Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Nuovo limite al contante


Fino a 2.999 euro si può usare il denaro contante per pagamenti vari tra soggetti diversi.
Ma quali sono i limiti di questa agevolazione?
Nuovo limite al contante
UTILIZZO DEL DENARO CONTANTE INNALZATO AD EURO 2.999

Da gennaio 2016 il limite per utilizzare il denaro contante è passato da euro 999 ad euro 2.999.

In pratica fino a 2.999 si possono effettuare pagamenti di qualsiasi titolo e tra soggetti diversi.

Faccio qualche esempio a puro titolo esplicativo: si può pagare in contanti l’affitto, acquistare un bene in qualsiasi negozio, avere un libretto al risparmio al portatore, senza particolari adempimenti o giustificazioni, pagare un debito fra privati etc.

Certamente in alcuni contesti questa risulta un’agevolazione ma mi permetto esprimere qualche riflessione che ritengo opportuna.

Tutte le disposizioni che limitano l’utilizzo di contante nascono da normative che riguardano sia la trasparenza fiscale e la lotta all’evasione sia la legalità, precisamente la lotta al riciclo di denaro sporco, proveniente da fonte illecita, malavitosa.

Sempre più spesso siamo chiamati a ricostruire a distanza di tempo la nostra situazione finanziaria per vari motivi: per giustificare le nostre spese al fisco, per sistemare situazioni patrimoniali con parenti e amici o dimostrare a enti o imprese di aver pagato una certa fattura/abbonamento o semplice rateizzazione.

Questo lavoro diventa laborioso da fare se siamo abituati ad usare il contante, mentre è più immediato se usiamo metodi di pagamento più "rintracciabili" cioè che lasciano traccia, una matrice di assegno, un movimento sull’estratto conto, un dettaglio preciso sull’estratto della carta di credito.

Tutto questo è una memoria documentata a nostra difesa che nessuno potrà discutere, un aiuto alla nostra memoria che nel tempo può perdere colpi. E’ un passaggio di mentalità che permetterà a noi italiani di sentirci più europei, più moderni e più decisi a favore della Legalità.

Nel percorso di regolamentazione di tutto il mercato finanziario, il contante andrà sempre più a scomparire e questo è solo positivo anche se ancora lontano dalle nostre abitudini quotidiane. Non appena le banche elimineranno o adegueranno le commissioni sulle transazioni provenienti dalle carte di debito e credito, in applicazione al regolamento UE dello scorso aprile 2015 sarà più facile anche per noi cambiare i nostri comportamenti.

Lodi lì, 25 gennaio 2016

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

A.S.D. e iscrizione CCIAA

Obbligo di iscrizione delle associazioni sportive dilettantistiche alla CCIAA

Continua

Nuovo regime agevolato 2016

Chi inizia una nuova attività, dal 2016 ha a disposizione il nuovo regime forfettario. Va sicuramente valutato con il consulente di fiducia

Continua

Super ammortamenti

2016 con ammortamenti agevolati: il 40% in più per i beni materiali nuovi, compresi gli automezzi

Continua

Immobili in comodato scontano il 50% di IMU e TASI

Registrare un contratto di comodato su beni immobili dati in uso a parenti di primo grado può permettere di pagare un IMU e TASI ridotta del 50%

Continua