Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Omessa consegna di documenti: limiti e controlimiti all'inutilizzabilità


L'inutilizzabilità, in sede contenziosa, dei documenti non esibiti nelle fasi di accesso, ispezione e verifica, viene chiarito da una pronuncia della Cassazione
Omessa consegna di documenti: limiti e controlimiti all'inutilizzabilità

Ai sensi dell'art. 32 comma 4 del d.P.R. n. 600/1972 "le notizie ed i dati non addotti e gli atti, i documenti, i libri ed i registri non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell'ufficio non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente, ai fini dell'accertamento in sede amministrativa e contenziosa. Di ciò l'ufficio deve informare il contribuente contestualmente alla richiesta." 

Tale norma, impone al contribuente l'onere di "scoprire le carte" sin dall'avvio del procedimento istruttorio prevedendo, in caso contrario, una menomazione all'esercizio del diritto di difesa caratterizzato dal fatto di non poter poi successivamente colmare l'iniziale omissione. La normativa contempla dunque alcuni contro-limiti:

  1. l'ufficio - nel momento della richiesta - deve informare il contribuente circa le connesse ripercussioni nel suo comoprtamento omissivo;

  2. il comportamento omissivo può essere sanato solo se il contribuente è esente da colpa e depositi, in allegato al ricorso introduttivo (e quindi in sede contenziosa) le notizie, i dati, i documenti, i libri e i registri, a suo tempo richiesti e non trasmessi dichiarando di non aver potuto adempiere alle richieste degli uffici per causa a lui non imputabile (art. 32 comma 5 del DPR 600/1972).

La Cassazione, in aderenza al dato normativo, nell'Ordinanza n. 22896 del 2021 precisa che le richieste dell'Ufficio non possono essere generiche essendo invece necessario che esse contengano un "invito specifico e puntuale all'esibizione", enumerando i dati e/o i documenti da esibire oltre ad evidenziare nell'atto di richiesta le eventuali conseguenze della mancata ottemperanza.

Nel caso sottoposto all'attenzione della Suprema Corte, l'Agenzia delle Entrate si era invece limitata a chiedere al contribuente, mediante un invito a comparire «di giustificare e documentare in maniera adeguata la maggiore disponibilità di risorse manifestata negli anni 2003 e 2004», senza né indicazione specifica della documentazione da produrre né avvertimento di una qualche conseguenza.

Come noto, dal 1 settembre l'attività di controllo e di notifica degli atti dell'Agenzia delle Entrate e dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione hanno ripreso a pieno ritmo dopo le sospensioni previste per fronteggiare la pandemia ed occorre pertanto porre grande attenzione in sede di risposta ai numerosi inviti a comparire che stanno pervenendo cercando, ove possibile, di ottenere dall'Amministrazione finanziaria chiara risposta circa l'esaustività - o meno - delle deduzioni fornite.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leverage cash out: necessaria un analisi caso per caso

Recenti pronunce di merito e di legittimità sono spesso pro-Contribuente nei casi in cui questo riesca ad adeguatamente evidenziare valide ragioni extrafiscali

Continua

La rivalsa (sul cliente) della maggiore IVA accertata (al fornitore)

La maggiore IVA accertata, può essere recuperata mediante la rivalsa prevista dall'art. 60 del DPR 633/1972 in ossequio al principio di neutralità dell'IVA

Continua

Cedolare secca sugli affitti: profilo soggettivo del conduttore

Cedolare secca sugli affitti e inesistenza di (pretesi) requisiti soggettivi in capo al conduttore

Continua

Processo tributario e divieto di prova testimoniale

Il divieto di prova testimoniale non viene violato in caso di utilizzo da parte dell'Amministrazione finanziaria di "dichiarazioni di terzi".

Continua

Amministratori di fatto: responsabilità fiscali

Amministratori di fatto di società o associazioni: esame delle responsabilità in ordine alle sanzioni tributarie

Continua

Ricerca e sviluppo: ammesse al credito anche modifiche e migliorie

Sono ammissibili e agevolabili ai sensi dell'art. 3 del d.l. n. 145 del 2013 (Credito di imposta Ricerca e Sviluppo) le modifiche e/o migliorie dell'esistente

Continua

Valore probatorio dei messaggi istantanei nell'accertamento tributario

Esame del valore probatorio degli instant messaging system (iMessage e WhatsApp) nell'accertamento tributario alla luce di una recente pronuncia di merito

Continua

Accertamento: il confine tra induttivo puro e analitico induttivo

Esame del confine tra accertamento "induttivo puro" e accertamento "analitico-induttivo": i requisiti che consentono di non dare rilievo alle scritture contabili

Continua

PASSAGGIO GENERAZIONALE e STUDI DI SETTORE

La delicata fase del passaggio generazionale non consente una acritica applicazione dei metodi predittivi del reddito, come ad esempio gli Studi di Settore.

Continua