Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Nuovo decreto del DPCM: chiusura di tutte le attività non essenziali


E’ pubblicato il testo del nuovo decreto del Presidente del Consiglio con il quale vengono introdotte ulteriori misure restrittive per arginare il contagio del Covid-19
Nuovo decreto del DPCM: chiusura di tutte le attività non essenziali

Il nuovo Decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale fa chiarezza su quali sono le attività essenziali che possono restare aperte e che garantiscono un “servizio essenziale per il Paese”, e indica invece tutte quelle che sono obbligate a chiudere.

Nonostante le nuove regole per il contrasto alla diffusione del Coronavirus, quindi, ci sono delle imprese che potranno continuare regolarmente con la loro attività:

•    supermercati e negozi di generi di prima necessità;

•    farmacie e parafarmacie;

•    servizi bancari, postali, assicurativi e finanziari;

•    trasporti;

•    attività produttive rilevanti per la produzione nazionale.

Il DPCM quindi sospende tutte le attività produttive, industriali e commerciali eccetto quelle indicate nell’allegato 1 del testo del decreto. Non chiudono quindi le attività professionali, con gli uffici pubblici e privati che resteranno aperti (fermo restando l’invito a favorire lo svolgimento del lavoro agile).

Inoltre, è sempre consentita l’attività di trasporto, produzione, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici, così come di prodotti agricoli e alimentari.

Viene autorizzato poi il prefetto a sospendere comunque tutte le attività non ritenute né indispensabili né strategiche.

È bene specificare, però, che il decreto consente anche le attività funzionali ad assicurare la continuità del lavoro svolto dalle filiere indicate nell’allegato 1, così come delle attività che “erogano servizi di pubblica utilità”, o svolgono “servizi essenziali” come indicato dalla legge 146/1990.

Nel dettaglio, questa indica come “servizi pubblici essenziali” - indipendentemente dalla natura giuridica del rapporto di lavoro - quelli “volti a garantire il godimento dei diritti della persona, costituzionalmente tutelati, alla vita, alla salute, alla libertà ed alla sicurezza, alla libertà’ di circolazione, all’assistenza e previdenza sociale, all’istruzione ed alla libertà di comunicazione”.

Infine, previa comunicazione al prefetto, possono continuare le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo per le quali un’interruzione comporti un grave pregiudizio all’impianto stesso o pericolo di altri incidenti.

Nel decreto la chiusura - inizialmente prevista per il 23 di marzo - è slittata al 25 marzo; in questo modo le imprese interessate dalle nuove regole avranno qualche giorno di tempo per completare le attività e - eventualmente - per spedire la merce in giacenza.

La serrata, in assenza di nuova comunicazione, è valida fino al 3 aprile 2020.

In ultimo, il DPCM aggiunge anche il divieto di uscire dal Comune di residenza eccetto per casi di stretta necessità.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Autoliquidazione INAIL 2020: cos’è, come funziona, scadenze previste

L’autoliquidazione INAIL è uno degli argomenti più interessanti per tutti coloro i quali siano amministratori di un’impresa con lavoratori dipendenti a carico

Continua

Enti bilaterali, tra obbligo e diritti

Iscrizione e contribuzione agli enti bilaterali, tra obbligo e corresponsione di emolumenti sostituivi della retribuzione

Continua

Smart working e Coronavirus

Lo smart working può agevolare le aziende, consentendo di poter organizzare il lavoro da casa ai dipendenti, anzichè fermarsi a causa dell’emergenza del Coronavirus

Continua

Sintesi sulle disposizioni legislative per l'emergenza Coronavirus

Ripercorriamo sinteticamente le disposizioni che si sono succedute a decorrere dallo scorso 1° Marzo 2020 per l’emergenza sanitaria del Coronavirus

Continua

Sicurezza sul lavoro da COVID-19: nuovo protocollo sindacale

È stato firmato dalle parti sociali il 14 marzo il protocollo per la tutela dei lavoratori da Coronavirus. Ecco alcuni dei principali contenuti per datori di lavoro

Continua

DECRETO CURA ITALIA: Le principali misure per imprese e cittadini

Ecco le principali misure previste dal decreto legge “cura-Italia”, il primo provvedimento legislativo per affrontare l’emergenza per il coronavirus

Continua

Decreto Rilancio: le principali misure adottate

Il testo del nuovo decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è ora in vigore. Ecco una rapida guida a bonus, misure e novità per lavoratori, famiglie, imprese

Continua