Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte I)


Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?
Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte I)
"Del resto neanche il vincitore sa di aver imparato una convinzione e niente più; il Maestro e il Libro lo rassicurano che ciò che ha imparato non solo non è realtà arbitraria, ma è convenzione che ha forza di legge; addirittura gli mettono nel cervello che il suo modo di parlare sia <> perché <>."
Gualtiero Harrison "Antropologia Psicologica": Cap V <>" CLEUP 1988
Qualche anno fa Piero Parietti (1), dalle pagine di un lettissimo RIZA Scienze si chiedeva:
"Sarà ancora possibile rimanere sempre all’interno del codice concettuale che regola attualmente la pratica professionale, o sarà necessario sapersi muovere anche all’interno di codici differenti? Ma quali potranno essere questi codici?"
Possiamo credere alla necessità di un alfabetizzazione Olistica delle nostre teorie psicologiche, della psicoterapia? E non sarà allora un’altra teoria, semplicemente, che si avvicenderà a ciò che abbiamo reputato ormai superato, vecchio? Leggo un vecchio capitolo di un testo universitario di Antropologia e mi convinco di un rischio. Come l’Antropologo mi chiedo cosa mi faccia vedere ogni volta la parola "vecchio". Harrison commenta analogie e differenze tra i giochi dei ragazzi lampedusani che si allenano a divenire pescatori e gli stessi ragazzi che frequentano la scuola: "Anche sui banchi di scuola apparentemente questi ragazzi ritrovano la stessa situazione: il meno capace viene bocciato, ripete la stessa classe e frequenta l’anno successivo insieme ai ragazzi più giovani di lui. La differenza che c’è tra le due situazioni è che il sistema scolastico, l’insegnante e i compagni di classe, costantemente gli ricorderanno che è il più vecchio. E la bocciatura non sarà mai più un recupero, da punizione per lo scarso rendimento di un anno diventerà colpa per tutta la futura vita scolastica".
Abbiamo abituato il nostro occhio al tempo ed alle sue facce illusorie, un tempo che sembra punirci con la vecchiaia e che dobbiamo esorcizzare in gioventù facendo nostre parole come rendimento, prestazione, capacità. Fin da bambini impariamo a conoscere la vita come un percorso, un percorso di accumulazione; più abilità, più competenze, più opportunità, più reddito, più sicurezza. E dove qualcosa si aggiunge inevitabilmente qualcosa viene meno, DEVE VENIR MENO, altrimenti a che pro accumulare? E allora meno rischi, meno malattie, meno imprevisti. Hillman (2), 75enne, pubblica "La Forza del carattere" (Adelphi) nel tentativo di restituire alla parola "vecchio" ciò che è sempre stato suo; ovvero, a suo avviso, la Forza di rivelare ciò che crescendo abbiamo attivamente, anche se spesso inconsapevolmente, dovuto nascondere, osteggiare. Allora balugina dentro di me il fatto che anche <<naturale>>, parola spesso utilizzata come equivalente di <<olistico>>, è una parola che non rivela ma impone sulle nostre visioni un’ulteriore teoria, un inutile ulteriore velo. Ed anche la parola "tradizionale" mi sembra improvvisamente una parola che vuole qualcosa dalla realtà; una parola che ha interrogato la realtà ed ha emesso una sentenza su di essa.
Se l’Olismo vuole sfuggire le trappole dell’alfabetizzazione di se stesso dovrà essere sempre più vicino, per dirla con Krishnamurti, a <<ciò che è>> (3).

La Terapia va da qualche parte? Evolve? Talvolta sentiamo parlare di pazienti "evoluti" che hanno trasformato la loro visione ottenendone miglioramenti della loro sintomatologia; e scopriamo che possono essere pazienti che "sublimano" o che vivono giornate fatte di tisane e di meditazione; pazienti che ascoltano le "parti sane" o che si "mettono in discussione". Ma ci sono pazienti che raccontano altro; la loro giornata è fatta di "dischi rotti", di favole dove scopriamo che ogni finale è in realtà la premessa a cui il (falso) movimento della fiabazione li riconduce, inesorabilmente; pazienti sempre immersi in "pantani" che non sono l’effetto della loro storia ma la "cifra", la gestalt della loro esistenza.

(CONTINUA)

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il genio dell`obesità

Rischi e opportunità del mettersi a dieta. Come evitare i tragici "effetti YO-YO"?

Continua

Dieta e Psiche. Dimagrire è una questione di testa

Quanto conta l'atteggiamento mentale nel dimagrimento o nel sovrappeso? E' sufficiente attenersi a rigide diete ipocaloriche, alla moda, vegane...?

Continua

L'immaginario: il benessere a occhi chiusi

Spesso i disturbi psicosomatici si comprendono solo se accettiamo di contattare profonde immagini che orientano il nostro comportamento

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte II)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte III)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte IV)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte V)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Olismo: il nuovo alfabeto della Salute (parte VI)

Il Mondo delle Tecniche Naturali, della Naturopatia con il loro linguaggio seduttivo e alternativo fino a che punto è veramente qualcosa di nuovo?

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. I)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. II)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. III)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. IV)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Il Dente Avvelenato. Carie e Psicosomatica (pt. V)

La Psicosomatica del processo carioso. Aspetti simbolici di una delle più comuni malattie a carico dell'apparato dentale. Un caso clinico esemplare

Continua

Pensa magro. Dimagrire senza dieta è possibile

Non ingrassiamo solo perché mangiamo troppo. Spesso è un problema di stress e di metabolismo lento. Dobbiamo modificare la gestione dello stress

Continua

Alessitimia, il tempo degli analfabeti emotivi

Salute e Benessere non passano solo per l'utilizzo di farmaci e vaccini. Lo stress fa ammalare fino a che non troviamo le parole per esprimerlo

Continua

Essere o non essere?…Meglio ridere (prima parte)

Ovvero, quando non prendersi troppo sul serio è una cosa serissima. Alcune cose che non sai sul potere della risata.

Continua

Essere o non essere?…Meglio ridere (seconda parte)

Ovvero, quando non prendersi troppo sul serio è una cosa serissima. Alcune cose che non sai sul potere della risata.

Continua

Il Talento; il volto che tengo nascosto

Più che ciò che mi guida al successo, il Talento è una scintilla che mi rende unico, irripetibile. Ma la normalità uccide sempre il nostro "genio".

Continua

Psicosomatica, oggi (I parte)

Come posso decifrare il senso della malattia, il suo significato? Vediamo come possiamo cominciare ad orientarci nei meandri della Psicosomatica

Continua

Psicosomatica, oggi (II parte)

Come posso decifrare il senso della malattia, il suo significato? Vediamo come possiamo cominciare ad orientarci nei meandri della Psicosomatica

Continua

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte I)

In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Continua

Cuore contro Cuore. Se l'Aritmia dice NO (parte II)

In un caso clinico l'esemplificazione del significato psicosomatico di una classica sintomatologia definita di competenza esclusivamente medica

Continua

Cardiopatie: l'identikit del malato di cuore

L'identikit di alcune delle più comuni malattie cardiologiche. L'Aritmia, la Tachicardia, l'Infarto. La Personalità del Cardiopatico, chi è e cosa fa

Continua

Psoriasi; il vulcano dormiente

Una delle più complesse malattie della pelle rivela, in profondità, fenditure e spaccature dell'identità. E sotto la cenere cova un incendio.

Continua

Psoriasi; il vulcano dormiente

Una delle più complesse malattie della pelle rivela, in profondità, fenditure e spaccature dell'identità. E sotto la cenere cova un incendio

Continua

L'Ira funesta...il tallone d'Achille dell'Iperteso

Come per il figlio di Peleo e Teti, l'ipercontrollo denota una profonda diffidenza per la passività e porta a proverbiali ire ed arrabbiature

Continua