Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Oblazione o indebito arricchimento dell'erario?


La mancata restituzione della sanzione in misura ridotta in presenza di contenzioso tributario potrebbe configurare l'ipotesi di indebito arricchimento dell'erario
Oblazione o indebito arricchimento dell'erario?

Negli avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle Entrate tra le modalità di definizione degli stessi viene richiamato l’art. 17 del Decreto Legislativo n. 472/97  intitolato “ Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni tributarie”  il quale, al secondo comma prevede È ammessa definizione agevolata con il pagamento di un importo pari ad un terzo della sanzione irrogata e comunque non inferiore ad un terzo dei minimi edittali previsti per le violazioni più gravi relative a ciascun tributo, entro il termine previsto per la proposizione del ricorso

In sostanza, specie con riguardo ad accertamenti motivati da questioni di diritto la cui soluzione si presta a diverse interpretazioni, il contribuente può decidere di attenersi a tale disposizione con l’intento di ottenere un risparmio della sanzione, nell’ipotesi di soccombenza nei giudizi dinanzi le Commissioni Tributarie.

Tanto anche in considerazione di quanto previsto dal sesto comma dell’art. 19 (Esecuzione delle sanzioni) del medesimo D.Lgs. 472/97 il quale prevede che “ Se in esito alla sentenza di primo o di secondo grado la somma corrisposta eccede quella che risulta dovuta, l’ufficio deve provvedere al rimborso ai sensi dell’art. 68 comma 2 del D,Lgs. 31 dicembre 1992 n. 546”.

Tuttavia,  dopo aver richiamato il citato art. 17, gli Uffici avvertono che “le sanzioni versate in misura ridotta non potranno essere poi rimborsate”. E questo non per effetto di una disposizione di legge bensì di una risposta ad uno specifico quesito riportato nella Circolare n. 12 del 12 .03.2010. Il quesito formulato era il seguente:

 “L'art. 17 del D.Lgs. n. 472 del 18 dicembre 1997 consente al contribuente il pagamento delle sanzioni collegate al tributo in misura ridotta entro il termine di proposizione del ricorso. Tale facoltà viene puntualmente evidenziata nell'avviso di accertamento. Il contribuente può quindi pagare le sanzioni (in misura ridotta) ma impugnare la pretesa impositiva da cui scaturiscono le sanzioni.

Nel caso in cui all'esito del ricorso avverso il tributo la Commissione tributaria rettifica a favore del contribuente la pretesa dell'Ufficio, è possibile richiedere la restituzione delle sanzioni a suo tempo versate e, all'esito della sentenza, risultanti in eccedenza? Tenendo presente che in tema di esecuzione delle sanzioni a norma dell'art. 19, comma 6, del medesimo D.Lgs. n. 472 del 1997 viene previsto che "se in esito alla sentenza di primo o di secondo grado la somma corrisposta eccede quella che risulta dovuta, l'Ufficio deve provvedere al rimborso entro novanta giorni dalla comunicazione o notificazione della sentenza".

La risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate era la seguente:

“La definizione agevolata della sanzione - attraverso il versamento in misura ridotta entro il termine per proporre ricorso - determina l'estinzione della potenziale controversia afferente la contestata violazione delle norme tributarie con l'effetto che colui che se ne è avvalso non potrà invocare l'esito positivo dell'eventuale contenzioso radicatosi in ordine alla violazione sottesa alla sanzione definita.

Quindi, nell'ipotesi in cui il contribuente abbia versato il quarto della misura afflittiva connessa ad una pretesa impositiva e, contestualmente, abbia adito il Giudice tributario per contestare la maggiore imposta richiesta, la sentenza che dovesse definire il giudizio, negando la sussistenza della violazione, non darebbe comunque titolo alla ripetizione di quanto percepito dall'Ente impositore in base alla definizione agevolata della sanzione, stante l'intangibilità della definizione stessa”.

Per motivare tale assunto veniva richiamata la giurisprudenza della Corte di Cassazione. In proposito veniva,infatti, riportato che “relativamente all'analoga procedura di definizione agevolata delle sanzioni di cui all'abrogato art. 58, quarto comma, del D.P.R. n. 633 del 1972. I giudici di legittimità hanno infatti affermato che "il versamento previsto dal D.P.R. n. 633 del 1972, art. 58, comma 4, - integrando esercizio di una facoltà del contribuente, con pagamento di una percentuale della pena massima edittale senza alcun collegamento con la sanzione pecuniaria in concreto irrogata - presenta i connotati dell'oblazione o definizione agevolata, per prevenire od elidere ogni contesa sull'an ed il quantum della sanzione medesima e così si sottrae ad ogni possibilità di ripetizione, in conseguenza della non sindacabilità dei presupposti di detta irrogazione”.

Dello stesso avviso era poi la sentenza della Corte di Cassazione n. 25493 del 13.11.2013 che, con riferimento ad un giudizio relativo al mancato rimborso dell’importo versato ai sensi dell’art. 16 del D.Lgs. 472/1997,  riproponeva la irrepetibilità di tale versamento, ritenendolo effettuato a titolo di oblazione e di definizione della contestazione  delle sanzioni applicate dall’ufficio.

In realtà questa sentenza riguardava il pagamento della sanzione in misura agevolata con la successiva prosecuzione del giudizio sul tributo conclusosi, dopo l’appello presso la Commissione Tributaria Regionale, con l’applicazione del condono fiscale ai sensi della legge 289/2002.

È evidente che, una volta attivata una procedura di sanatoria fiscale per il tributo, ne consegue che la definizione agevolata della sanzione, in concreto, non connessa al condono ma frutto di una scelta autonoma prima del condono, comporta che tale versamento non potrebbe essere rimborsato.

Diverso è invece il caso in cui, dopo aver aderito al pagamento della sanzione in forma agevolata, ai sensi dell’art. 17 del D. Lgs. 472/72, il giudizio di merito si concluda con la definitiva pronunzia di  annullamento dell’avviso di accertamento e conseguentemente di non debenza di quanto richiesto. Tanto soprattutto allorchè oggetto del contendere sia l’interpretazione di una norma tributaria con il giudizio finale favorevole al contribuente. In sostanza, in questo caso, il pagamento della sanzione in  misura  ridotta avviene solo in via cautelativa, nell’incertezza della interpretazione finale della norma, ma, ove questa venga confermata in senso conforme alla posizione del contribuente e quindi venga ribadita la non debenza delle imposte richieste, viene meno anche il diritto a percepire le relative sanzioni come ben specificato nel citato art. 19 comma 6 del D.Lgs. 472/1997.

Diversamente interpretando si verificherebbe l’ipotesi di indebito arricchimento da parte dell’Erario per la riscossione, senza restituzione, di una somma di fatto non dovuta.

 

Domenico Montemurno

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Diritto di superficie per impianti fotovoltaici

Non risolta la tassazione dei redditi percepiti per la costituzione del diritto di superficie per l’installazione di impianti fotovoltaici

Continua

La tassazione degli atti istitutivi dei Trust

Una riflessione sull’applicazione dell’imposta per la costituzione di trust dopo la sentenza della Corte di Cassazione n. 4482 del 7 marzo 2016

Continua

Proposte di modifica per l'imposta di successione

La proposta di legge n.2830 prevede la modifica delle aliquote dell'imposta sulle successioni e donazioni

Continua

Impianti fotovoltaici, ancora in tema di diritto di superficie

Probabile un ripensamento dell’Agenzia delle Entrate sulla tassazione dei redditi percepiti per la costituzione del diritto di superficie

Continua

“Codice commentato dell’imposta di successione”

Il libro di Domenico Montemurno è un’utile guida in materia di imposta di successione dopo le modifiche introdotte dal Legislatore

Continua

Rottamazione delle cartelle: pendenza di giudizio?

Nella legge di conversione del D.L. 193/2016, ancora in corso, non è ancora chiara la pendenza di giudizio

Continua

Invio telematico delle dichiarazioni di successione

L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bari ha organizzato un corso sull’invio telematico delle dichiarazioni di successione

Continua

Il nuovo modello di dichiarazione di successione

Annotazioni sul nuovo modello per la dichiarazione di successione in vigore dal 23.1.2017, giusto Provvedimento del 27.12.2016 dell'Agenzia Entrate

Continua

Ancora sull`invio telematico delle successioni

In sede di istruzioni per l’invio telematico delle dichiarazioni di successione l’Agenzia delle Entrate si sostituisce al legislatore

Continua

Non più coacervo delle donazioni per l’imposta di successione

La Corte di Cassazione con la sent. n. 24940 del 6.12 2016 ha affermato la tacita abrogazione della disposizione prevista dall'art.8 4 c. del TUS

Continua

La plusvalenza nelle permute immobiliari

Una recente Ordinanza della Cassazione fissa il momento impositivo ai fini dell’applicazione della plusvalenza prevista dall'art. 67 del TUIR

Continua

Plusvalenza e diritto di superficie

Adeguamento dell’Agenzia delle Entrate alla giurisprudenza della Corte di Cassazione per le plusvalenze da costituzione del diritto di superficie

Continua

Accertamento d’ufficio per omessa presentazione della successione

Come avviene l’accertamento d’ufficio nelle ipotesi di omessa presentazione della dichiarazione di successione da parte dei soggetti obbligati

Continua

Agevolazioni sull'imposta di registro per il settore edilizio

Nel Decreto crescita 2019 è stata inserita la concessione dell’imposta fissa di registro per l’acquisto dei fabbricati da demolire

Continua

Imposta di registro, la tassazione degli atti di divisione

Ecco le modalità di calcolo dell'imposta di registro per gli atti di divisione immobiliare

Continua

Nuove istruzioni per la dichiarazione di successione telematica

Aumentati i dubbi applicativi dopo le modifiche alle istruzioni per l'invio telematico delle dichiarazioni di successione

Continua

Collazione per imputazione delle donazioni e atti di divisione

Trattamento fiscale degli atti di divisione di comunioni ereditarie in presenza di collazione di donazioni per imputazione

Continua

La sospensione dei termini per le agevolazioni prima casa

Con la risposta ad interpello n. 345 l'Agenzia delle Entrate chiarisce l'applicabilità della sospensione dei termini per le agevolazioni sulla prima casa

Continua