Nullità della notifica via pec delle cartelle


Sono nulle o inesistenti le cartelle di pagamento notificate via PEC: primi casi trattati dalla giurisprudenza di merito
Nullità della notifica via pec delle cartelle
Le Commissioni tributarie provinciali hanno cominciato ad occuparsi della notifica degli atti a mezzo posta elettronica certificata. Tra queste si segnalano quelle relative alla conformità dell’atto notificato al contribuente con quello originale, e quelle relative alla ritualità della notifica.

In particolare, si è stabilito che la posta elettronica certificata non dà le garanzie proprie della raccomandata tradizionale in quanto non contiene l’originale della cartella, ma solo una copia informatica sprovvista, tra l’altro, dell’attestazione di conformità. Sul punto, recentemente, la C.T.P. di Latina ha ritenuto illegittima la notifica di una atto esecutivo da parte di Equitalia Servizi privo della certificazione di conformità all’originale. La ratio di tale decisione consiste nel fatto che con la PEC non viene trasmessa al contribuente l’originale della cartella, ma una sua copia informatica, la quale per avere valore giuridico deve recare l’attestazione di conformità apposta da un pubblico ufficiale.

Riguardo alla ritualità della notifica, invece, le Commissioni tributarie provinciali hanno stabilito che la PEC non garantisce la piena prova dell’effettiva consegna degli atti al destinatario, diversamente da quanto accade con la tradizionale notifica cartacea, in cui tale circostanza è garantita dal postino o ufficiale giudiziario, i quali, in quanto pubblici ufficiali, garantiscono l’effettiva consegna degli atti. Nel caso della notifica via PEC, invece, l’attestazione di spedizione della mail nella casella del destinatario è fornita solo da un sistema informatico automatizzato, il quale garantisce soltanto la disponibilità del documento nella casella di posta elettronica del destinatario, ma non la sua effettiva lettura del messaggio.
Per eventuali approfondimenti: gianluca.gaeta@alice.it

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Motivazione cartella di pagamento

Equitalia: obbligo motivazione cartella di pagamento

Continua

Medici di base esclusi dall'irap

Le ultime sentenze della Cassazione, in linea con la sent. della Cass. SS.UU. , escludono i medici di base dall'irap in presenza di un dipendente.

Continua

Indagini bancarie: artigiani esclusi

Nei confronti degli artigiani non possono considerarsi ricavi imponibili i prelevamenti non giustificati

Continua

Dilazione ruoli: nuova opportunità dal 01/07/16

Dilazione ruoli: nuova possibilità per ottenere il rateizzo da cui si è decaduti alla data del 1° luglio 2016

Continua

Notifica cartella via pec: inesistente

E' inesistente la notifica via pec delle cartelle di pagamento per incostituzionalità dell’art.26 del D.P.R. 602/73, C.2, per disparità di trattamento

Continua

Società di comodo: nulla la cartella di pagamento

Se la società è di comodo la cartella di pagamento deve essere preceduta dall’accertamento. E' illegittima la cartella emessa ai sensi dell'art.36-bis

Continua

Imposta di registro: cartella nulla senza motivazione

La cartella per imposta di registro sugli atti giudiziari è nulla per carenza di motivazione se viene indicato solo il numero e la data della sentenza

Continua

Prescrizione cartella imposta registro su sentenza

L'imposta di registro iscritta a ruolo a seguito del deposito della sentenza civile si prescrive in cinque anni. Non si applica il termine decennale.

Continua

Nulli gli accertamenti Tarsu del Comune di Napoli

Il Raggruppamento di imprese Equitalia-Ge.Se.T. Italia S.p.A.-Ottogas S.r.l. non è legittimato all'accertamento tari per conto del Comune di Napoli.

Continua

Illegittimo l'affidamento del servizio riscossione Tarsu al R.T.I

Il R.T.I. maneggiando denaro pubblico è obbligato all'iscrizione all'albo di cui al D.M. 289/2000

Continua