Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Obbligazioni a tasso fisso o variabile: quale scegliere?


Serve una bussola oggi per navigare nei mercati obbligazionari? Conta la cedola? O meglio valutare solo il rendimento?
Obbligazioni a tasso fisso o variabile: quale scegliere?

 

Bot, Bond, Eurobond, Cct, BTP, Ctz. Quanti tipi di obbligazioni esistono? Quali i vantaggi per gli investitori?


Bond, cosa sono?

Iniziamo dall’ABC. In ambito finanziario, le obbligazioni (o bond) sono titoli di debito, emessi da società o enti pubblici, che, alla scadenza fissata, attribuiscono al possessore il diritto al rimborso dell’intero capitale prestato all’emittente, oltre a un interesse sulla somma investita. Le caratteristiche principali di ogni bond sono, dunque, il valore nominale, che corrisponde al capitale sottoscritto nella fase iniziale e rimborsato alla scadenza del bond, al netto degli interessi.

La cedola, o coupon, cioè l’interesse periodico che l’emittente paga agli obbligazionisti.

La scadenza (maturity in inglese) che indica la data al termine della quale viene restituito all’obbligazionista il capitale iniziale.

L’emittente, vale a dire la società o lo Stato che emette il bond, e il rating, l’indice che analizza tutto quanto riguarda il titolo obbligazionario, per esempio, la capacità dell’emittente di rimborsare il prestito ottenuto.


 
Tasso fisso o variabile?

Esistono diversi tipi di obbligazioni a seconda delle caratteristiche specifiche. Le più comuni sono quelle a cedola fissa, ovvero quelle obbligazioni che mantengono un tasso di interesse costante per tutta la durata del contratto.

Nelle obbligazioni a tasso variabile, invece, l’interesse varia a seconda dell’andamento del mercato (leggasi parametro d’indicizzazione, per esempio Euribor). Parlando di titoli obbligazionari a cedola variabile vanno citati anche i reverse o inverse floater: si tratta di titoli il cui rendimento è collegato in maniera inversa all’andamento dei tassi di interesse e di riferimento.

Un esempio sono i fixed reverse floater, quelle obbligazioni generalmente a lungo termine, che pagano delle cedole fisse iniziali più elevate rispetto ai tassi correnti di mercato.

Ci sono, inoltre, le obbligazioni senza cedola o zero coupon, emesse a sconto, ossia sotto la pari a un prezzo inferiore al valore nominale: il rendimento è determinato dallo scarto di emissione, ossia dalla differenza tra il valore di rimborso (alla pari) e il prezzo di emissione.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Fare testamento: un tabù da sdoganare

In Italia il testamento viene utilizzato soltanto dal 5% delle persone. Eppure grazie al testamento si eviterebbero le liti tra gli eredi

Continua

Perchè fare testamento? Facciamo chiarezza...

Testamento: quale forma scegliere? Il nostro ordinamento giuridico prevede tre forme ordinarie di testamento, a cui si aggiungono i cosiddetti testamenti speciali

Continua

Come gestire il rischio degli investimenti

In ambito finanziario, ogni investimento implica un rischio. Bisogna farci i conti. Ciò che conta è sempre un'utile pianificazione finanziaria e patrimoniale

Continua

Come investire in maniera efficace? Meglio diversificare

Investire in un mercato composto da diversi titoli comporta un rischio minore rispetto al concentrare tutte le risorse disponibili in un solo titolo

Continua

Obbligazioni o azioni? Cosa sono e come funzionano

Obbligazioni e azioni: come funzionano? Quali differenze? Per investire i risparmi in sicurezza occorre conoscere le differenze tra i principali strumenti finanziari

Continua

Investimenti e coronavirus: niente panico, la storia insegna!

Risparmi e gestione patrimoniale ai tempi del coronavirus? Evitiamo il panico e le soluzioni fai da te, meglio affidarsi a professionisti...

Continua