Pensare la tecnologia


La sfida del miglioramento nel nuovo mondo digitale
Pensare la tecnologia

Il coaching è un metodo di allenamento delle potenzialità personali. Mira ad aiutare persone ed organizzazioni a raggiungere obiettivi di felicità attraverso azioni concrete. È stato dapprima visto con diffidenza, al momento della sua comparsa in Italia, ma poi è entrato nello sport, nelle aziende, nelle scuole. Oggi rischia di diventare una moda ma il pericolo maggiore non riguarda il numero dei professionisti (reali o presunti), ma la sua funzione sociale.

Appaiono palesi tre rischi principali.

Il coaching è un tentativo costante di creare nuovi modelli culturali intorno al lavoro, alla famiglia, alle relazioni. Se perde questa ambizione può promuovere l’adattamento pigro e negativo.

È un patto di alleanza volto ad innovare l’attività umana stimolata dalle domande essenziali, quelle che non possono trovare risposta con una App. Se non è questo, può accompagnare verso obiettivi banali.

È uno strumento distruttore di contesti che creano malessere. Se non mira a ciò può perpetuarli divenendo, suo malgrado, complice degli stessi.

L'uomo, infatti, si allena sempre, anche al peggio! A volte perché non trova uno spazio o un alleato che lo stimoli a scoprire nuove opzioni. A volte perché ha maturato un sentimento di disprezzo per la propria e l’altrui esistenza. In altri casi per abitudine.

Una comitiva di ragazzi immersi nel loro smartphone è un contesto di pratiche di esercizio la cui ripetizione plasma le relazioni ed i comportamenti. Ma sono pratiche che vengono notate solo da un osservatore esterno.  

I filosofi greci, intelligentemente, cercavano di prendere le distanze dalle pressioni del contesto per lavorare alla costruzione di una seconda natura capace di rendere sé stessi e la loro comunità migliori. Le scuole e le accademie erano fisicamente separate dal cuore della vita politica ed economica, per pensarli.

L’impegno pratico dei filosofi rappresentava un esercizio costante di coraggio, gentilezza, creatività, integrità ed iniziava da un atto di secessione necessario a stimolare i muscoli della mente prima di agire. Anzi, era già azione! Non rappresentava una fuga dal mondo ma l’opportunità di guardare a distanza per osservare l'insieme.

L’alleanza tra coach e cliente, riprendendo questo approccio, vede la persona come atleta spirituale (Stanchieri 2018) che agisce sulla realtà.

Per questo non può essere trascurato il rapporto con le nuove tecnologie.

Il web “non è un mezzo ma un ambiente” (Contri 2018). È un territorio di cittadinanza e di domanda prima ancora che di offerta. Vive di velocità ed allena ad una “costante attenzione parziale” (ibid.) E’ l’acqua nella quale siamo immersi e ci sembra scontata.

La necessità del distacco serve ad affinare qualità e quantità della massa del pensiero per evitare la pigrizia di un pensiero di massa sempre più rancoroso, credulone ed automatico.

Il patto di coaching mira, quindi, a tirare fuori nuove idee per migliorare la vita, costruire un piano d’azione e dargli seguito puntando sui tratti di forza del carattere e sull’essenza relazionale della natura umana.

È meglio confrontarsi col nuovo mondo digitale senza paure o complessi, con la consapevolezza di quanto sostiene lo stesso Bill Gates: “ The context (la tecnologia) is the Queen, but the content (l’idea) is King.

È solo un primo passo, ma non ha nulla di scontato!

 

Riferimenti bibliografici

Scopri le tue potenzialità, Luca Stanchieri, FrancoAngeli, 2017

MCLuhan non abita più qui?, Alberto Contri, Bollati Boringhieri, 2017  

La passione di comunicare, Armando Floris, historica, 2016

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Perchè non si deve avere l’auto più bella del capo

Coloro che mettono alla prova il senso di autostima dell’interlocutore rischiano molto

Continua

In azienda non esistono bugie

Quale verità mi racconta quella fandonia?

Continua

Il discorso efficace: come trovare l'idea forza

Oltre le tecniche del public speaking: cosa fa veramente la differenza nel parlare in pubblico? <br />Tre spunti pratici per un intervento memorabile

Continua

Allenamento o adattamento?

La sfida del Coaching formativo

Continua

La montagna del conflitto

Perdere la faccia. Come si passa dalla tensione alla guerra totale

Continua

Pensieri a trazione integrale

L’ultimo giorno dell’anno alcune riflessioni tentano la scalata

Continua

Le due verità sugli obiettivi

Elaborare un buon piano d’azione per il 2017. Parte 1

Continua

Lasciatemi vendere in pace

Cosa precede le tecniche di comunicazione

Continua

L’avvocato antifragile

Distinguersi nella professione forense allenandosi con il coaching

Continua

Persone di carattere

Dimensioni, fascino e allenamento di un concetto dai molteplici significati

Continua

E' credibile?

L'uso delle nostre potenzialità per capire a chi dar credito

Continua

Lo scettico credulone

Paradossi della credibilità tra comunicazione e autogoverno

Continua

La fiducia

Costruire un’alleanza forte andando oltre le tattiche di comunicazione

Continua

Il valore del lavoro genera alleati

Migliora il prodotto e difinisci il significato dell’ opera: avrai solidarietà e supporto

Continua

La risposta corretta alla domanda sbagliata

Riflessioni sul coaching per gli adolescenti

Continua

Altro che meraviglia!

La filosofia di vita cambia grazie ad un atto di ribellione

Continua

L’autogoverno con l’aiutino

Tattiche per darsi un po' di disciplina

Continua

Come affronti le tue battaglie?

L’atteggiamento giusto per tirar fuori risorse e soluzioni

Continua

Quattro domande più una per prendersi sul serio

Un filosofo e un allenatore aziendale alle prese con il tema del cambiamento

Continua

Taccagni ma creativi

Cerchiamo conferme o nuove idee per migliorare la vita?

Continua

Le App non bastano

I nativi digitali alle prese con le scelte importanti

Continua

I dieci comandamenti del formatore

Cosa aver presente prima di entrare in aula

Continua

Anche i gruppi sbagliano

Opportunità e rischi dello scegliere insieme

Continua

Mediocri di successo

Il ruolo di fortuna, talento e antifragilità nella realizzazione professionale

Continua

L'equazione della grinta

Come si arriva dall'attitudine ai risultati

Continua