Orientamento. Un coach per monitorare il percorso


Sono sulla strada giusta? Per di qua si arriva lì dove voglio andare?
Orientamento. Un coach per monitorare il percorso
Parte di articolo pubblicato sul 7° numero di OUTSIDER, e su www.CoachingZone.it, con il titolo .

La transizione dalla scuola al lavoro è un viaggio che si fa da soli, perché l’esperienza degli altri è - appunto - la loro esperienza, non la mia, la tua, la sua. E’ un viaggio in cui il punto di partenza deve essere il giovane stesso, con le sue caratteristiche e potenzialità e desideri (e non i consigli più o meno competenti degli altri).
Qui un supporto individuale, un coach per l’orientamento, può fare davvero la differenza, riducendo il rischio di ripensamenti, e accelerando l’accesso ad un lavoro che offra soddisfazioni, guidando il coachee a identificare il percorso e a non perdersi per strada.

Marina: "Mi hanno proposto uno stage a Francoforte, che faccio, vado?"
Identificare il percorso e non perdersi per strada vuole dire ricevere dal coach un filo conduttore per mantenere la rotta durante gli studi o lo stage o i primi lavori. Quando non si ha chiaro se davvero una certa esprienza permette di accedere ai traguardi desiderati, e se èrappresenta la strada migliore per arrivarci.

Arrivata a Francoforte, ormai convinta che si tratta di una buona opportunità, Marina ha chiaro che lo stage le sarà utile se le daranno gradualmente maggiore autonomia. E se avrà l’opportunità di mettersi alla prova nelle aree in cui vuole migliorarsi: coordinarsi con gente di diverse culture, diventare più sintetica ed efficace nella redazione di report. Per fare questo ha preparato con il coach una griglia di osservazione, e si dà un voto ogni settimana rispetto a ognuna di queste aree. Una volta al mese Marina si confronta in Skype con il coach stesso: valutano insieme i progressi e quando è insoddisfatta chiede supporto per formulare un piano alternativo o essere aiutata a capire la realtà.

È tutto? Quasi. In realtà c’è ancora qualcosa che un coach per l’orientamento può dare ai suoi coachee, e lo vedremo la prossima volta.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il coaching manageriale

Che cosa può ottenere un manager dal suo coach? E` utile, anche se il coach non è competente nel business

Continua

Cambiare lavoro o no?

Può bastare un solo incontro con il coach per vedere una scelta - che sembrava impossibile - in una nuova prospettiva

Continua

Coaching per ridurre

Il coach può aiutare a diminuire, e non solo ad aumentare. Ridurre le spese, il tempo, l'impegno, mantenendo il senso e gli obiettivi.

Continua

Coaching, che cosa è

Il coaching è un processo individuale di formazione. Focalizzato su un obiettivo, e fatto di creatività, intuizioni, riflessioni, esercizi

Continua

Un coach per fare il punto

Serve davvero un coach per orientarsi verso il lavoro?

Continua

Un coach per costruire la mappa

Per orientatarsi verso il lavoro bastano determinazione, buona volontà, studi di qualità, una rete di conoscenze?

Continua

Un coach per trovare lo stage

Come arrivare allo stage giusto, quello che apre la strada professionale?

Continua

Self coaching

Esercizi mirati, metodi tratti da libri, reti di mutuo aiuto. Possono essere una valida alternativa al supporto professionale.

Continua

Coaching per neomamme al lavoro

Rientrare al lavoro dopo la maternità. Fra difficoltà emotive e organizzative, ma con un bagaglio in più di esperienza e gestione.

Continua

Fra senior e junior mettici il coach

L’uso del coaching per sostenere i processi di passaggio delle competenze dai “senior” ai “junior” nelle organizzazioni.

Continua

Life coaching

Coaching per la vita privata di tutti i giorni. Non solo per la carriera e lo sport

Continua

A chi serve un coaching?

Perché e quando scegliere un coaching. Invece di un corso, uno stage, un affiancamento, una pausa di riflessione, o altro ancora.

Continua

Coaching interculturale

Che fare se un Indiano risponde di sì a due domande contraddittorie? Come negoziare efficacemente in Sudamerica?

Continua

Diventare mentor

Quando si ha un know how da trasmettere, quando insegnare piace e si ha voglia di passare il testimone

Continua