Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider


La recente sentenza della Cassazione ha riconosciuto nuove tutele per i rider, ma è solo la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 e alla legge 128/2019
Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider

La recente sentenza della Corte di Cassazione, che ha riconosciuto nuove tutele normative per i “rider”, sebbene mediaticamente abbia fatto assai scalpore, risulta essere solo e soltanto la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 ed alla legge 128/2019.

A ben guardare, tuttavia, le questioni sollevate sono ben più antiche e riguardano financo il dettato normativo dell’articolo 2094 del Codice Civile. Lo stesso articolo, in rapporto a quanto affermato dagli ermellini, ha manifestato, purtroppo, tutta la sua attuale inadeguatezza ad estendere il proprio raggio di tutela alle cosiddette “nuove professioni”.

Parallelamente a ciò ed in via indiretta, ma assai chiara, la sentenza ha manifestato la circostanza che vada, ormai, necessariamente anche rivisto il ruolo delle organizzazioni sindacali soprattutto con riferimento a quello svolto da quelle identificate come “maggiormente rappresentative”.

La circostanza che la materia di oggetto risulti complessa lo dimostra, poi, anche la circostanza che il Ministero del Lavoro e l’Ispettorato del Lavoro per ben tre volte siano stati, nel corso del 2020, costretti ad intervenire sull’argomento con circolari esplicative.

La verità è che il diritto del lavoro da sempre segue eventi non scritti, ma che anticipano il legislatore anche se poi sarà la giurisprudenza a fare il resto ed a delimitare il quadro di riferimento del settore.

Una riflessione di sociologia del lavoro risulta necessaria, a questo punto, in aggiunta ed a complemento di quella connessa ai dettati normativi ed agli assunti giurisprudenziali.

Questa risulta correttamente sviluppabile a partire da una semplice considerazione.

Oggi Asso Delivery applica un determinato ccnl assimilando i propri rider ai lavoratori autonomi mentre Just Eat esce dal ccnl individuato e considera i propri operatori come possibili lavoratori subordinati.

Sebbene forte sia stata nella vicenda l’impatto del disposto stabilito dal Jobs Act risulta forse opportuno, per comprendere, partire da una considerazione sociologica ancora più esegetica.

L’economia 4.0 ha portato alla creazione di un vero e proprio “sistema di lavoro 4.0” e la pandemia, con lo smart working e la conseguente necessità di ripensare l’istituto della cassa integrazione e l’ambito di esplicazione della normativa inerente la sicurezza sui luoghi di lavoro, ha imposto la necessità di una totale trasformazione del mercato del lavoro.

Il problema in tutto ciò è che il rider prima di essere qualificato come un “fattore di produzione del sistema” è un essere umano che sebbene in linea generale, e per disposto normativo, dovrebbe essere esente dalle dinamiche del lavoro a cottimo nella realtà, spesso, vi risulta, oltre al caso di specie, totalmente soggiogato secondo una dinamica che lo vede, ormai, obbligato a sacrificare la propria sicurezza su un altare fatto di mero bisogno monetario.

Produrre più in fretta per vendere di più? Non proprio, produrre più in fretta per riuscire a sopravvivere. Il vero problema attuale è che bisognerebbe creare una base autonoma, fra tutte le varie tipologie lavorative, inerente principalmente agli aspetti fondamentali della retribuzione affinché le logiche del lavoro a cottimo possano venire estromesse non solo a livello formale ma anche sostanziale.

Non urge, quindi, forzare il concetto di “subordinazione lavorativa”, ma semplicemente regolamentare in via omnicomprensiva l’istituto al fine di evitare la creazione di zone grigie fra il lavoro autonomo e quello subordinato.

Il rider alla fine è risultato essere questo, non un essere umano, con dei bisogni e delle speranze, ma semplicemente un “ingranaggio indefinito e non codificato” del sistema produttivo pandemico.

La sentenza 1633/2020 lascia, quindi, tante questioni giuridiche irrisolte e risulta essere, pertanto, solo un’apparente soluzione al problema. Se è vero che cambiando il mondo cambia anche il fenomeno lavoro, che ne risulta essere la dimensione declinatoria fondamentale, è parimente vero che oggi l’accesso più facile alle nuove professioni non corrisponde ad un paritario accesso alle tutele previste per le stesse.

La sociologia del lavoro si propone di fornire concetti e conoscenze di base per l’analisi del lavoro, dell’economia e delle organizzazioni nella società contemporanea, utili all’elaborazione di un giudizio critico sulle principali dinamiche economiche, del lavoro e organizzative analizzate apprendo un metodo generale che per permetta di approcciare in modo autonomo e critico i fenomeni legati al funzionamento del lavoro, dell’economia e delle organizzazioni nella società, attraverso la lettura di dati, fonti e un’analisi di processo.

Bene, in tal senso le richieste di gel e mascherine, fatte in via cautelare dai rider ai propri datori di lavoro, e concesse agli stessi con decreto inaudita altera parte, sono servite proprio a questo; ad aprire la strada al riconoscimento dei rider non come lavoratori ma in primis come “esseri umani” e poi come lavoratori. Ieri de jure condendo, oggi de jure condito.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Infortunio sul lavoro Covid-19: nesso di responsabilità datore di lavoro

Nesso tra responsabilità penale e civile del datore di lavoro e redazione del DVR

Continua

Riflessioni sull'azione di rimborso per i medici di medicina generale

Il D.lgs. 368/99, recependo la Direttiva comunitaria n. 93/16/CE, ha riconosciuto a tutti i medici specializzandi lo status di lavoratore in formazione

Continua

I rischi della gestione del rapporto di lavoro domestico tipo h24 tramite agenzia

I rischi connessi alla gestione non controllata del rapporto di lavoro domestico mediante ausilio di agenzia di somministrazione di lavoro

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro:i controlli sul lavoratore

Il potere direttivo e disciplinare ei controlli sui lavoratori sono argomenti estremamente delicati e sempre di attualità

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: presupposti

Nella gestione del contenzioso disciplinare è essenziale conoscere ed applicare correttamente le principali norme di riferimento

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: riflessi gestionali

Nell’analisi del potere direttivo e disciplinare, una serie di considerazioni particolari vanno riservate agli aspetti gestionali ed amministrativi

Continua

Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola

Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente ad un anno di servizio

Continua

Breve cronistoria della vicenda del rinnovo contrattuale CAS Sicilia

Adeguamenti contrattuali economici dei dipendenti del consorzio Autostrade siciliane su base degli aggiornamenti CCNL Autostrade e Trafori

Continua

Come ottimizzare la produttività del lavoro pubblico

Ecco qual è la logica del DDL 2031/2009 collegato alla manovra finanziaria sull’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Continua

IL COSTO DI GESTIONE DEL PERSONALE NELLA GARA D'APPALTO-PARTE PRIMA

Una variabile non trascurabile nella presentazione dell’offerta economica per la partecipazione ad una gara d’appalto riguarda il costo del personale

Continua

Autoferrotranvieri: differenze retributive per attività di conducente e indennità di guida

Ricorso autisti effettuato sulla base dell’art. 414 cpc contro l'Azienda Trasporti Messina ex CCNL Autoferrotranvieri 27.10.2000

Continua

Il costo di gestione del personale nella gara d'appalto (Parte seconda)

La variabile del calcolo del costo del lavoro nell’offerta economica della gara d’appalto muove sempre dai dati contrattuali e legali vigenti nel periodo considerato

Continua

Profili di responsabilità giuridica del dirigente d’azienda pre-virus

Adeguare e sviluppare in maniera programmatica l'evoluzione professionale dei dirigenti e dei quadri superiori, nonché anche la cultura imprenditoriale, risulta urgente

Continua

Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria

Cuneo fiscale ed Holding societaria. Riflessioni sulla protezione patrimoniale dell’imprenditore

Continua

Sicurezza nei luoghi di lavoro condominiali e DVR

Infortunio sul lavoro in ambito condominiale e nesso di resposabilità del datore di lavoro per redazione del DVR

Continua