Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Omesso versamento dell’IVA


La nuova soglia per l’irrilevanza penale del fatto
Omesso versamento dell’IVA

La Corte costituzionale con sentenza 9 aprile 2014, n. 80 (Pres. Silvestri, rel. Frigo) è intervenuta sull'art. 10-ter del D.Lg. 10 marzo 2000, n. 74.

Con le questioni di costituzionalità si era osservato come la norma dell'omesso versamento dell'Iva, da parte di chi avesse comunque effettuato una corretta dichiarazione del dovuto, fosse punita a partire da una soglia quantitativa più bassa (50.000 euro) di quella fissata per l'analoga condotta di chi non presentasse la dichiarazione Iva o ne presentasse una fraudolenta (rispettivamente, 77.468,53 e 103.291,38 euro).

La situazione si è modificata dal 2011, allorquando, con il decreto-legge n. 138 del 2011, aggiunto dalla legge di conversione n. 148 del 2011, la soglia di punibilità dell'omessa dichiarazione è stata diminuita a 30.000 euro (lettera f) e quella della dichiarazione infedele a 50.000 euro (lettera d).

Dunque, come rileva la Consulta, ad un importo inferiore, nel primo caso, e pari, nel secondo, a quello della soglia di punibilità dell'omesso versamento dell'Iva, rimasta per converso inalterata. Tuttavia, poiché le nuove soglie si applicano ai soli fatti successivi al D.L. 138/11, e, pertanto, la Corte Costituzionale ha deciso di «pareggiare» la soglia di irrilevanza penale della condotta di omesso versamento a quella vigente, nello stesso periodo, per i fatti di dichiarazione infedele.
Ne è conseguita la dichiarazione di illegittimità costituzionale dell'art. 10-ter del decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74, «nella parte in cui, con riferimento ai fatti commessi sino al 17 settembre 2011, punisce l'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla relativa dichiarazione annuale, per importi non superiori, per ciascun periodo di imposta, ad euro 103.291,38».

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Appropriazione indebita per acquisto nominativi

Dieci i mesi di reclusione per chi compra in maniera illegale banche dati altrui. Importante sentenz

Continua

Voluntary Disclosure

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle nuove norme che favoriscono il rientro dei capitali dall’estero

Continua

Modelli organizzativi, privacy e “whistleblowing”

D.lgs. 231/2001: la necessaria integrazione dei modelli organizzativi con le normative privacy (gdpr – regolamento ue 2016/679) e “whistleblowing” (legge 179/17)

Continua

Privacy: il D.Lgs. 101/2018 attuativo del GDPR

I nuovi illeciti penali e il regime sanzionatorio

Continua