Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Violazioni fiscali, non è sanzionabile chi soffre di una malattia neurologica


Non è imputabile ex art. 4 Dlgs 472/97 chi ha commesso una infedeltà o omissione dichiarativa a causa di una patologia neurologica
Violazioni fiscali, non è sanzionabile chi soffre di una malattia neurologica

Cosa succede quando l’infedeltà o l’omissione dichiarativa è stata commessa da un soggetto affetto da patologie neurologiche?

Le malattie neurologiche comprendono essenzialmente i disturbi che colpiscono il sistema nervoso centrale (tra cui sclerosi multipla, malattie cerebrovascolari, Alzheimer, Parkinson, epilessia, altre malattie eredodegenerative o patologie infiammatorie-infettive) e il sistema nervoso periferico (polineuropatie, miastenia, miopatie). La rilevanza di queste patologie, anche in relazione ai loro costi sociali ed emotivi, è molto importante e purtroppo in continuo aumento.

Può capitare anche in presenza di queste gravi patologie che l’Amministrazione finanziaria accerti eventuali infedeltà o omissioni dichiarative.

Come noto, anche le sanzioni tributarie si applicano sulla base della imputabilità e della consapevolezza di chi ha commesso violazione fiscali.

Ebbene, il contribuente affetto da una malattia neurologica ha il diritto di chiedere all’Amministrazione Finanziaria di annullare totalmente le sanzioni irrogate nell’atto accertativo ai sensi dell’art. 4 del dlgs 472/97.

Invero, detto articolo recita testualmente “Non può essere assoggettato a sanzione chi, al momento in cui ha commesso il fatto, non aveva, in base ai criteri indicati nel codice penale, la capacità di intendere e di volere.”

Nel caso della presenza di malattie neurologiche al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi viene meno proprio il requisito dell’imputabilità con conseguente non applicabilità di alcun regime sanzionatorio.

L’istanza di annullamento parziale o totale a seconda dei casi da presentare all’amministrazione finanziaria dovrà necessariamente essere corredata dalla documentazione medica comprovante la patologia.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Chi paga l'IMU in caso di cessazione di convivenza con figli?

Spetta all'ex convivente affidatario dei figli e con il diritto di abitazione nella casa familiare pagare l'IMU

Continua

Processo tributario, il contribuente può produrre dichiarazioni sostitutive di terzi

Cassazione: la produzione di dichiarazioni di terzi extra processuali è consentita e ha valenza indiziaria

Continua

Rottamazione ter e "saldo e stralcio" erronee, come procedere

La comunicazione delle somma dovute ricevuta dall'Agenzia delle Entrate- Riscossione può essere impugnata o accettata parzialmente

Continua

Cartelle e rateazioni, sospesi i pagamenti fino al 31 agosto

Decreto Legge “Rilancio": ecco cosa prevede sulla sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all'agente della riscossione e sulle notifiche

Continua

Come poter sanare la propria debitoria fiscale?

L’accollo del debito d’imposta altrui è un istituto con cui poter estinguere i debiti fiscali

Continua