Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Ecobonus 110%: le opzioni dello sconto in fattura e cessione del credi


In alternativa alla detrazione fiscale del 110% è possibile optare per il cd. "sconto in fattura" e la cessione del credito: ecco le modalità operative
Ecobonus 110%: le opzioni dello sconto in fattura e cessione del credi

Il Decreto Rilancio, come ormai noto, non solo ha previsto la possibilità di ottenere detrazioni fiscali pari al 110% della spesa sostenuta per eseguire determinati lavori relativamente al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici, ma ha anche rappresentato la possibilità  di optare, in luogo della fruizione diretta della detrazione, per un contributo anticipato sotto forma di sconto dal fornitore dei beni o servizi (cd. “sconto in fattura”) o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.

Con circolare n. 24/E del 8 agosto 2020 l’Agenzia delle Entrate ha posto dei chiarimenti interpretativi di importante rilievo attinenti al chiacchierato “Superbonus”, fornendo altresì linee guida operative.

Prestando attenzione all’interessante previsione normativa dell’opzione della detrazione, l’Agenzia delle entrate chiarifica come ai sensi dell’articolo 121 del Decreto Rilancio, i legittimati possano in via alternativa optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione (riconosciuta nella misura del 110 %, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo e si applica alle spese sostenute, per interventi “trainanti” e “trainati”, dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, indipendentemente dalla data di effettuazione degli interventi):

  1. Ad uno sconto sul corrispettivo dovuto (cd. sconto in fattura) anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest'ultimo recuperato sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.
  2. Ad una cessione di un credito d'imposta di importo corrispondente alla detrazione ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari con facoltà, per questi ultimi, di successiva cessione

Nella prima ipotesi, il fornitore recupera il contributo anticipato al committente sotto forma di credito d'imposta di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successive cessioni di tale credito ad altri soggetti. Il cosiddetto sconto in fattura può essere totale (con guadagno per il fornitore del 10% rispetto quanto anticipato), oppure parziale. Nel qual caso è previsto che  il credito di imposta per il fornitore venga calcolato sull’importo dello sconto applicato (sempre maggiorato del 10%), mentre il committente potrà, in via alternativa, godere della detrazione per il restante importo non “scontato” dal fornitore oppure cedere a sua volta a terzi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Nella seconda ipotesi, invece, il committente potrà rivolgersi a soggetti terzi abilitati, inclusi gli istituti di credito. L’agenzia delle Entrate ha chiarito che in quest’eventualità l’opzione può essere effettuata in relazione a ciascuno stato di avanzamento dei lavori per massimo due volte per ciascun intervento ammesso al Superbonus ed il primo stato di avanzamento lavori deve comprendere almeno il 30% dell’intervento medesimo.

Il committente potrà dunque scegliere di fruire la detrazione per determinate rate e cedere il credito corrispondente alle restanti rate di detrazione. Come anticipato, le detrazioni vengono erogate su base annuale e, se non fruite per l’anno possono essere usufruite negli anni successivi ma non è possibile chiedere il rimborso per l’eccedenza.

Tuttavia, se la detrazione viene ceduta a terzi, questi ultimi usufruiranno del credito con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la detrazione, ma la quota di credito d'imposta non utilizzata nell'anno non può essere usufruita negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso. Anche per tale motivo il testo di legge prevede che i soggetti che ricevono il credito abbiano, a loro volta, la facoltà di successive cessioni.

Con specifico riferimento alla realtà condominiale, l’Agenzia delle Entrate chiarisce come nel caso in cui più soggetti sostengano spese per interventi realizzati sul medesimo immobile di cui sono possessori, ciascuno potrà decidere se fruire direttamente della detrazione o esercitare le opzioni previste, indipendentemente dalla scelta operata dagli altri. “In particolare, per interventi sulle parti comuni degli edifici, non è necessario che il condominio nel suo insieme opti per lo sconto in fattura o per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante. Infatti, alcuni condomini potranno scegliere di sostenere le spese relative agli interventi e beneficiare così della detrazione, mentre altri potranno optare per lo sconto in fattura o per la cessione del credito.”

Per poter esercitare l’opzione, è necessario manifestare la volontà in via telematica, anche avvalendosi dei professionisti abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, tramite apposito modulistica, dotarsi di visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta (rilasciata da soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni  e dai responsabili dell'assistenza fiscale dei CAF) oltreché l’asseverazione da tecnico abilitato sulla conformità dei lavori sa eseguirsi.

Nel caso in cui, di converso, il committente dovesse decidere di non opzionare la detrazione è bene sottolineare che per aver diritto alla detrazione le spese sostenute devono essere effettuate mediante bonifico bancario o postale dal quale risulti la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione ed il numero di partita IVA, ovvero, il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico viene effettuato.

Si rimane a disposizione per qualsivoglia delucidazione al riguardo. 

Avvocato Dora Ballabio

www.avvocatodoraballabio.com

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il parcheggio in condominio: come e quando possibile

Controverso è l'utilizzo del cortile condominiale quale parcheggio per l'autovettura dei singoli condomini. La Cassazione si esprime sul punto

Continua

La revisione delle tabelle millesimali

Cosa sono le tabelle millesimali? A cosa servono? Come possono essere modificate?

Continua

Chi è tenuto al risarcimento per danno da caduta su pavimento bagnato?

Risarcimento danni: se si scivola sulle parti comuni bagnate del condominio, chi risponde dei danni subiti?

Continua

Assemblee condominiali ai tempi del Coronavirus

Le assemblee condominiali sono considerate assembramenti di persone? E' possibile indire le assemblee condominiali? Come convocare assemblee condominiali a distanza?

Continua

Lastrico solare, come riparire le spese?

Le Spese del lastrico solare si ripartiscono per 1/3 all'utilizzatore esclusivo e per 2/3 al Condominio a meno che non vi sia una delibera assembleare derogante

Continua

Sanificazione degli spazi condominiali: obbligo dell'amministratore

Coronavirus: quali sono le prescrizioni e gli oneri degli amministratori di condominio in merito alla sanificazione delle parti comuni

Continua

Un nuovo consumatore d'eccellenza: il condominio

Recentemente si è assistito ad un dibattito giurisprudenziale sempre più crescente laddove ci si è interrogati sulla natura giuridica di un ente condominiale

Continua

Covid-19, mancato godimento dell'immobile locato ad uso commerciale

Possibilità per il conduttore di non corrispondere i corrispettivi di locazione e di chiedere la risoluzione del contratto

Continua

Incapienza conto corrente condominiale: sospensione dei servizi essenziali

COVID 19: il mancato pagamento della fornitura dei servizi essenziali quali elettricità, acqua e gas non può comportare la sospensione dell'erogazione dei servizi

Continua

Immobili di proprietà esclusiva e decisioni in assemblea condominiale

La delibera assembleare può intervenire su decisioni attinenti alle unità immobiliare di proprietà esclusiva?

Continua

Assemblee telematiche? Ora è possibile grazie alla Legge 126/2020

Grazie alle modifiche introdotte dalla L. 126/2020 è possibile convocare e tenere l'assemblea condominiale tramite videoconferenza

Continua