Note di variazione Iva nelle procedure concorsuali


Il fornitore può emettere la nota di variazione Iva dalla data di avvio della procedura
Note di variazione Iva nelle procedure concorsuali
Nel caso in cui il debitore, successivamente al 31.12.2016, sia assoggettato al fallimento o al concordato preventivo, il fornitore può emettere la nota di variazione Iva dalla data di avvio della procedura, senza dover attendere l`accertamento dell`infruttuosità della stessa: il soggetto che la riceve è esonerato dall`obbligo di registrazione.
L`art. 26, c. 4, lett. a), DPR 633/1972, così come riformulato dalla Legge di Stabilità 2016, stabilisce che il precedente c. 2 -nota di variazione Iva in diminuzione, senza limiti temporali - si applica anche in caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, a cura del cliente (cessionario del bene o committente della prestazione), a partire dalla data in cui quest`ultimo è assoggettato a una procedura concorsuale o dal giorno del decreto che omologa un accordo di ristrutturazione dei debiti di cui all`art 182-bis, R.D. 267/1942, o da quello di pubblicazione nel Registro delle Imprese di un piano attestato di risanamento (art. 67, c. 3, lett. d), L. fall.).Il debitore si considera assoggettato a procedura concorsuale dalla data della sentenza dichiarativa del fallimento o del provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa o del decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo o del decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi (art. 26, c. 11, DPR 633/1972).
In virtù di tale modifica normativa, il cedente o prestatore ha, pertanto, diritto di portare in detrazione l`Iva corrispondente alla variazione, annotandola nel registro degli acquisti di cui all`art. 25, DPR 633/1972, a partire dalla data in cui il cessionario o committente è assoggettato ad una delle predette procedure concorsuali, senza dover, quindi, attendere che sia definitivamente accertata l`infruttuosità della procedura.
Il diritto all`emissione della nota di variazione Iva prescinde dalla circostanza, ad esempio, che il creditore abbia depositato una domanda di ammissione allo stato passivo del fallimento del debitore. Infatti, se l`insinuazione al passivo costituisse un presupposto del recupero dell`Iva, la data di riferimento avrebbe dovuto essere individuata proprio in quella di presentazione della relativa istanza che, per il fallimento, è disciplinata dall`art. 93, R.D. 267/1942 (Circolare Assonime 5/2016).
L`art. 26, c. 5, DPR 633/1972 stabilisce altresì che, nell`ipotesi in cui è consentito operare una variazione in diminuzione (mancato pagamento, modifica contrattuale, ecc.), il cessionario o committente ha l`obbligo di registrare l`operazione a norma degli artt. 23 o 24, DPR 633/1972 - nei limiti della detrazione operata, salvo il proprio diritto alla restituzione dell`importo pagato al cedente o prestatore a titolo di rivalsa - e, quindi, di computare l`Iva corrispondente nella liquidazione come fattispecie attive ai fini del riversamento dell`imposta. È, tuttavia, espressamente prevista l`insussistenza di tale obbligo nel caso delle procedure concorsuali (fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi): in altri termini, il curatore fallimentare o l`impresa in concordato preventivo non ha più l`obbligo di annotare la variazione nel registro delle fatture emesse o in quello dei corrispettivi, né di computare la relativa imposta nella liquidazione.
L`obbligo di registrazione rimane, invece, nell`ipotesi dell`accordo di ristrutturazione dei debiti o del piano attestato di risanamento, come chiarito anche nel corso di Telefisco 2016.Le predette disposizioni di cui all`art. 26, c. 4, lett. a), c. 5, secondo periodo, e c. 11, DPR 633/1972, si applicano, tuttavia,esclusivamente nei casi in cui il cessionario o committente sia assoggettato a una procedura concorsuale successivamente al 31.12.2016.

Articolo del:


di Alessandro Brianza

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse