Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Nuovo rinvio delle scadenze di Aprile e Maggio, ma non per tutti


Le nuove moratorie su imposte e contributi previste dal nuovo "Decreto liquidità"
Nuovo rinvio delle scadenze di Aprile e Maggio, ma non per tutti

Nella nuovo decreto legge avente oggetto sostegno alla liquidità delle imprese, se per la cui interezza è ancora presto darne una disamina puntuale e approfondita, per ciò che riguarda il rinvio delle scadenze dei versamenti relativi ai mesi di aprile e maggio prossimi, è possibile già affrontare una ampia analisi.

A differenza del primo decreto “Cura Italia” il rinvio dei versamenti dei prossimi due mesi potrà essere concesso soltanto al verificarsi di un combinato disposto.

La condizione “madre” per poter godere del differimento è quella di aver subito un calo percentuale di ricavi (nel caso di imprese) o compensi (nel caso di persone fisiche esercenti attività di arti o professioni) rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente, ossia all’anno 2019 e precisamente:

- per i soggetti con compensi fino a 50 milioni di euro (dato del 2019), possono usufruire della proroga nel caso in cui si verifichi un calo non inferiore al 33% nel mese di marzo 2020 (rispetto allo stesso mese dello scorso anno) e nel mese di aprile (rispetto allo stesso mese 2019);

- per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 50 milioni di euro la percentuale di calo dovrà essere almeno pari al 50% del fatturato.


L'impresa più ardua da contabilizzare, sarà verificare il calo per le imprese in regime di contabilità ordinaria che operano nel principio della competenza economica: per queste, infatti, si dovranno considerare soltanto i ricavi di “pertinenza” dei due mesi in questione, presi tra l'altro singolarmente. Vale a dire che bisognerà verificare ogni singola fattura ed il suo contenuto, sterilizzando, oltre gli altri componenti positivi di reddito quali, plusvalenze, sopravvenienze attive, etc, anche eventuali acconti percepiti, per prestazioni non eseguite o per vendite con ancora completate poiché non costituiscono ancora ricavi e quelli relativi ad operazioni fatturate nei mesi di marzo o aprile, ma di competenza del mese precedente o del mese successivo, non presi in considerazione per il calcolo.

Per coloro i quali, invece, adottano il regime di contabilità semplificata (per le imprese minori) e il regime di cassa (per i professionisti e i soggetti in regime forfettario) bisognerà verificare i corrispettivi incassati nei mesi di marzo e aprile dell’anno 2019 e confrontarli con quelli dell’anno precedente.

La sospensione riguarderà versamenti IVA, ritenute, i contributi e i premi Inail da effettuarsi nei mesi di aprile e maggio 2020, la cui scadenza verrà prorogata al mese di giugno 2020.

Si potrà adempiere effettuando il versamento entro il 30 giugno 2020 in unica soluzione, o in 5 rate (sempre a partire da giugno 2020), per le quali, in mancanza di ulteriori disposizioni, si ipotizza una cadenza mensile.

Stessa sorte anche per i nuovi operatori Iva che hanno iniziato attività dopo il 31 marzo 2019.

E' stato anche stabilito che, i contribuenti con ricavi percepiti nel 2019 non superiori a 400 mila euro, che, nei mesi immediatamente precedenti ad aprile e maggio non abbiano sostenuto spese per lavoro dipendente o assimilato, potranno non assoggettare i relativi compensi di lavoro autonomo a ritenuta alla fonte a titolo di acconto, che sarà versata in un'unica soluzione entro il 31 luglio o in cinque rate mensili di pari importo a partire sempre da luglio prossimo.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Corrispettivi elettronici: anno nuovo, scontrino...elettronico nuovo!

Ecco un breve vademecum sullo scontrino elettronico al quale quasi tutti gli esercenti al minuto dovranno confrontarsi da quest'anno

Continua

Sale il "bonus Renzi" in busta paga

A partire daI 1° luglio 2020 i lavoratori si troveranno un "bonus Renzi" maggiorato in busta paga

Continua

La rivalutazione dei terreni, riaperti i termini fino al 30 giugno 2020

Anche quest'anno la legge di bilancio ripropone la possibilità di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e agricoli

Continua

Nuovi limiti al contante: chiarimenti su Pos, prelevamenti e buste paga

Ecco cosa cambia nel 2020 in merito a Pos obbligatorio, prelevamenti bancomat e retribuzione dei dipendenti

Continua

Pensioni con la Legge di Bilancio 2020, cosa cambia

Ecco quali sono le poche novità rispetto al 2019 e un quadro riassuntivo sulle vie d'uscita

Continua

Assenze da Coronavirus, quale gestione da parte del datore di lavoro

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, fattispecie legate alle assenze dal posto del lavoro per il pericolo di contagio

Continua

Slitta la scadenza per CU, 730 e precompilati

Ecco cosa prevede il Decreto Coronavirus in merito alle scadenze relative agli adempimenti dichiarativi

Continua

Come si deducono i contributi nel regime forfettario

Ecco qual è il metodo per dedurre i contributi nel regime forfettario

Continua

In tempi di “contagio” le ferie possono essere imposte

Come giustificare le assenze in queste settimane di assenza dal lavoro

Continua

Il Covid-19 entra nel Documento di Valutazione dei Rischi

I datori di lavoro hanno l'obbligo di aggiornare il documento valutazione rischi

Continua

Credito d'imposta su locazioni commerciali interessati dalla chiusura

Nel decreto anti COVID-19 un nuovo credito di imposta per aiutare gli imprenditori in crisi

Continua

A Marzo ricavi e compensi senza ritenute

Fino al 31 marzo i ricavi non scomputano le ritenute. Introdotta l’esenzione delle ritenute d'acconto a beneficio di taluni soggetti

Continua

Decreto liquidità: i mini prestiti e le altre disposizioni fiscali

I prestiti bancari garantiti alle piccole e medie imprese e le ulteriori proroghe sugli adempimenti

Continua

Arriva il super bonus di 100 euro in busta paga di aprile

100 euro in busta paga a tutti coloro che hanno lavorato in sede nel mese di marzo e hanno dichiarato nel 2019 un reddito da lavoro dipendente sotto i 40 mila euro

Continua

La cassa integrazione durante maternità, permessi, ferie e congedi

Le compatibilità delle misure sulla gestione degli ammortizzatori sociali adottate dal Governo in presenza di più eventi tipici del rapporto di lavoro

Continua

730/2020: novità anche per gli eredi

Da quest'anno c'è la possibilità di presentare il modello 730 anche per il contribuente deceduto

Continua

Il decreto "Rilancio" riscrive la mappa delle scadenze

Varato il DL "Rilancio" ci apprestiamo a ridisegnare il calendario delle scadenze, tra vecchi e nuovi rinvii

Continua

Lo "slalom" tra indennità e finanziamenti a fondo perduto

Sotto la lente le novità del decreto "Rilancio", in attesa degli emendamenti in Parlamento

Continua

Rivalutazione dei terreni, riapertura dei termini fino al 30/09/2020

Il Decreto "Rilancio" ha prorogato per la seconda volta, nello stesso anno, il termine per la rideterminazione del prezzo di acquisto di terreni e partecipazioni

Continua