Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Open scope


Open scope ci siamo...a partire dal 15 agosto 2018 la normativa RAEE amplia il proprio ambito di applicazione a nuove AEE e nuovi Produttori
Open scope
OPEN SCOPE ci siamo...a partire dal 15 agosto 2018 la normativa RAEE amplia il proprio ambito di applicazione a nuove AEE e nuovi Produttori ossia ad una serie di altri prodotti prima non previsti, generando un raddoppio dei rifiuti elettronici da gestire. In particolare, l’OPEN SCOPE fa rientrare nella definizione di AEE, insieme ai grandi e piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo, sorgenti luminose etc., anche fusibili, chiavette usb, spine, morsettiere, prolunghe e così via.
I soggetti interessati alle novità sono i produttori e gli importatori di tali apparecchiature che dovranno ad esempio organizzare e finanziare un sistema di gestione dei rifiuti delle proprie apparecchiature immesse sul mercato, tramite sistemi individuali o, preferibimente, aderendo ad un sistema collettivo (Consorzio) e le imprese della filiera come i distributori, gli impiantisti e i centri di assistenza, che nell’ambito della propria attività si trovano a "ritirare" dei RAEE.

Inoltre le modalità di classificazione di un bene come AEE e, di conseguenza, come RAEE nel momento in cui diventa rifiuto, è meno circoscritta, in quanto viene introdotto un criterio cosiddetto "aperto", in base al quale tutte le apparecchiature che rispondono alla definizione di AEE rientrano nella relativa disciplina - a meno che non siano riconducibili alle esplicite esclusioni previste.
Ciò comporterà, soprattutto nella prima fase di operatività di queste novità, la necessità di valutare, per molti prodotti/componenti prima esclusi, una loro eventuale classificazione come AEE e di conseguenza tutti i DISTRIBUTORI a dettaglio dovranno ottemperare alla raccolta di tali apparecchiature sia nella modalità 1 vs 1 e sia 1 vs 0 , se obbligati, aggiornando tutto quello che sarà sia la gestione pratica che documentale ai sensi dei nuovi allegati del Decreto Legislativo.

La BSN Consulting 42 è in grado di supportare tutti i soggetti interessati dai Produttori/Importatori-Distributori/CAT- Logisti- Impianti.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’Evoluzione dei RAEE

I rifiuti al centro di tematiche politico-ambientali a livello nazionale e internazionale

Continua

Cosa sono i RAEE e cosa devono fare i cittadini

I vecchi cellulari, le vecchie calcolatrici o le vecchie sveglie...che fine fanno questi rifiuti?

Continua

I Consorzi di imprese nel contesto dell’Albo nazionale gestori ambientali: fattispecie e procedure

I Consorzi di imprese nel contesto dell’Albo nazionale gestori ambientali

Continua

Delibera n.8 del 12/09/2017 - Requisiti iscrizione Albo Gestori Ambientali cat. 1-4-5

Con la Delibera n.5 del 3 novembre 2016 sono stati stabilì i criteri per l’iscrizione all’Albo

Continua

Regolarità DURC

Regolarità del pagamento dei contributi DURC

Continua

Obbligo di iscrizione all'Albo gestori ambientali

Sussiste l’obbligo di iscrizione all’ANGA per chi trasporta anche occasionalmente rifiuti propri

Continua

Sottocategoria 2-ter iscrizione Albo Gestori Ambientali

Individuazione della sottocategoria 2-ter per l’iscrizione all’Albo, con procedura semplificata

Continua

Sottocategoria 2-ter dell'Albo gestori ambientali per associazioni di volontariato ed enti religiosi

Necessaria l'iscizione per l'attività di raccolta e trasporto occasionali di rifiuti non pericolosi

Continua

I Consorzi di imprese nel contesto dell’Albo nazionale gestori ambientali

Esistono due diverse tipologie di Consorzi e due diverse procedure d’iscrizione all'Albo

Continua

Albo nazionale gestori ambientali: trasporto occasionale dei rifiuti propri

Anche chi trasporta solo occasionalmente rifiuti propri ha l'obbligo di iscriversi all'Albo

Continua