Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Nullità contratti bancari, violazione della trasparenza


Violazione della normativa sulla trasparenza bancaria e nullità dei contratti di mutuo e leasing
Nullità contratti bancari, violazione della trasparenza
Uno dei vizi che più frequentemente può emergere dall’esame di un contratto bancario è la violazione della normativa dettata dal Testo Unico Bancario (D.Lgs 385/1993) in materia di trasparenza. Le più recenti pronunce della giurisprudenza di merito ed arbitrale (ABF - Arbitro Bancario Finanziario) hanno infatti sanzionato con la declaratoria di nullità del contratto bancario istituti di credito e società di leasing che hanno applicato ai rapporti condizioni differenti da quelle pubblicizzate, se non addirittura espressamente indicate nel testo contrattuale, o hanno omesso l’indicazione in contratto di contenuti obbligatori, espressamente previsti dalla legge per garantire al cliente la massima trasparenza e conoscenza del contenuto del contratto sottoscritto. La principale conseguenza di tale violazione è il ricalcolo del piano finanziario, o del saldo di conto corrente, nel caso di apertura di credito, con l’applicazione di tassi di interesse sostitutivi più vantaggiosi per il cliente, previsti dalla stessa norma (art. 117 comma VII T.U.B.), coincidenti per le operazioni passive con i tassi dei buoni ordinari del tesoro annuali emessi nell’anno antecedente alla sottoscrizione del contratto contestato.
Dalla lettura congiunta dell’art. 117 comma VIII T.U.B. e dei regolamenti della Banca d’Italia (Circolare n. 229 del 21 aprile 1999 - 9° Aggiornamento del 25 luglio 2003 e provvedimento del 29 luglio 2009) consegue che un contratto bancario di mutuo, di finanziamento o di apertura di credito, che non riporti l’Indice Sintetico di Costo (I.S.C.) debba ritenersi nullo ai sensi del comma VIII dell’art. 117 TUB, riportando un contenuto difforme da quello prescritto dalla Banca d’Italia. Tale norma ha trovato un’importante applicazione da parte del Tribunale di Napoli, il quale con sentenza del 25/05/2015 ha dichiarato la nullità di un contratto di mutuo stante la mancata indicazione dell’I.S.C.
Con riferimento ai contratti di leasing la Banca d’Italia non richiede l’indicazione di un ISC, ma, il CICR con il provvedimento del 29/07/2003, dà specifiche indicazioni sul contenuto di tali negozi, prevedendo in particolare che "per i contratti di leasing finanziario in luogo del tasso di interesse è indicato il tasso interno di attualizzazione per il quale si verifica l’uguaglianza fra costo di acquisto del bene locato (al netto di imposte) e valore attuale dei canoni e del prezzo dell’opzione di acquisto finale (al netto di imposte) contrattualmente previsti".
Allo stesso risultato dovrà giungersi qualora tali dati contrattuali, sia per il mutuo che per il contratto di leasing, o per finanziamenti o aperture di credito, siano riportati nel testo contrattuale in modo difforme dal vero, in quanto sanzionandosi con la nullità la sola omissione, e non anche l’indicazione di un dato non veritiero, si consentirebbe di aggirare facilmente gli obblighi prescritti dalle norme sopra citate e, soprattutto, non si darebbe piena attuazione al principio di trasparenza che le stesse tutelano. Poiché infatti la citata legge prevede che "i contratti indicano il tasso d’interesse e ogni altro prezzo e condizione praticati, inclusi, per i contratti di credito, gli eventuali maggiori oneri in caso di mora", e che sono nulle le clausole che indicano condizioni più sfavorevoli di quelle pubblicizzate, l’indicazione di un TAEG/ISC diverso dal reale è una condotta che viola tali precetti normativi, che tutelano la trasparenza delle condizioni contrattuali.
La violazione violazione della normativa di trasparenza ha come conseguenza "l’applicazione di quanto previsto ai commi 6 e 7 dell’art. 125-bis t.u.b.: la clausola contrattuale relativa alla determinazione del TAEG è nulla e deve essere sostituita ai sensi di quanto disposto dalla citata norma di legge."

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leasing, fallimento dell'utilizzatore

La Cassazione detta i criteri per la determinazione del credito del concedente. Cassazione civile sez. I, 13 settembre 2017, n. 21213

Continua

Circolazione Stradale

Cassazione civile, sez. VI, 11 Dicembre 2017, n. 29604.

Continua

Leasing finanziario, regime dei vizi della cosa

Regime dei vizi della cosa oggetto del contratto di fornitura. Vizi anteriori e successivi alla consegna

Continua

Illegittima segnalazione in CRIF

Risarcimento dei danni non patrimoniali per illegittima segnalazione in CRIF (Sentenza Tribunale di Brindisi 23 aprile 2018 - Dott. Natali)

Continua

Blockchain: i campi di applicazione

Con l’affermarsi delle cripto-valute, tra le più conosciute il Bitcoin, si affermano piattaforme tecnologiche come la tecnologia Blockchain

Continua

PSD2: payment legislative package

L’Italia, con l’approvazione del D.lgs. n. 218/2017, ha recepito la PSD2 e dato attuazione al regolamento sulle Interchange Fee

Continua

Contrattazione nell`epoca del lavoro digitale

Anche per il Lavoro gestito con piattaforme digitali nell’era della gig economy è giunto il momento della svolta nella regolamentazione

Continua

Mark to market oggetto del contratto derivato

La prevalente giurisprudenza attribuiva determinante evidenza alla causa del negozio per l’esercizio dell’azione di nullità contrattuale

Continua

Polizze vita

Senza garanzia di restituzione del capitale è solo un investimento senza contenuto assicurativo

Continua

Tassi usurari e prestiti bancari

Sono ricorrenti le notizie su banche che applicano degli interessi non dovuti sui mutui o prestiti di varia natura.

Continua

Non Performing Loans

Il 2016 è l’anno della svolta con cui il sistema bancario italiano ha fatto nascere uno dei primi mercati mondiali di crediti deteriorati

Continua

Italia paese di inventori?

Qual è l’effettiva motivazione di un livello così basso di presentazione di domande di brevetto depositate in Italia?

Continua

Ordine di investimento: è necessaria la forma scritta?

Cassazione Civile, sez. I, sentenza 08/02/2018 n° 3087

Continua

Cliente insolvente, la concessione del credito risulta abusiva

Quando la concessione del credito risulta abusiva?

Continua

Sentenza storica dilaziona un debito a trent’anni per sovra-indebitamento

Importante Sentenza del Tribunale di Parma in merito alla sovra esposizione debitoria

Continua

Quando l’investimento è rischioso? Banca e onere d’informazione

Cassazione civile, sez. I, sentenza 23/09/2016 n° 18702

Continua