Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Obiettivi, Focus, Emozioni


Tre parole chiave che cooperano tra loro
Obiettivi, Focus, Emozioni
È molto importante avere degli obiettivi sia nella vita quotidiana che professionale, perché se non ho un obiettivo non so dove andare, non riuscirò a seguire una direzione e non potrò arrivare da nessuna parte. Potrò anche fare tante cose, ma l’unico risultato che otterrò sarà affaticamento mentale e fisico, mentre nel momento in cui ho un obiettivo la mia mente è più aperta per focalizzarsi su ciò che voglio raggiungere, e il mio corpo ne trarrà beneficio.

E le emozioni, a cosa servono in tutto questo? Servono a darci l’energia necessaria!

Sì, perché sono loro che ci danno la forza, la motivazione per entrare in azione e raggiungere ciò che vogliamo, ma a volte possono anche essere di ostacolo. Se abbiamo paure, dubbi, credenze limitanti, non basta avere fissato un obiettivo ed essere concentrati su di esso, perché le nostre emozioni "ostacolanti" sono troppo forti e invece di darci energia ci remano contro. Infatti, di fronte a una situazione di pericolo o non chiara, l’emozione lavora per evitarci il pericolo, per evitarci di sbagliare, ma a volte - purtroppo - finisce anche per bloccarci.

In queste situazioni, invece di darci una mano le emozioni ci fermano e non ci permettono di andare avanti.

Come mai succede tutto questo, senza che ce ne rendiamo conto?

Negli ultimi 20 anni le ricerche neurofisiologiche, gli studi che osservano il funzionamento cerebrale, spiegano che ci sono circuiti che lavorano efficacemente all’interno del nostro cervello quando collaborano tra di loro, cioè la corteccia orbito frontale (sede della pianificazione e della gestione delle emozioni) e la congiunzione tra il lobo parietale e temporale (sede dell’attenzione, cioè del focus verso i nostri obiettivi). Se il sistema non è in equilibrio, la forza delle nostre emozioni può prendere il sopravvento, impedendoci di vedere chiaramente cosa fare, limitando le nostre possibilità di azione e rendendoci meno capaci di vedere soluzioni alternative a quelle che stiamo provando.

Cosa fare per evitare tutto questo:
- Avere le idee chiare su ciò che si vuole raggiungere, un Obiettivo
- Essere focalizzati sul quel obiettivo, Focus
- Conoscere bene le nostre emozioni.

"La ragione principale per cui le persone non ottengono ciò che vogliono è che non sanno quali sono i loro obiettivi. Chiarezza significa potere".
T. Harv Eker

Se vuoi fare chiarezza riguardo ai tuoi obiettivi oppure capire perché non li raggiungi, contattami! Io ti posso aiutare.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il professionista emotivamente competente

Hai mai pensato che la conoscenza delle proprie emozioni, e il sentire quanto sente l’altro, sono abilità molto utili nel lavoro?

Continua

Professionista e Sindrome del sacrificio

Sindrome del sacrificio, cosa c’entra con il professionista?

Continua

Ottimismo e schemi mentali

&Egrave; meglio essere ottimisti e avere torto piuttosto che pessimisti e avere ragione. <br />Albert Einstein

Continua

Conosci te stesso, riconosci le tue potenzialità

Riconoscendo le nostre potenzialità, il lavoro può diventare meno noioso e stressante. Scopri come!

Continua

Schemi ripetitivi ed emozioni?

Sì, perché quando le nostre emozioni sono forti e inaspettate si legano ai nostri ricordi

Continua

Superare l’ansia di parlare in pubblico

Quando i trucchetti per parlare in pubblico non bastano...

Continua

La stessa persona!?

Quando i nostri ruoli diventano rigidi, ci dimentichiamo di noi stessi

Continua

Vivere senza stress? È possibile con la tecnica del FastReset

FastReset, accettiamo di avere un problema di stress e serviamoci degli strumenti per affrontarlo

Continua

Una Leadership riconosciuta e condivisa

Oggi vorrei iniziare con una storia che parla di fiducia reciproca in un gruppo coeso

Continua