Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Occorre che TU ci metta…più AMORE!


Si avvicina un Natale insolito, forse in solitudine lontano dai propri affetti. Ma è proprio in questi momenti che si deve riscoprire la forza dell'amore e dell'ascolto
Occorre che TU ci metta…più AMORE!

A chi è solito leggere i miei articoli, che di tanto in tanto pubblico, è abituato a leggere dati scientifici o riferimenti ad autori che hanno rappresentato momenti storici del mondo psicologico.

Questa volta, più che un articolo, sento di voler scrivere personalmente a te che mi leggerai se ne avrai voglia, ecco perché ti suggerisco di farlo!

Mi rivolgo a TE che trascorrerai un Natale insolito, probabilmente in solitudine lontano da tutti i tuoi affetti perché non ti lasciano partire dall’altra parte del mondo ovunque tu sia.

A te attaccato al respiratore all’interno dell’ospedale. E poi a te che sarai distante dalla tua dolce metà sul piano fisico.

Continuando mi rivolgo a te che sei un genitore e tuo figlio è distante o a te figlio che hai il genitore lontano. Insomma, a te che stai soffrendo a causa di un virus che ha trasformato la tua esistenza…

Come non poter citare TE già carico di sofferenza a causa del tuo malessere di nome Alzheimer, ma ora la tua sofferenza è amplificata dalla mancanza di baci e abbracci che pur rappresentando la cura per la tua malattia ti dicono che ne devi fare a meno.

Non finisce qui, se necessiti di cure ospedaliere te ne devi privare e cercare di fare tutto a domicilio sperando di avere i soldi per pagare le visite mediche private tanto costose. Sempre che tu risieda nella tua casa. Mentre se vivi in una RSA i tuoi cari non vogliono riaverti in casa e ti riprendono, forse, senza la giusta accettazione come ci insegna Carl Rogers patriarca del Counseling e quindi ti senti un peso indesiderato.

Insomma sei in vita ma che vita? Quale sarebbe la giusta casa per te in un periodo così difficile? Suppongo ti senta sempre più confuso e smarrito e ti chiederai come mai il con-tatto improvvisamente manca nella tua esistenza.

A differenza di tanti altri è difficile spiegartelo poco probabile che tu possa comprendere perché ti nutri di sentire e di tatto, di sguardi e di contatto, di respiro che si fonda nel respiro del tuo affetto più caro.

Ma chi si avvicina a te ora indossa una mascherina coprendo la gran parte del volto e le sue mani sanno di lattice che seppure provi a stringerle non ti trasmettono quelle sensazioni alle quali eri abituato…Cosa accade dunque?

-    Quanti cambiamenti.

-    Quanto dolore per chi soffre di una malattia indescrivibile ed inesistente per i politici e lo Stato. Per una malattia del fai da te!

-    Cosa sente il tuo familiare nel doverti stare distante? E nel vivere un momento cosi difficile assumendosi anche il carico di decisioni difficili e talvolta non sempre facili o corrette?

•    Il “male” va accettato,

•    la sofferenza va accettata,

•    i momenti difficili vanno accettati, ma questo non significa che non si possa nello stesso modo accedere alla gioia.

•    L’amore è cura.

•    Il male è cura.

Quando incontri qualcuno offrigli cura, attenzione, ascolto anche attraverso piccole cose: un sorriso, un augurio, uno sguardo, una parola di speranza. Dona amore ogni volta che puoi in modo incondizionato, senza aspettative.

Gli ultimi commenti che ho sentito da diverse persone in questi ultimi giorni sono stati i seguenti: “Non ho voglia che arrivi Natale”, “Non voglio regalare niente a nessuno quest’anno”, “Non è vita…” ecc…

Vero, tutto vero! Ognuno di questi commenti ha una sua ragione di esistere. Però, ribadisco però, se pensiamo che dietro questi commenti c’è uno stato di buona salute o di possibilità di festeggiare, seppure in minima parte il Natale ecco, sii fiero di te stesso.

Allora esagera e dona Amore incondizionato. Innamorati ulteriormente di te stesso/a, ama la vita abbondantemente, dona amore a chi soffre regalandogli un momento gioioso. E’ questo il tempo in cui OCCORRE CHE TU CI METTA …Più AMORE!

Scrive James Hillman: “Spesso siamo così preoccupati di scoprire la ragione di quello che ci è accaduto e ad esso trovare una soluzione nell’immediato futuro che ci siamo resi incapaci di assaporare la bellezza del vento”.

Il presente è l’unico periodo di tempo di cui hai possesso solo tu puoi decidere cosa farne se gioire e stare nell’azione oppure lamentarti e stare nella tristezza. Ricorda: i pensieri tristi e negativi influenzeranno il tuo corpo e così per il corpo sarà più semplice provare tristezza che gioia. Tuttavia in una specie di spirale viziosa sarà il corpo a ri-generare pensieri tristi. Sostanzialmente se il tuo atteggiamento mentale è orientato alla negatività, diventerai vorace di stati depressivi e avvertirai il tuo corpo come bloccato.

Gandhi scrisse: “Sii il cambiamento che desideri nel mondo”. Prendi esempio da chi soffre più di te e va avanti!

E ora respira, abbracciati, ascolta il tuo corpo potrà svelarti un’infinità di vibrazioni e immagini se saprai darti valore. Muoviti cammina seppure dentro casa, guardati allo specchio e prendi consapevolezza che non sei solo, sei in compagnia della persona più importante in questa vita …TE STESSO… Dunque, amati ed esagera, amati ogni giorno e ogni momento, perché OCCORRE CHE TU CI METTA…Più AMORE!

Posso insegnarti la via all’amore ed essere la tua guida.
Contattami attraverso la email oppure su skipe o whatsapp al numero 3934482694.
Ti aspetto!


Dott.ssa Aurelia Gagliano

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Esperienze psicofisiologiche multidimensionali

Progetto Counseling a mediazione corporea

Continua

Traumi psicologici da incidenti stradali

Quali sono i sintomi del disturbo post-traumatico da stress e le loro origini

Continua

Scuola: perfezione uguale limite

Sebbene il termine “limite” sia caratterizzato oggi da accezioni negative, all’origine prevaleva l’idea che nella finitezza umana risiedesse la perfezione

Continua

Familiari Alzheimer "AL CENTRO: IL TUO SOLLIEVO. ESSERE IN REL-AZIONE"

Recuperare capacità empatiche e gestire al meglio varie difficoltà emotive appare arduo

Continua

Quando la "passione" ti rafforza il carattere

Coltivando la propria passione, il carattere riceve una serie di sollecitazioni a livello fisico, intellettuale ed emozionale

Continua

Le "carezze interne" ai tempi del Coronavirus

La carezza interna come fonte di consapevolezza del proprio sè per affrontare la maggiore solitudine, paura o ansia dettate dal momento particolare che stiamo vivendo

Continua

Il silenzio della solitudine

E' giunto il momento di ricercare il silenzio della solitudine come momento di purificazione, nell'accettare di viverla anche quando essa è tensione drammatica

Continua

Società e scuola ai tempi del Coronavirus: relazioni senza corpo

Per riuscire a stare bene a casa è necessario decomprimere i fattori di stress psicologico e soprattutto organizzarsi col costrutto "gestione tempo"

Continua

Lascia parlare la tua rabbia

Impara ad esprimere la rabbia con dolcezza senza cadere in pericolosi eccessi. Ciò non significa negare la rabbia, ma poterla manifestare senza rimanerne schiacciati

Continua

“L’INVIDIA è…FEMMINA…

dall’Io bambino all’Io adulto…strategie di Counseling”

Continua

L’abbraccio attraverso gli occhi. L’autenticità dello sguardo

Il modello di attaccamento sicuro, in questo periodo pandemico, può essere la fonte di salvezza per tanti bambini

Continua

La sofferenza delle scuole pugliesi e la disperazione sui volti dei bambini/ragazzi e genitori

DDI… DAD… la Puglia diversa dal resto d’Italia, ma non per i colori bianco, giallo, arancio, rosso, bensì per la decisione presa dal presidente di regione Emiliano

Continua

Età evolutiva e ansia (psicologia scolastica)

In questo articolo affrontiamo la tematica dell'ansia collegata al particolare periodo che il bambino vive nell'età evolutiva

Continua

Il bambino plusdotato

Relativamente alla psicologia scolastica oggi affrontiamo il tema del bambino plusdotato

Continua

Ansia scolastica: definizione, sintomi e criteri diagnostici

Vediamo cos'è l'ansia scolastica, quali sono i sintomi, come si manifesta, quali sono i criteri diagnostici e a cosa può associarsi questo disturbo

Continua

Tradizioni, psicologia e didattica: Dal counseling a carattere corporeo

"Tradizioni, psicologia e didattica: dal Counseling a Carattere Corporeo" è il titolo del mio libro, pubblicato da 99 Edizioni e disponibile su Amazon

Continua

Intelligenza emotiva, emozione felina

Studi condotti dall’Università di Oakland dimostrarono che i gatti rispondono allo stato emotivo del proprio essere umano.

Continua

Ascolto e dialogo: ricerca il benessere, tra genitori e figli

Se volete creare un legame equilibrato e collaborativo con i vostri figli, favorite l’ascolto e l’attenzione così come la connessione emotiva.

Continua

Vivi la coppia… che cosa è l’amore?

Alcuni consigli per "decollare" con il tuo partner.

Continua

Cervello, Emozioni e Alzheimer

Oggi sono al vostro fianco per celebrare la settimana dedicata al cervello e intendo farlo ricordando una mia paziente malata di Alzheimer.

Continua

Cervello, Emozioni e Alzheimer

Sono al vostro fianco per celebrare la settimana dedicata al cervello

Continua

Counseling e psicologia positiva

Il ruolo centrale dell’ascolto attivo nell’ambito del counseling genitoriale e in che modo il sistema scolastico si pone nei confronti di tali dinamiche

Continua