto della moglie a percepire l'assegno divorzile; la Corte d'Appello aveva infatti disposto la corresponsione di Euro 250,00 a carico del marito, rilevando che la possibilità della donna di ricevere assistenza materiale dal nuovo compagno era resa difficile dalla dichiarazione di fallimento di quest'ultimo.

La Suprema Corte, in linea con l'orientamento giurisprudenziale che va sempre più concretizzandosi, ha invece accolto il ricorso presentato dall'ex marito nella parte in cui chiedeva di revocare l'assegno divorzile, "alla luce della giurisprudenza di questa Corte (Cass. civ. sez. I n. 6885/2015 e sez. VI-1 n. 2466/2016) che ritiene cessata con l’instaurazione di una convivenza stabile e caratterizzata dalla relazione affettiva fra i conviventi la obbligazione di cui all’art. 5 per effetto della cessazione della solidarietà che caratterizza i rapporti fra gli ex coniugi dopo il divorzio".

Il coniuge che instaura una nuova convivenza, del resto, compie una scelta esistenziale (che è quella di creare un nuovo nucleo familiare) e non può farsi mantenere ancora dal precedente coniuge con il quale ha divorziato, anche se il nuovo partner non dispone delle risorse economiche necessarie per prendersi cura di lei.

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto internazionale
Avv. Luigi Serino
VIALE SPINELLI 156
82018 - San Giorgio del Sannio (BN), Campania


Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Mantenimento alla moglie che rifiuta un lavoro

Legittimo il rifiuto della moglie opposto ad alcune offerte di lavoro se non commisurate alla sua professionalità o comunque precarie

Continua

Mantenimento figli maggiorenni: fino a quando?

La legge sancisce un generale obbligo per i genitori di mantenere i figli: ma fino a quando persiste tale obbligo?

Continua

Addebito anche per un solo episodio di violenza

Anche un solo episodio di violenza perpetrata da un coniuge nei confronti dell'altro fa scattare l'addebito a carico di chi lo pone in essere

Continua

Prelievi arbitrari dal conto cointestato

Secondo il Tribunale di Roma vanno restituite le somme prelevate arbitrariamente dal conto cointestato in prossimità della separazione

Continua

Mobilità scuola: prevale il punteggio

Mobilità scuola: gli idonei al concorso del 2012 non possono superare il docente con punteggio superiore

Continua

Mobilità: precedenza al docente "referente unico"

Il docente “figlio referente unico” che assiste genitore disabile ha diritto alla precedenza nel trasferimento

Continua

Accesso al TFA e graduatoria unica nazionale

TFA Sostegno: Il Consiglio di Stato censura la mancata attivazione di una graduatoria unica nazionale

Continua

CEDU: sottrazione internazionale di minore

Condannata l’Ungheria per non aver adottato misure adeguate a garantire il ricongiungimento della minore con suo padre, cittadino italiano

Continua

Violazione del termine di ragionevole durata

Ragionevole durata: non è necessario attendere la fine del procedimento presupposto per richiedere l'indennizzo ai sensi della legge n. 89/01

Continua