Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Padri, tempo con i figli e mantenimento


Il padre può ottenere la riduzione dell'assegno di mantenimento se i figli trascorrono più tempo con lui
Padri, tempo con i figli e mantenimento

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 3203 emessa il 15.12.2020, ha affermato il principio per cui se un padre aumenta la frequenza del diritto di visita delle figlie minori e si impegna quindi a mantenerle direttamente durante la permanenza delle stesse presso di lui, ciò giustifica la riduzione del mantenimento dovuto alla madre per le spese ordinarie.

La Corte di Appello di Venezia, su ricorso promosso dal padre per la modifica delle condizioni di affidamento delle figlie minori nate fuori dal matrimonio, finalizzato alla riduzione dell’assegno disposto per il loro mantenimento ordinario, aveva confermato la decisione di primo grado del Tribunale quanto alla collocazione prevalente presso la madre, ma con la possibilità che le figlie minori frequentassero e soggiornassero per molto più tempo presso il padre, accogliendo quindi il reclamo sulla richiesta di riduzione del contributo al mantenimento.

La Corte d'Appello, infatti, riduceva il contributo al mantenimento ordinario per le figlie da versare alla madre, disponendo il mantenimento diretto delle due minori da parte del padre nel periodo in cui le figlie abitavano con lui.

In particolare, i giudici d’appello hanno sostenuto che “la riduzione di tale contributo si poteva giustificare con l’ampliamento del diritto di visita del padre e con il regime di mantenimento diretto della prole, non trascurato il fatto che le minori vivevano molte ore in educandato”.

Contro la pronuncia proponeva ricorso per Cassazione la madre, lamentando in particolare la violazione e falsa applicazione della norma sui presupposti della revoca o modifica dei provvedimenti adottati.

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dalla madre delle minori e ha confermato la decisione della Corte di Appello, affermando che “il nuovo regime derivante dalla riforma della filiazione introdotta dalla l. n. 219 del 2012 e dal d.lgs. n. 154 del 2013, teso ad assicurare l’uniformità di regolazione giuridica della responsabilità genitoriale in sede separativa, divorzile ed in relazione ai figli nati fuori dal matrimonio, ha introdotto l’art. 337 quinquies c.c., che contempla la possibilità per ogni genitore di chiedere la revisione delle disposizioni concernenti l’affidamento dei figli, l’attribuzione dell’esercizio della responsabilità genitoriale su di essi e delle eventuali disposizioni alla misura e modalità del contributo”.

La Suprema Corte ha, quindi, affermato che sussiste il pieno diritto del padre “di chiedere, in considerazione anche delle diverse esigenze e necessità delle figlie conseguenti alla loro crescita, una modifica delle condizioni di frequentazione delle figlie minori” e ha ritenuto corretto l'accoglimento della decisione di diminuire il mantenimento ordinario dovuto dal padre per le figlie sulla base “della rimodulazione del diritto di visita e frequentazione delle minori da parte del padre e del relativo obbligo di mantenimento diretto durante i suddetti periodi".

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto di famiglia
AVV. LUANA MOMESSO
VIA XIII MARTIRI, N. 41
30027 - San Donà di Piave (VE), Veneto


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Mantenimento, è possibile il pignoramento del reddito di cittadinanza?

In tempo di reddito di cittadinanza, si pone il problema se questo sia pignorabile da parte dell'ex coniuge al quale non viene versata la cifra stabilita dal Giudice

Continua

Disconoscimento di paternità e momento di conoscenza dell'adulterio

In che momento si considera avvenuta la conoscenza dell'adulterio per la sentenza di disconoscimento della paternità? I diritti del figlio non possono essere trascurati

Continua

Ordinanza di assegnazione della casa familiare e opponibilità ai terzi

Si può opporre al terzo acquirente l'ordinanza di assegnazione della casa familiare intervenuta dopo la vendita?

Continua

Mantenimento al figlio: occorre valutare le risorse economiche di ciascun genitore

L'assegno di mantenimento al figlio deve essere determinato alla luce di molteplici criteri e non solo sulla base di un semplicistico calcolo matematico

Continua

TUTELA DELLE LAVORATRICI AUTONOME IN GRAVIDANZA

LA CORTE DI GIUSTIZIA STABILISCE PIU’ TUTELE PER LE DONNE LAVORATRICI AUTONOME NELLE ULTIME FASI DELLA GRAVIDANZA E NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PARTO

Continua

Mantenimento del figlio naturale da parte del genitore non affidatario

Il genitore è tenuto al mantenimento del figlio fin dalla fine della coabitazione o, in alternativa, dalla domanda giudiziale

Continua

Nullità della sentenza di matrimonio e convivenza

Ai fini della dichiarazione di nullità della sentenza di matrimonio la convivenza ventennale va eccepita su istanza di parte

Continua

Da quando va mantenuto il figlio nato fuori dal matrimonio?

Il genitore non affidatario deve mantenere il figlio naturale già dal momento della fine della coabitazione ovvero dal momento della domanda di mantenimento

Continua

Ricongiungimento familiare dei conviventi nel pubblico impiego: vale anche per le convivenze

La convivenza more uxorio rileva, nel pubblico impiego, ai fini del trasferimento del dipendente per ricongiungimento familiare

Continua

Diritto della madre all'anonimato anche dopo la sua morte?

Sussiste il diritto della madre all’anonimato anche dopo la sua morte, in caso di accertamento giudiziale della maternità?

Continua