Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Passaggio generazionale: la consulenza come risposta strategica


Il passaggio generazionale vuole una risposta strategica mirata: la consulenza
Passaggio generazionale: la consulenza come risposta strategica

Nel primo capitolo di questo articolo abbiamo analizzato la realtà estremamente critica che emerge dallo studio di numeri, dati e situazioni concrete vissute nel corso di un passaggio generazionale.

Passaggio generazionale

Ogni passaggio generazionale è unico, è vero, ma come abbiamo visto ci sono dei tratti critici in comune:

  1. differenze tra generazioni;

  2. problemi di comunicazione efficace; 

  3. problemi di confusione nella governance.

E ci sono diverse tipologie di errori che scaturiscono da questi snodi cruciali:

  1. non considerare il passaggio generazionale come un’opportunità per il futuro dell’azienda;

  2. fare confusione tra ruoli (proprietà, direzione, management);

  3. considerare il passaggio di testimone come un fatto limitato nel tempo;

  4. dimenticare di trasmettere la cultura imprenditoriale;

  5. evitare il confronto sano;

  6. riporre poca fiducia nell’approccio lavorativo delle nuove generazioni;

  7. non pianificare il passaggio per tempo, imponendolo senza gradualità;

  8. non affidarsi a consulenti preparati.

La strada del successo passa attraverso azioni che permettono di:

  1. perfezionare i meccanismi di governance;

  2. analizzare le relazioni interne;

  3. verificare punti di forza e criticità dell’impresa familiare.

Il distacco dell’imprenditore: tra ansia e lungimiranza

Con il passare degli anni l’imprenditore e fondatore invecchia, insieme alla propria organizzazione e ai propri collaboratori. L’azienda può perdere energia e reattività, rimettendoci in competitività. 

Nessun imprenditore vorrebbe veder spegnersi la propria azienda, ma l’imprenditore lungimirante sa che è necessario pianificare per tempo una soluzione adatta a garantirle continuità operativa, favorendo la successione come strumento evolutivo del business, di conservazione del know how e delle interazioni e relazioni umane.

Siamo sinceri: un imprenditore impegnato a far crescere un’azienda non ha mai il tempo per pianificare il passaggio di testimone, ma continuerà a spostare l’orizzonte temporale senza sentirsi mai davvero preparato ad affrontarlo.

Il passaggio è un processo, un’attività continuativa, richiede almeno 5 anni per essere eseguito e non esiste la possibilità di anticiparne tutte le difficoltà, perché ognuno è unico, così come ogni azienda e ogni persona lo è. Sempre che esista la motivazione sufficiente per mettere in moto la macchina del cambiamento. Non è raro che gli eredi si trovano investiti di un ruolo che non desiderano ricoprire e, in caso di errore, non esiste appello.

Il senior dovrà quindi lasciare massima libertà di scelta ai propri figli. Intuire il settore di competenza di ciascuno e capire se modalità di lavoro e scelte professionali rispecchino responsabilità e passione saranno i suoi compiti in questa fase. Il distacco dell’imprenditore dall’azienda e dall’operatività è inoltre facilitata se questi rimane costantemente aggiornato sulla sua creatura. 

Diventandone a questo punto un socio, il senior si aspetterà di avere dai figli informazioni puntuali sull’andamento del business. Un vulnus notevole, specialmente nelle Pmi venete. Spesso i junior tardano nel dotarsi di strumenti per informare l’imprenditore il quale, sentendosi tagliato fuori, non fa altro che intromettersi nella vita operativa dell’azienda, considerandolo l’unico sistema per restare informato.

La consulenza come strategia risolutiva

In entrambe queste macrosituazioni – la pianificazione del passaggio e la gestione della condivisione di informazioni – esiste una risposta semplice ed efficace di cui ogni imprenditore lungimirante dovrebbe dotarsi: l’assistenza di consulenti competenti, che diventano un asset vitale per una transizione sana e positiva:

  • per il senior, che sarà più sereno nel capire quale direzione abbia preso la sua azienda
  • per il junior, che avrà in termini attuali e prospettici una visione chiara della situazione aziendale.

Chi subentra in azienda deve imparare, compiendo magari qualche errore, ma deve anche poter controllare. Sarà necessario fornirgli una visione qualitativa e quantitativa di obiettivi, strumenti, logiche, investimenti, budgeting e reporting. 

In molti casi le competenze non sono pervasive di ogni ambito. I senior sanno gestire al meglio il proprio mestiere, i junior facilmente avranno avuto la possibilità di formarsi magari svolgendo attività esterne all’azienda di famiglia.

Per far sì che le competenze di entrambi siano davvero complementari, è molto meglio affidarsi a collaboratori interni ed esterni in grado di leggere i dati forniti dagli strumenti di controllo, trarne informazioni e idee, gestire ipotesi supportate dalle informazioni e verificarne costantemente la reale fattibilità.

E quindi? Cosa può fare un buon consulente per la nostra azienda?

[continua nel prossimo aggiornamento]

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Consulenza aziendale, chi ha paura del DSCR?

Come adeguarsi alla nuova normativa sulla Crisi d’Impresa? Il CNDCEC ha individuato un indice dal nome inquietante: il DSCR. Vediamo insieme di cosa si tratta

Continua

Consulenza aziendale: come si calcola il DSCR? (Parte 1)

DSCR: un indice dal nome minaccioso, ma in grado di dirci velocemente se la nostra azienda disponga di sufficiente liquidità. Vediamo come calcolarlo in pochi step!

Continua

Consulenza aziendale: come si calcola il DSCR? (Parte 2)

Una volta capito come calcolare il DSCR, facciamo un ultimo passo in avanti costruendo il Rendiconto Finanziario previsionale

Continua

Come costruire il Rendiconto Finanziario previsionale?

Il Rendiconto Finanziario previsionale si può calcolare in due modi: diretto o indiretto. Vediamo come fare

Continua

Finalmente, ecco pronto il DSCR!

Dopo aver analizzato i due metodi per calcolare il Rendiconto Finanziario Previsionale nello specifico siamo pronti per calcolare correttamente il DSCR

Continua

Crisi ed equity al tempo del Covid-19

La crisi economica, generata dall’emergenza sanitaria Covid-19, penalizza le scelte guidate dalla filosofia del "just in time"

Continua

4.0 in azienda: una scelta lungimirante e vincente

L'universo 4.0 è ancora oggi poco conosciuto e sfruttato dalle aziende. I consulenti Acanto vi spiegano perché puntare sull'innovazione è la scelta vincente

Continua

Invoice trading o anticipo fatture: uno dei 4 grandi strumenti di fina

Affidarsi solo alle banche può essere un limite. L'Invoice trading o anticipo fatture è uno dei 4 grandi strumenti di finanza alternativa da analizzare

Continua

Dopo l'Invoice Trading, altri tre strumenti di finanziamento alternativo alle banche

Pro e contro di tre strumenti di finanziamento alternativo: Equity crowfunding, Minibond e Basket Bond. Prima di scegliere, meglio affidarsi a consulenti competenti

Continua

Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile

Smart Working e telelavoro: le differenze sono molte. Pregi e difetti del lavoro agile, per un utilizzo consapevole di un nuovo paradigma lavorativo.

Continua

Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile (parte 2)

Smart working: tanti i vantaggi del nuovo sistema di lavoro. Le insidie? Sotto controllo, grazie alle dritte dei nostri consulenti

Continua

Welfare aziendale: ecco perché conta in azienda

Aumenta il risparmio aziendale e motiva i dipendenti: il Welfare Aziendale è lo strumento fondamentale per le imprese. Ecco perché è importante!

Continua

Welfare aziendale: pro e contro

Strumento fondamentale per le imprese, il Welfare aziendale presenta molti vantaggi. Ecco una guida per utilizzarlo al meglio!

Continua

Passaggio generazionale: dal problema alle possibili soluzioni

Passaggio generazionale: un momento molto delicato nella vita di un’azienda familiare.

Continua