Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Pace fiscale per A.S.D. E S.S.D.: valutazioni di convenienza


Il Decreto Legge 2018/119 contiene disposizioni specifiche per le A.S.D. e le S.S.D.
Pace fiscale per A.S.D. E S.S.D.: valutazioni di convenienza

Società/ASD: regolarizzazione con versamento volontario di periodi d’imposta precedenti. L'articolo 7 del Decreto Legge n. 119 del 2018, in corso di conversione in legge, contiene disposizioni specifiche per le società e le associazioni sportive dilettantistiche, iscritte nel Registro CONI. Queste possono avvalersi:

della dichiarazione integrativa speciale nel limite complessivo di 30.000 euro di imponibile annuo;

della definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento e della definizione agevolata delle liti pendenti, con alcune specificità. L'articolo 7, comma 1, consente alle società e alle associazioni sportive dilettantistiche, iscritte nel Registro CONI, di avvalersi della dichiarazione integrativa speciale regolata dall'articolo 9 del decreto in esame per tutte le imposte dovute e per ciascun anno di imposta, nel limite complessivo di 30.000 euro di imponibile annuo. La relazione del Governo precisa che le società e associazioni suddette possono avvalersi della dichiarazione integrativa speciale nel limite di 30.000 euro per singola imposta e per periodo d'imposta. Si segnala l'opportunità di chiarire in via esplicita nel provvedimento se il limite complessivo di 30.00 euro di imponibile annuo vada rapportato al cumulo delle imposte oggetto di dichiarazione integrativa, ovvero se sia riferibile a ciascuna di esse. Oltre alla possibilità di avvalersi della dichiarazione integrativa speciale, le società e le associazioni sportive dilettantistiche possono, ai sensi del comma 2:

avvalersi della definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento prevista dall'articolo 2 del decreto in esame, versando per intero l'imposta sul valore aggiunto (IVA), un importo pari al 50 per cento delle maggiori imposte accertate e al 5 per cento delle sanzioni irrogate e degli interessi dovuti (lettera a);

avvalersi della definizione agevolata delle liti pendenti dinanzi alle commissioni tributarie di cui all'articolo 6 del decreto in esame (lettera b). Per la definizione agevolata delle liti pendenti sono previsti versamenti differenziati in ragione del grado di giudizio e dell'esito della eventuale pronuncia giurisdizionale resa in primo grado. In particolare, prendendo come riferimento la data di entrata in vigore del decreto in esame, la definizione della pendenza potrà essere effettuata con il versamento volontario del:

40 per cento del valore della lite e 5 per cento delle sanzioni e degli interessi accertati nel caso in cui questa penda ancora nel primo grado di giudizio (lettera b, numero 1);

10 per cento del valore della lite e 5 per cento delle sanzioni e degli interessi accertati, in caso di soccombenza in giudizio dell'amministrazione finanziaria nell'ultima o unica pronuncia giurisdizionale resa e non ancora definitiva (lettera b, numero 2);

50 per cento del valore della lite e 10 per cento delle sanzioni e interessi accertati in caso di soccombenza in giudizio della società o associazione sportiva nell'ultima o unica pronuncia giurisdizionale resa e non ancora definitiva. Il comma 3 precisa che la definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento e delle liti pendenti, definita dal comma 2, è preclusa se l'ammontare delle sole imposte accertate o in contestazione, relativamente a ciascun periodo d'imposta, per il quale è stato emesso avviso d'accertamento o è pendente reclamo o ricorso, è superiore a 30.000 euro per ciascuna imposta, IRES o IRAP, accertata o contestata. In tali casi è possibile avvalersi delle definizioni agevolate degli atti di accertamento e delle liti pendenti di cui agli articoli 2 e 6 con le regole ivi previste.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le Discipline Sportive, delibera CONI del 14/02/2017

Mantenute nel 2017 le iscrizioni al registro CONI per quelle ASD/SSD le cui discipline praticate non trovano più rispondenza in quelle approvate dal CONI

Continua

Anche minimi e forfettari nella CU 2017

Certificazione Unica 2017 anche per i titolari di parita Iva in regime dei minimi o forfettario. Ecco tutte le regole e i casi particolari

Continua

La delibera del C.N. CONI n. 1566

L’individuazione delle discipline sportive ai fini dell’iscrizione al Registro delle Associazioni

Continua

Tassa annuale di concessione governativa

Ecco chi è tenuto a pagare il tributo e chi no

Continua

La dichiarazione congiunta : paga la moglie

La dichiarazione congiunta : responsabilità solidale del consorte

Continua

La dichiarazione congiunta: paga la moglie

La dichiarazione congiunta: responsabilità solidale del consorte

Continua

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D.

Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

Continua

Fino a € 200.000 sempre seducibili ASD/SSD

Sempre deducibili le spese di “sponsor” fino a € 200.000 <br />pagate alle ASD/SSD

Continua

Omesso versamento dell`Iva: la vedova non risponde

L’obiettiva impossibilità di far fronte all’obbligazione tributaria e la sua totale estraneità alle vicende assolvono la vedova dal reato iscritto

Continua

Iva da accertamento per le sportive

Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Continua

Lo sport e la riforma del terzo settore

Lo sport non è stato compreso nella nuova disciplina

Continua

Cda nello Sport: aspetti fiscali

Aspetti fiscali nei CdA dello sport dilettantistico

Continua

Bozza di Bilancio 2018: collaborazioni sportive

Modifiche in materia di collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive

Continua

La società sportiva dilettantistica lucrativa

Legge di Bilancio 2018: le novità in arrivo per le Sportive

Continua

Lo sport bonus

Manovra di bilancio 2018: istituito lo sport bonus

Continua

Sport: contributi per disabili

Manovra 2018 pro sport: contributo straordinario per l’acquisto di ausili per disabili e campagna di sensibilizzazione per minori extracomunitari

Continua

Contratti nel settore sportivo

CO.CO.CO. nel settore sportivo

Continua

Le società sportive dilettantistiche lucrative

Le società sportive dilettantistiche con <br />fine di lucro

Continua

Aliquote IVA: aumenti dal 2019

L'iva continua ad aumentare: aumenti dal 2019

Continua

5 per mille

5 per mille, online il nuovo elenco permanente degli iscritti

Continua

Accertamento ad una polisportiva!!

Accertamento per imposte dirette ed Iva emesso nei confronti di una Polisportiva

Continua

Serie A: perdite sotto controllo...

Perdite al 50%, divieto di tesseramento

Continua

Regolamento Privacy, il Modello GDPR

Il Modello GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati sulla Privacy per le sportive

Continua

Addio alle società sportive lucrative

Il D.l. “Dignità” abroga le lucrative

Continua

Democraticità: Cassazione n. 20123 del 30-07-18

Nelle associazioni i principi di democraticità richiesti <br /> dall’art. 148 Tuir vanno rispettati in concreto

Continua

ASD: individuazione delle attività connesse a quelle istituzionali

Estensione della 398/91 alle attività connesse alle attività costituzionali

Continua

Novità modello Eas

Il termine fissato per la presentazione del modello Eas non ha carattere perentorio

Continua